Approfondimenti in pillole

Servizi

Video Interviste

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Donec consectetur, turpis sit amet imperdiet pretium

 
 
 

15 Novembre 2019 - Malattia

L’aumento del PSA indica necessariamente la presenza di una neoplasia prostatica?

Risponde: Francesco Montagnani, Ospedale degli Infermi di Ponderano (BI)

I rialzi del PSA nella maggior parte dei casi sono associati a situazioni benigne, come la presenza di una prostatite o fluttuazioni casuali senza una causa apparente. Il PSA è importante e va monitorato, ma è opportuno che sia il medico a valutare come procedere.

 

13 Novembre 2019 - Diagnosi

Quando è consigliabile effettuare la prima visita oncologica?

Risponde: Alice Gatti, AOU “Maggiore della Carità” di Novara

Il paziente di solito viene visitato da un oncologo perché indirizzato dall’urologo o, in certi casi, dal proprio medico curante.

 

8 Novembre 2019 - Diagnosi

Quando è consigliabile effettuare la prima visita urologica di prevenzione?

Risponde: Francesco Montagnani, Ospedale degli Infermi di Ponderano (BI)

La visita urologica di prevenzione andrebbe fatta in presenza di sintomi che riguardano la minzione (disturbi a urinare, bruciore etc.) o quando si riscontrano valori alterati negli esami del sangue, ad esempio sul PSA.

 

5 Novembre 2019 - Diagnosi

In cosa consiste la visita oncologica, come si svolge e cosa consiglierebbe ad un paziente che incontra per la prima volta?

Risponde: Alice Gatti, AOU “Maggiore della Carità” di Novara

La prima visita oncologica consiste nella anamnesi, nell’esame obiettivo e nell’impostazione del percorso diagnostico e, a seguire, del percorso terapeutico. È un momento molto importante, perché stabilisce l’inizio della relazione tra medico e paziente.

 

31 Ottobre 2019 - Diagnosi

In cosa consiste la visita oncologica, come si svolge e cosa consiglierebbe ad un paziente che incontra per la prima volta?

Risponde: Francesco Montagnani, Ospedale degli Infermi di Ponderano (BI)

Il primo incontro del paziente con l’oncologo deve essere un momento di dialogo: secondo il Dottor Montagnani, è importante porre qualsiasi domanda al medico e parlare in completa libertà, senza fidarsi delle informazioni che si trovano su Internet, che necessitano di interpretazione.