Tumore alla prostata come incidente evolutivo

Tumore alla prostata come incidente evolutivo

27 Agosto 2019

Incidenti evoluzionistici. Questo potrebbero essere alcuni tumori della specie umana. Per lo meno stando a un recente studio della University of Liverpool (Regno Unito) e della Escola Superior de Ciências da Saúde (Brasília, Brazil) pubblicato su Biological Reviews.

Ammalarsi di cancro non è una prerogativa unica dell’essere umano. Ci sono infatti diversi tipi di tumore riscontrabili in quasi tutte le specie animali: per esempio i tumori del sangue, come i linfomi e le leucemie. Altri tumori, invece, colpiscono unicamente l’essere umano, come il cancro del polmone, i tumori della prostata e del testicolo.
Questa osservazione ha portato i ricercatori a concludere che queste patologie potrebbero essere, appunto, incidenti evolutivi: un prodotto di eventi casuali nell'evoluzione della nostra specie, e solo della nostra.

 

Lo scopo inziale degli studiosi, guidati da Joao Pedro De Magalhaesd dello University of Liverpool's Institute of Ageing and Chronic Disease, era quello di trovare indizi utili riguardo le basi evolutive del cancro nell’essere umano e in altre specie animali.

 

 

Per farlo, i ricercatori hanno cominciato la loro indagine esaminando i dati relativi ai primati e poi hanno continuato con quelli riguardanti altri mammiferi prima di esaminare l’incidenza dei vari tipo di cancro in uccelli, anfibi, rettili, pesci. Hanno infine preso in considerazione anche invertebrati e piante, conducendo quella che a oggi è la più ampia analisi di dati sul cancro a disposizione.

 

 

«All’incidenza sproporzionatamente alta di alcuni tumori nella nostra specie rispetto alle altre studiate potrebbero contribuire mutazioni uniche occorse durante l’evoluzione dell’essere umana», spiega De Magalhaes. Potrebbe aver contribuito, prosegue lo studioso, la crescente aspettativa di vita dell’essere umano, che starebbe permettendo la comparsa di tumori sconosciuti ai nostri antenati meno longevi.

 

 

«I tassi di cancro tra gli esseri umani sono elevati e sono destinati a continuare ad aumentare», sostiene poi Thales Albuquerque della Escola Superior de Ciências da Saúde, primo autore della ricerca. «Non conosciamo ancora tutti i meccanismi che portano a un'incidenza così elevata di cancro nella nostra specie, ma un'ipotesi è che i cambiamenti culturali e i progressi tecnologici abbiano prodotto un grande disallineamento evolutivo». Quella descritta da Albuquerque è una situazione in cui l’ambiente in cui una specie si trova a vivere si è trasformato rispetto a quello che era quando questa gli si è adattata. «Una condizione che provoca stress e può aumentare la suscettibilità al cancro».

 

Fonte:

Albuquerque TAF, Drummond do Val L, Doherty A, de Magalhães JP. From humans to hydra: patterns of cancer across the tree of life. Biol Rev Camb Philos Soc. 2018. doi: 10.1111/brv.12415


Scientists find some human cancers to be 'evolutionary accidents', University of Liverpool, comunicato stampa del 18 Aprile 2018


 

Potrebbe interessarti anche...