Un test delle urine per individuare il cancro della prostata

Un test delle urine per individuare il cancro della prostata

18 Novembre 2019

'EpiCaPture': un nuovo test sviluppato dallo University College di Dublino che utilizza l’urina per rilevare il cancro alla prostata. I risultati sono riportati su JCO Precision Oncology, rivista dell’American Society of Clinical Oncology.

Un test delle urine per individuare il cancro della prostata

I ricercatori dello University College di Dublino (UCD) hanno guidato lo sviluppo di un nuovo test che utilizza l’urina per rilevare il cancro alla prostata chiamato ‘epiCaPture’. Gli studi condotti finora hanno dimostrato che questo test di rilevazione del carcinoma prostatico è più specifico rispetto al test del sangue comunemente utilizzato nella pratica clinica.

 

I risultati sono riportati su JCO Precision Oncology, rivista dell’American Society of Clinical Oncology, e, se il nuovo test 'epiCaPture' venisse convalidato da ulteriori studi, potrebbe aiutare a identificare con maggiore precisione per quali uomini possono rendersi necessari accertamenti più specifici o trattamenti invasivi. Questa ricerca è stata finanziata attraverso donazioni alla Irish Cancer Society e finanziamenti provenienti dalla Science Foundation Ireland, dalla US Prostate Cancer Foundation e dall’iniziativa di sensibilizzazione globale Movember.

 

Scoprire il cancro alla prostata con un test sulle urine: impatto dei risultati

Grazie a questo nuovo strumento, a molti uomini potrebbero essere evitati esami di screening invasivi e trattamenti che spesso presentano effetti collaterali a lungo termine. In generale, in certi casi si potrebbe ricorrere alla biopsia liquida, che rileva in modo non invasivo i correlati molecolari di aggressività per il cancro alla prostata, riducendo così il peso di eventuali biopsie prostatiche invasive, per favorire la diagnosi precoce della malattia ad alto rischio. Stando ai risultati di questo studio, epiCaPture, che consiste in un test di metilazione del DNA delle urine per carcinoma della prostata aggressivo ad alto rischio, mostrerebbe una specificità superiore a quella dell'antigene prostatico specifico (PSA). Usato in aggiunta all'antigene prostatico specifico, il nuovo test potrebbe aiutare la stratificazione dei pazienti nel determinare la necessità di biopsia.

 

Da un lato questo esame potrebbe aiutare a identificare precocemente il carcinoma prostatico aggressivo, in modo da intervenire subito e da salvare potenzialmente più pazienti. Inoltre, se a un paziente venisse diagnosticato un cancro alla prostata, sarebbe più facile decidere da subito se i medici ritengono che la malattia, nel suo caso, possa diffondersi in altre parti del corpo o meno. Dall’altro lato, in caso contrario, quando questa sembrerà la scelta più opportuna, il paziente potrà essere monitorato regolarmente dal proprio medico attraverso la “sorveglianza attiva”, ovvero effettuando controlli e test regolari al posto del trattamento immediato.

 

Indubbiamente siamo potenzialmente di fronte ad uno strumento che permetterebbe di ridurre, quando questi non sono necessari, il ricorso a trattamenti più aggressivi come la chemioterapia e gli interventi chirurgici radicali, che possono avere effetti collaterali a lungo termine, quali l'incontinenza e la disfunzione erettile. Di contro, di fronte ad un cancro alla prostata aggressivo - ovvero un tumore che si è diffuso, o è probabile che si diffonda, oltre la prostata se non viene curato - non si pone nessuna altra scelta che essere trattato con urgenza.

 

Scoprire il cancro alla prostata con un test sulle urine: i commenti dei ricercatori

«Il carcinoma della prostata è la quarta principale causa di decessi per cancro in Irlanda, quindi la diagnosi precoce è fondamentale per porre un freno alla malattia prima che si diffonda», ha precisato Antoinette Perry, dello UCD. «Sfortunatamente, i test per rilevare il cancro alla prostata non sono del tutto accurati. La nostra ricerca, finanziata con il sostegno della Irish Cancer Society e altri enti di ricerca, affronta questo problema sviluppando nuovi modi per scoprire il cancro alla prostata aggressivo e potenzialmente letale attraverso un semplice test delle urine».

 

Negli ultimi quattro anni il gruppo di ricerca presso l’UCD ha lavorato con medici, infermieri, pazienti e altri scienziati provenienti da Irlanda, Regno Unito, Stati Uniti e Canada per studiare i campioni di urina da quasi 500 uomini, dimostrando che quasi il 90% degli uomini con un tumore alla prostata aggressivo ha delle alterazioni a livello del DNA che possono essere ritrovate nelle urine.
«Questi cambiamenti erano assenti sia negli uomini sani sia negli uomini con malattia non aggressiva», ha aggiunto la ricercatrice. «Se riuscissimo a replicare questi risultati, la nostra ricerca potrebbe contribuire a realizzare un nuovo test più accurato per rilevare il cancro alla prostata aggressivo e salvare vite umane da questa malattia».

 

I ricercatori sono a lavoro per portare questo test sul mercato. Recentemente il team ha ricevuto il finanziamento Enterprise Ireland per convalidare la tecnologia epiCaPture, questo nella speranza che sia pronta per essere utilizzata nei prossimi anni dai medici per sottoporre i pazienti allo screening per il cancro alla prostata. «Questa importante nuova ricerca evidenzia il lavoro vitale che ricercatori di livello mondiale stanno conducendo nella UCD e in tutta l'Irlanda per identificare nuovi strumenti per migliorare la diagnosi del cancro», sottolinea Robert O'Connor, responsabile della ricerca sul cancro presso l'Irish Cancer Society. «È necessario più lavoro prima che i potenziali benefici raggiungano i malati di cancro. Ma mostra il potenziale che dobbiamo salvare più vite da questa malattia».

Fonte:

O’Reilly E, Tuzova AV, Walsh AL, et al. epiCaPture: A Urine DNA Methylation Test for Early Detection of Aggressive Prostate Cancer.JCO Precision Oncology 2019. doi: 10.1200/PO.18.00134 JCO.

 

Cancer Researchers at University College Dublin Lead Development of New Test to Detect Prostate Cancer ,UCD School of Biology and Environmental Science, 2019.

 

Ring E. Urine test may more accurately detect prostate cancer, Irish Examiner, 18 Marzo 2019.

 

Potrebbe interessarti anche...

  • Il punto debole delle cellule

    Alcune microstrutture cellulari chiamate centrioli avrebbero un ruolo predominante nella formazione e nello sviluppo dei tumori. Secondo alcuni ricercatori portoghesi, questa scoperta potrebbe avere importanti conseguenze nella lotta al cancro.

  • L’Atlante Genetico del Cancro

    L’Atlante Genetico del Cancro rappresenta l’analisi genomica più vasta e dettagliata che copre 33 tipi di tumori studiati su oltre 10.000 pazienti. Potrà aiutare a conoscere meglio il cancro e a trovare le strategie terapeutiche più idonee.

  • Cancro alla prostata: fatale o gestibile?

    Secondo una ricerca della University of York c’è un modo per distinguere tra cancro alla prostata fatale e cancro gestibile, in modo da poter ridurre gli interventi chirurgici e il ricorso alla radioterapia quando non necessari.