Un prelievo ematico per valutare la gravità del tumore

Un prelievo ematico per valutare la gravità del tumore

4 Maggio 2016

Il livello di ormoni presenti nel sangue potrebbe consentire di prevedere il grado di gravità del tumore alla prostata. Il contributo di una ricerca italiana presentata alla European Association of Urology.

Prelievo ematicoPer descrivere l’evoluzione del tumore alla prostata, gli urologi spesso ricorrono al punteggio di Gleason: un campione di tessuto viene asportato chirurgicamente e analizzato al microscopio per valutare se è stato intaccato da cellule tumorali; un punteggio di Gleason basso indica che le cellule del tessuto sono normali, quando invece il punteggio sale, aumenta di conseguenza la gravità del tumore.

 

Alcuni ricercatori dell’Ospedale San Raffaele di Milano, guidati dal dottor Marco Moschini, hanno utilizzato un approccio alternativo alla biopsia: hanno esaminato 1.017 pazienti sottoposti a prostatectomia radicale, valutando i loro livelli ematici di testosterone e di globuline leganti gli ormoni sessuali (SHBG).
Nel caso di ipogonadismo, ovvero in presenza di una secrezione di testosterone inadeguata, il punteggio di Gleason sembrerebbe essere più elevato, anche se è azzardato pensare che, in questa situazione, il rischio di sviluppare un tumore alla prostata aggressivo sia più alto.

 

La possibile associazione tra ipogonadismo e livelli di SHBG nel sangue, secondo i ricercatori del San Raffaele, potrebbe in futuro aiutare a prevedere l’esito dell’asportazione della prostata, oltre a permettere di identificare il grado di aggressività del tumore prima dell’intervento chirurgico. Sono necessari ulteriori studi per comprendere a fondo la possibile correlazione e le sue ipotetiche applicazioni diagnostiche.

 

“Numerose ricerche scientifiche hanno ipotizzato che un basso livello di testosterone nel sangue possa essere associato all’aggressività del tumore alla prostata”, spiega il professor Alexandre de la Taille, membro dell’European Association of Urology Scientific Congress Committee. “Questo studio evidenzia il fatto che le SHBG sarebbero collegate con un elevato punteggio di Gleason. Questi tipi di cancro, che si sviluppano in un ambiente ormonale particolare, sono probabilmente dovuti a percorsi molecolari differenti e rappresentano un nuovo territorio da esplorare”.

Fonte: European Association of Urology. “Can we predict aggressiveness of prostate cancer before surgery with a blood test?”, 2016.

 

Potrebbe interessarti anche...

  • La dieta vegana riduce il rischio tumorale?

    Uno studio finanziato dal World Cancer Research Fund ha ipotizzato che una dieta vegana possa ridurre il rischio di sviluppare il tumore alla prostata.

  • Attività sessuale e rischio tumorale

    Lo sviluppo sessuale potrebbe rappresentare un fattore di rischio controllabile del tumore alla prostata. Una ricerca australiana prova ad avanzare delle ipotesi basate su dati statistici.

  • L’importanza del sonno

    La melatonina, ormone che regola il sonno, avrebbe un ruolo importante nello sviluppo tumorale, come rivela uno studio della Harvard School of Public Health di Boston.