Un prelievo ematico per valutare la gravità del tumore

Un prelievo ematico per valutare la gravità del tumore

4 Maggio 2016

Il livello di ormoni presenti nel sangue potrebbe consentire di prevedere il grado di gravità del tumore alla prostata. Il contributo di una ricerca italiana presentata alla European Association of Urology.

Prelievo ematicoPer descrivere l’evoluzione del tumore alla prostata, gli urologi spesso ricorrono al punteggio di Gleason: un campione di tessuto viene asportato chirurgicamente e analizzato al microscopio per valutare se è stato intaccato da cellule tumorali; un punteggio di Gleason basso indica che le cellule del tessuto sono normali, quando invece il punteggio sale, aumenta di conseguenza la gravità del tumore.

 

Alcuni ricercatori dell’Ospedale San Raffaele di Milano, guidati dal dottor Marco Moschini, hanno utilizzato un approccio alternativo alla biopsia: hanno esaminato 1.017 pazienti sottoposti a prostatectomia radicale, valutando i loro livelli ematici di testosterone e di globuline leganti gli ormoni sessuali (SHBG).
Nel caso di ipogonadismo, ovvero in presenza di una secrezione di testosterone inadeguata, il punteggio di Gleason sembrerebbe essere più elevato, anche se è azzardato pensare che, in questa situazione, il rischio di sviluppare un tumore alla prostata aggressivo sia più alto.

 

La possibile associazione tra ipogonadismo e livelli di SHBG nel sangue, secondo i ricercatori del San Raffaele, potrebbe in futuro aiutare a prevedere l’esito dell’asportazione della prostata, oltre a permettere di identificare il grado di aggressività del tumore prima dell’intervento chirurgico. Sono necessari ulteriori studi per comprendere a fondo la possibile correlazione e le sue ipotetiche applicazioni diagnostiche.

 

“Numerose ricerche scientifiche hanno ipotizzato che un basso livello di testosterone nel sangue possa essere associato all’aggressività del tumore alla prostata”, spiega il professor Alexandre de la Taille, membro dell’European Association of Urology Scientific Congress Committee. “Questo studio evidenzia il fatto che le SHBG sarebbero collegate con un elevato punteggio di Gleason. Questi tipi di cancro, che si sviluppano in un ambiente ormonale particolare, sono probabilmente dovuti a percorsi molecolari differenti e rappresentano un nuovo territorio da esplorare”.

Fonte: European Association of Urology. “Can we predict aggressiveness of prostate cancer before surgery with a blood test?”, 2016.

 

Potrebbe interessarti anche...

  • La dieta vegana riduce il rischio tumorale?

    Uno studio finanziato dal World Cancer Research Fund ha ipotizzato che una dieta vegana possa ridurre il rischio di sviluppare il tumore alla prostata.

  • Attività sessuale e rischio tumorale

    Lo sviluppo sessuale potrebbe rappresentare un fattore di rischio controllabile del tumore alla prostata. Una ricerca australiana prova ad avanzare delle ipotesi basate su dati statistici.

  • L’importanza del sonno

    La melatonina, ormone che regola il sonno, avrebbe un ruolo importante nello sviluppo tumorale, come rivela uno studio della Harvard School of Public Health di Boston.

  • Familiarità e rischio tumorale

    La familiarità con il tumore alla prostata è considerata un fattore di rischio. Ma in molti casi la malattia potrebbe avere un decorso lento e non letale.

  • Tumore alla prostata e diabete

    Una ricerca italiana evidenzia una riduzione del rischio di tumore alla prostata nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

  • Seconde opinioni mediche e decisioni dei pazienti

    Uno studio americano pubblicato sulla rivista Cancer analizza i motivi per cui un paziente oncologico si rivolge a diversi specialisti per affrontare il percorso di cura in modo più consapevole.

  • Alterazioni genetiche ed evoluzione del tumore

    La familiarità con il tumore alla prostata e la presenza di una mutazione del gene BRCA2 potrebbero determinare una progressione più rapida del cancro, come sostiene una ricerca pubblicata su Nature Communications.

  • Condividere dati sul cancro per salvare vite umane

    Condividere i dati clinici, epidemiologici e genomici sul cancro per trovare soluzioni globali nella lotta contro la malattia: è l’appello della Global Alliance for Genomics and Health sul NEJM

  • La comunicazione con il proprio medico

    Il test del PSA è considerato un esame controverso e, in molti casi, manca una discussione costruttiva tra medico e paziente riguardo ai benefici e ai rischi di questo screening.

  • Screening oncologico: come e quando

    Obiettivo dello screening oncologico è quello di contrastare il tumore con le cure più adeguate nel momento giusto. Alcuni ricercatori suggeriscono importanti riflessioni per il futuro.

  • L’olfatto canino come strumento diagnostico

    Una ricerca italiana dimostra che i cani riuscirebbero a fiutare la presenza di tumore alla prostata nelle urine del paziente, e apre nuove possibilità per la diagnostica.

  • L’imaging molecolare nel tumore prostatico

    Gli strumenti diagnostici più avanzati di imaging molecolare lasciano intravedere nuovi scenari per la cura e il monitoraggio del tumore alla prostata. Uno studio della University of Oxford.

  • La biopsia liquida per il tumore alla prostata

    Con un semplice esame del sangue in futuro potrebbe essere possibile diagnosticare e valutare il tumore prostatico. Lo sostiene una ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità.

  • In diminuzione gli interventi chirurgici alla prostata

    Nuovi trend nella chirurgia prostatica negli Stati Uniti: alcuni ricercatori provano a spiegare cause e conseguenze di questo fenomeno.

  • Forma della prostata e tumore

    Uno studio pubblicato su Scientific Reports sostiene che la forma della ghiandola prostatica alla risonanza magnetica possa offrire importanti informazioni sul tumore e sulla sua progressione.

  • Etnia e progressione tumorale

    L’etnia di appartenenza può incidere sull’aggressività del tumore alla prostata? Secondo una ricerca pubblicata su Cancer, la razza predispone allo sviluppo del tumore, ma non influisce sulla sua progressione.

  • Stress e scelte terapeutiche

    Lo stress e le emozioni legati alla diagnosi tumorale possono portare il paziente a scelte terapeutiche più aggressive e talvolta non necessarie

  • L’identikit del tumore alla prostata

    Studiando il profilo genetico di circa 260 pazienti, la University of Cambridge ha identificato cinque diversi tipi di tumore alla prostata, scoperta che potrebbe rendere più efficaci i trattamenti.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok