Tumori: in Italia le cure sono ottime

Informati

Tumori: in Italia le cure sono ottime

31 Marzo 2014

Bisogna insistere sulla prevenzione

Tumori: in Italia le cure sono ottimeAttenzione a dire che in Italia non funziona niente: il nostro sistema di cure è infatti risultato essere uno fra i migliori al mondo.

 

Al convegno sul “caso Italia” tenutosi alla Camera e promosso dalla Fondazione “Insieme contro il Cancro” il 25 marzo scorso, sono stati presentati alcuni dati che valorizzato la qualità dell’assistenza sanitaria italiana.

 

In Italia, l’aspettativa di vita media alla nascita è di circa 82,7 anni, risultando seconda solo a Svizzera e Giappone e nettamente sopra la media di altri Paesi.

 

Inoltre, nell’ultimo ventennio, grazie alle ricerche, alle scoperte scientifiche conseguite e alle nuove cure, si è assistito a una riduzione del tasso di mortalità di circa il 20%.

 

Risultati davvero ottimi, se si considera che la Sanità ha un impatto sul PIL (Prodotto Interno Lordo) del 9,2%, una percentuale decisamente bassa e inferiore a quella di altri Paesi europei, come Francia e Germania.

 

In questo scenario, qualcosa deve però ancora cambiare. Pochi fondi vengono destinati e investiti nelle campagne di prevenzione e sensibilizzazione, che sono fondamentali per combattere adeguatamente i tumori e dovrebbero affiancare le strategie di diagnosi e cura emergenti.

 

Al momento solo lo 0,5% della spesa sanitaria complessiva viene investito in tale attività, e ancora molte sono le persone che ignorano che il 30% dei tumori potrebbe essere prevenibile con la semplice assunzione di atteggiamenti corretti e seguendo alcune semplici regole, quali smettere di fumare, seguire una dieta equilibrata e svolgere dell’esercizio fisico.

 
 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok