Approfondimenti in pillole

Servizi

Si può essere licenziati per superamento del periodo di comporto se la malattia è di tipo oncologico?

    play_arrow 0:00 / 0:00 volume_up crop_free

4 Aprile 2019 - Diritti del Malato

Risponde: Gianluca Germani, Avvocato e Consulente Legale presso Spolverato e Soci Consulenti del Lavoro di Padova

I contratti collettivi nazionali regolamento il modo in cui viene calcolata la durata del periodo di comporto, ovvero il periodo durante il quale il lavoratore che si assenta per cure o terapie salvavita può conservare il proprio posto di lavoro. Il lavoratore che si assenterà oltre questo periodo potrà essere licenziato per giustificato motivo oggettivo.

Leggi la trascrizione dell'intervista

La risposta è sì. Dovremmo andare a vedere, tuttavia, cosa disciplina il CCNL, ovvero il contratto collettivo nazionale sul lavoro applicato al singolo dipendente. Alcuni contratti nazionali, infatti, prevedono che i giorni di assenza per malattia e per ricevere cure o terapie salvavita dovute alle patologie gravi come quelle oncologiche vengano esclusi dal periodo di comporto. Altri CCNL, invece, come ad esempio quello commercio, prevede che i giorni di assenza per malattia o per sottoporsi a cure e terapie salvavita saranno ricompresi nel periodo di comporto. Pertanto il lavoratore che, nel caso ad esempio del contratto collettivo nazionale terziario ConfCommercio, superi i 180 giorni, nei quali verranno ricomprese le assenze per malattia per patologie gravi, possa essere licenziato. Il licenziamento ricadrà nella tipologia dei licenziamenti per giustificato motivo oggettivo.

 
 

Potrebbe interessarti anche...

28 Marzo 2019 - Diritti del Malato

Quali sono le tutele per i lavoratori affetti da patologie oncologiche o oncoematologiche?

Risponde: Gianluca Germani, Avvocato e Consulente Legale presso Spolverato e Soci Consulenti del Lavoro di Padova

I contratti collettivi nazionali garantiscono alcune tutele per il lavoratore con una patologia grave, tra cui ricordiamo il diritto ad assentarsi per le cure e il diritto a conservare il proprio posto di lavoro.

 

21 Marzo 2019 - Diritti del Malato

Esistono strumenti alternativi ai permessi come altri congedi lavorativi?

Risponde: Gianluca Germani, Avvocato e Consulente Legale presso Spolverato e Soci Consulenti del Lavoro di Padova

L’articolo 7 del D.Lgs. 119/2011 preve la possibilità per il lavoratore disabile di richiedere un congedo retribuito della durata massima di 30 giorni annui. Esiste, inoltre, un congedo straordinario di due anni, non retribuito.

 

14 Marzo 2019 - Diritti del Malato

Ci sono dei limiti alla fruizione dei permessi ex legge 104/1992?

Risponde: Gianluca Germani, Avvocato e Consulente Legale presso Spolverato e Soci Consulenti del Lavoro di Padova

I permessi ex legge 104/1992 possono essere richiesti sottoforma di tre giorni mensili oppure due ore giornaliere, a scelta del lavoratore disabile. Se a fruire dei permessi sono i familiari, potranno essere richiesti tre giorni ogni mese, soltanto se il malato non è ricoverato a tempo pieno.

 

7 Marzo 2019 - Diritti del Malato

Patologie oncologiche ed ematologiche: i permessi di lavoro ex legge 104/1992 possono essere richiesti sia dal paziente che dai familiari?

Risponde: Gianluca Germani, Avvocato e Consulente Legale presso Spolverato e Soci Consulenti del Lavoro di Padova

La legge 104/1992 prevede che il lavoratore disabile affetto da patologia oncologica possa richiedere direttamente i permessi retribuiti. Altresì possono richiederlo i suoi familiari entro il terzo grado di parentela.