Approfondimenti in pillole

Servizi

Cosa si intende per ematuria? È frequente nel paziente con tumore prostatico?

    play_arrow 0:00 / 0:00 volume_up crop_free

10 Ottobre 2018 - Convivere con la malattia

Risponde: Marco De Sio, Direttore U.O. di Urologia Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli”
L’ematuria è un sintomo classico dei disturbi che riguardano l’apparato urinario, ma non indica necessariamente la presenza di un tumore.

Leggi la trascrizione dell'intervista

Ematuria non vuol dire altro che sangue all’interno della pipì. Noi possiamo distinguere l’ematuria in due grosse forme: la cosiddetta “ematuria macroscopica”, ovvero quella quando noi riusciamo direttamente a osservare la pipì che cambia colore, che può variare dal rosso molto vivo al rosso scuro, qualche volta anche al color cocacola o al color caffè; o, alcune volte, possiamo avere anche semplicemente un’”ematuria microscopica”, ovvero le urine sono assolutamente normali, ma, all’esame delle urine, risulta la presenza di globuli rossi, di emazie, quando si va a fare l’esame microscopico del sedimento. L’ematuria è un sintomo classico di tutti i disturbi dell’apparato urinario, potenzialmente un’infezione, un calcolo o un tumore lungo tutta la via iscrittrice si possono manifestare con la presenza della pipì che cambia colore e, quindi, con la presenza di sangue all’interno delle urine. Non è specifico, quindi, per nessun tipo di disturbo, ma è un sintomo di allarme particolarmente importante. Quelle che sono più subdole sono le ematurie che, invece, si presentano senza alcun sintomo, da sole: è proprio in quel caso che è necessario approfondire con le tecniche di diagnostica per immagini le condizioni del nostro apparato urinario perché sono quelle le condizioni che più frequentemente possono essere associate alla presenza di una neoplasia. Il tumore della prostata non saguina molto spesso, l’ematuria è possibile, ma non è un sintomo tipico del tumore della prostata, quindi non è possibile escludere un tumore della prostata solo perché il paziente non ha avuto ematuria o non ha avuto altri disturbi. Il tumore della prostata può insorgere in assenza di qualsiasi tipo di sintomatologia, perciò l’importanza è data alla prevenzione e alla diagnosi precoce.

 
 

Potrebbe interessarti anche...

25 Ottobre 2018 - Convivere con la malattia

Quali sono i fattori di rischio per il tumore alla prostata? Esistono evidenze scientifiche riguardo all’alimentazione?

Risponde: Giacomo Cartenì, Direttore UOC Oncologia Medica dell’Ospedale Antonio Cardarelli di Napoli
I fattori di rischio del tumore alla prostata riguardano sesso, età e famigliarità. Uno stile di vita sano, compresa un’alimentazione equilibrata, contribuisce a ridurre il rischio di sviluppare questa neoplasia.
 

15 Ottobre 2018 - Convivere con la malattia

Qual è l’impatto delle differenti terapie sulla qualità di vita del paziente?

Risponde: Marco De Sio, Direttore U.O. di Urologia Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli studi della Campania “Luigi Vanvitelli”
La salute della prostata influenza la qualità di vita del paziente, perché ha effetti sulla sfera sessuale e sulla fertilità.
 

21 Agosto 2018 - Convivere con la malattia

Come interpretare i valori del PSA in relazione all’età?

Risponde: Davide Pastorelli – Direttore UOC Oncologia Medica , ULSS 1 DOLOMITI di Feltre (BL)

Gli screening del PSA non sono affidabili, per cui bisogna valutare bene l’utilità dell’esame dell’antigene prostatico specifico. 

 

13 Novembre 2017 - Convivere con la malattia

Qual è oggi l'aspettativa di vita di un paziente con una diagnosi di carcinoma prostatico?

Risponde: Fable Zustovich, Ospedale San Martino di Belluno

La chirurgia della prostata ha fatto enormi progressi negli ultimi anni e oggi è possibile prevedere con una certa sicurezza i casi in cui è possibile evitare l’intervento.

 

11 Agosto 2017 - Convivere con la malattia

Dopo una diagnosi di tumore alla prostata, è possibile continuare ad essere sufficienti e a svolgere le normali attività quotidiane?

Risponde: Giuseppe Mario Ludovico, Ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti (BA)

La diagnosi precoce può favorire un trattamento della malattia in fase iniziale, riducendo gli effetti collaterali e preservando la qualità di vita.