Approfondimenti in pillole

Servizi

Video Interviste

Interviste ad oncologi, urologi, radioterapisti e psiconcologi per approfondire gli aspetti della malattia e come si arriva alla diagnosi.

 
 
 

17 Settembre 2018 - Diagnosi

A quale età è consigliabile effettuare visite urologiche periodiche? E con quale frequenza?

Risponde: Marco De Sio, Direttore U.O. di Urologia Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli”
Quello dall’urologo deve essere un appuntamento regolare fin dall’età giovanile. Le visite devono essere più frequenti in caso di disturbi genito-urinari o di familiarità con patologie neoplastiche.
 

21 Agosto 2018 - Convivere con la malattia

Come interpretare i valori del PSA in relazione all’età?

Risponde: Davide Pastorelli – Direttore UOC Oncologia Medica , ULSS 1 DOLOMITI di Feltre (BL)

Gli screening del PSA non sono affidabili, per cui bisogna valutare bene l’utilità dell’esame dell’antigene prostatico specifico. 

 

10 Agosto 2018 - Terapia

Multidisciplinarietà nella gestione del carcinoma della prostata: che impatto ha nella gestione del paziente?

Risponde: Davide Pastorelli – Direttore UOC Oncologia Medica, ULSS 1 DOLOMITI di Feltre (BL)

La multidisciplinarietà consente, con un’unica discussione, di decidere la terapia, informare il paziente in modo univoco e disegnare il percorso di cura.

 

1 Agosto 2018 - Diagnosi

Quali sono gli strumenti per valutare la qualità di vita del paziente?

Risponde: Davide Pastorelli – Direttore UOC Oncologia Medica , ULSS 1 DOLOMITI di Feltre (BL)

Vengono utilizzati questionari universalmente accettati per valutare la qualità di vita in Oncologia. Il Dott. Pastorelli sottolinea l’importanza del ruolo degli infermieri nel somministrare i questionari e raccogliere il vissuto dei pazienti. 

 

26 Luglio 2018 - Psiconcologia

Come instaurare un rapporto di fiducia ottimale tra medico e paziente?

Risponde: Davide Pastorelli – Direttore UOC Oncologia Medica , ULSS 1 DOLOMITI di Feltre (BL)

Il medico deve instaurare un rapporto fiduciario con il paziente e viceversa. Il Dott. Pastorelli spiega l’importanza del dialogo e delle emozioni del paziente.