Approfondimenti in pillole

Servizi

Quanto è importante il trattamento precoce per la cura del tumore alla prostata?

    play_arrow 0:00 / 0:00 volume_up crop_free

20 Novembre 2017 - Diagnosi

Risponde: Roberto Bortolus , CRO Aviano

Quanto è importante il trattamento precoce per la cura del tumore alla prostata?

Leggi la trascrizione dell'intervista

Quanto è importante il trattamento precoce per la cura del tumore alla prostata? La risposta è tanto o poco o niente. Si parla molto di prevenzione. Quando ti arriva un paziente che ha magari un tumore molto iniziale, tu gli dici “non facciamo niente”, facciamo quella che noi chiamiamo sorveglianza attiva, ti dice “ma come, tutti dicono di fare prevenzione… lo abbiamo trovato [il tumore], è piccolo, lei mi dice lo lasciamo lì?”. Ecco, questa è la mentalità, queste sono le cose da correggere. Ci può essere un tumore in cui la prevenzione oncologica ti porta ad una terapia precoce, ma fatta in termini molto molto rapidi – parliamo di tumori molto aggressivi -, e altri invece tumori cui l'abbiamo scoperto [il tumore], l'abbiamo trovato, lo seguiamo, lo controlliamo, quindi non è importante un trattamento precoce, è importante eventualmente una diagnosi precoce. Ecco, bisogna distingue perché nella prostata abbiamo fondamentalmente tre tipi di tumori: quelli a basso rischio, quelli a rischio intermedio e quelli ad alto rischio. Quelli a basso rischio potrebbero rientrare nella maggior parte dei casi in un programma di sorveglianza attiva. Cosa vuol dire sorveglianza attiva? Vuol dire seguirlo fare dei mappaggi bioptici annuali e vuol dire anche non fare una terapia immediata, ma farla quando serve. Questi sono tumori in cui la terapia fatta potrebbe essere più dannosa, portare a più sequele rispetto al tumore stesso o all'evoluzione del tumore stesso. Per contro - e questa è l'altra parte della domanda - ci sono dei tumori che sono molto aggressivi, in cui un trattamento multimodale iniziale può salvarti la vita.

 
 

Potrebbe interessarti anche...

4 Ottobre 2018 - Diagnosi

La biopsia della prostata richiede una preparazione particolare?

Risponde: Marco De Sio, Direttore U.O. di Urologia Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli”
La biopsia prostatica transrettale può comportare una contaminazione batterica, per cui la preparazione del paziente è necessaria.
 

30 Settembre 2018 - Diagnosi

In cosa consiste la biopsia della prostata?

Risponde: Marco De Sio, Direttore U.O. di Urologia Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli”
La biopsia della prostata consiste nell’asportazione di piccoli frammenti di tessuto, per poterli analizzare. Esistono diverse tecniche, come ci spiega il Prof. De Sio.
 

24 Settembre 2018 - Diagnosi

Quali sono gli esami per diagnosticare il carcinoma della prostata?

Risponde: Marco De Sio, Direttore U.O. di Urologia Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli”
Non esiste un esame che, da solo, sia in grado di diagnosticare il tumore alla prostata, così come non esistono sintomi specifici di questo tipo di carcinoma.
 

17 Settembre 2018 - Diagnosi

A quale età è consigliabile effettuare visite urologiche periodiche? E con quale frequenza?

Risponde: Marco De Sio, Direttore U.O. di Urologia Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli”
Quello dall’urologo deve essere un appuntamento regolare fin dall’età giovanile. Le visite devono essere più frequenti in caso di disturbi genito-urinari o di familiarità con patologie neoplastiche.
 

1 Agosto 2018 - Diagnosi

Quali sono gli strumenti per valutare la qualità di vita del paziente?

Risponde: Davide Pastorelli – Direttore UOC Oncologia Medica , ULSS 1 DOLOMITI di Feltre (BL)

Vengono utilizzati questionari universalmente accettati per valutare la qualità di vita in Oncologia. Il Dott. Pastorelli sottolinea l’importanza del ruolo degli infermieri nel somministrare i questionari e raccogliere il vissuto dei pazienti.