Approfondimenti in pillole

Servizi

Quando è consigliabile effettuare la prima visita urologica di prevenzione?

    play_arrow 0:00 / 0:00 volume_up crop_free

8 Novembre 2019 - Diagnosi

Risponde: Francesco Montagnani , Ospedale degli Infermi di Ponderano (BI)

La visita urologica di prevenzione andrebbe fatta in presenza di sintomi che riguardano la minzione (disturbi a urinare, bruciore etc.) o quando si riscontrano valori alterati negli esami del sangue, ad esempio sul PSA.

Leggi la trascrizione dell'intervista

Dunque, la prima visita urologica di prevenzione è consigliabile effettuarla ogni qual volta ci siano dei sintomi che hanno a che fare per esempio con la minzione, problematiche a urinare, bruciore, disturbi vari o quando si riscontrano valori alterati negli esami del sangue magari richiesti dal curante per un controllo o soprattutto sul PSA. In quelle situazioni è utile non far finta di niente, ma meglio fare una visita in più che non serve piuttosto che non sottoporsi a una visita quando magari ce n’è la necessità.

 
 

Potrebbe interessarti anche...

13 Novembre 2019 - Diagnosi

Quando è consigliabile effettuare la prima visita oncologica?

Risponde: Alice Gatti, AOU “Maggiore della Carità” di Novara

Il paziente di solito viene visitato da un oncologo perché indirizzato dall’urologo o, in certi casi, dal proprio medico curante.

 

5 Novembre 2019 - Diagnosi

In cosa consiste la visita oncologica, come si svolge e cosa consiglierebbe ad un paziente che incontra per la prima volta?

Risponde: Alice Gatti, AOU “Maggiore della Carità” di Novara

La prima visita oncologica consiste nella anamnesi, nell’esame obiettivo e nell’impostazione del percorso diagnostico e, a seguire, del percorso terapeutico. È un momento molto importante, perché stabilisce l’inizio della relazione tra medico e paziente.

 

31 Ottobre 2019 - Diagnosi

In cosa consiste la visita oncologica, come si svolge e cosa consiglierebbe ad un paziente che incontra per la prima volta?

Risponde: Francesco Montagnani, Ospedale degli Infermi di Ponderano (BI)

Il primo incontro del paziente con l’oncologo deve essere un momento di dialogo: secondo il Dottor Montagnani, è importante porre qualsiasi domanda al medico e parlare in completa libertà, senza fidarsi delle informazioni che si trovano su Internet, che necessitano di interpretazione.

 

20 Ottobre 2018 - Diagnosi

Come viene diagnosticato il tumore prostatico? È possibile la diagnosi precoce?

Risponde: Giacomo Cartenì, Direttore UOC Oncologia Medica dell’Ospedale Antonio Cardarelli di Napoli
La diagnosi di tumore prostatico è stata agevolata dal dosaggio di un marcatore, il PSA, il cui utilizzo per fini diagnostici è piuttosto controverso.
 

4 Ottobre 2018 - Diagnosi

La biopsia della prostata richiede una preparazione particolare?

Risponde: Marco De Sio, Direttore U.O. di Urologia Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli”
La biopsia prostatica transrettale può comportare una contaminazione batterica, per cui la preparazione del paziente è necessaria.