Stress e scelte terapeutiche

Informati

Stress e scelte terapeutiche

11 Maggio 2017

Lo stress e le emozioni legati alla diagnosi tumorale possono portare il paziente a scelte terapeutiche più aggressive e talvolta non necessarie

Stress e scelte terapeutiche Dopo una diagnosi tumorale il paziente è sottoposto a numerose emozioni che possono sfociare in una condizione di forte stress sia fisico che emotivo, come abbiamo analizzato in un precedente approfondimento.
Uno studio pubblicato sul Journal of Urology sostiene che, in queste situazioni di angoscia e paura, gli uomini con un tumore alla prostata siano portati a pensare che un trattamento aggressivo sia anche più efficace, esponendosi però, in certi casi, a terapie non necessarie.

 

Ricercatori della University at Buffalo e del Roswell Park Cancer Institute, guidati dalla Dottoressa Heather Orom, hanno ingaggiato 1.531 pazienti cui era stato diagnosticato da poco un tumore localizzato alla prostata.
Queste persone sono state sottoposte ad un questionario per misurare il loro livello di stress emotivo sulla base del Distress Termometer, un indicatore che attribuisce ad ogni risposta un valore da 0 (nessun tipo di stress) a 10 (stress molto elevato).

 

I risultati hanno evidenziato come lo stress emotivo attivato dalla diagnosi tumorale possa influenzare le decisioni del paziente rispetto alle terapie: sembra che, sconvolti dalla scoperta di avere un tumore, gli uomini preferiscano ricorrere subito alla chirurgia, invece di optare per opzioni meno invasive, come ad esempio la radioterapia e la sorveglianza attiva.
Il ricorso a misure terapeutiche drastiche è ancora più evidente nel caso di forme di tumore alla prostata a basso rischio, per cui la chirurgia non è necessaria e, anzi, aumenta il rischio di effetti collaterali come la disfunzione erettile e i disturbi della minzione.
In questi casi la malattia può progredire molto lentamente e può essere asintomatica, per cui talvolta i medici consigliano di aspettare e monitorare l’evoluzione del tumore con regolarità, così che il paziente possa mantenere una qualità di vita praticamente intatta. Eppure la scoperta di avere un tumore viene vissuta come una minaccia e in numerose circostanze i pazienti preferiscono intervenire subito per paura di conseguenze sul breve termine.

 

«C’è un certo interesse nel guidare il processo decisionale [del paziente] per evitare il sovratrattamento e assicurare che gli uomini abbiano a disposizione tutte le informazioni riguardo agli effetti collaterali per prendere decisioni consapevoli basate sulle loro preferenze e necessità. Non vogliamo che queste persone facciano delle scelte che rimpiangeranno in futuro» ha spiegato Heather Orom.

 

Comprendere cosa motiva le decisioni del paziente è molto utile per lo specialista che lo ha in carico e il medico di famiglia, due figure chiave nel processo decisionale dei pazienti e dei loro familiari.
Il medico deve essere preparato per sostenere il malato nel momento di maggiore fragilità, ovvero nel periodo immediatamente successivo alla diagnosi, e fornirgli tutte le informazioni necessarie perché possa decidere il percorso terapeutico più indicato alle proprie specificità ed esigenze.
Spesso è altrettanto fondamentale l’aiuto da parte di parenti ed amici, oltre al ricorso a strategie per la gestione dello stress.

 

Fonte: Orom H, Underwood W, Biddle C, Emotional Distress Increases the Likelihood of Undergoing Surgery among Men with Localized Prostate Cancer, J. Urol. 2017; 197 (2):350-355. doi: 10.1016/j.juro.2016.08.007

Hill DJ, Emotional distress may lead to more aggressive treatment for prostate cancer, UBNow,comunicato stampa del 12 Gennaio 2017

Hoffman J, Distress Increases Likelihood of Choosing Surgery for Localized Prostate Cancer, Oncology Nurse Advisor,11 Agosto 2016

Leick E, Patient Anxiety Influences Prostate Cancer Treatment Decisions, Cure, 14 Gennaio 2017

Pedersen T, Anxiety Over Prostate Cancer Diagnosis May Lead to Over-treatment , PsychCentral, 2017

Santye L, Emotional Distress from Prostate Cancer Diagnosis May Lead to Unnecessary Aggressive Treatment, Specialty Pharmacy Times, 20 Gennaio 2017

 

Potrebbe interessarti anche...

  • Seconde opinioni mediche e decisioni dei pazienti

    Uno studio americano pubblicato sulla rivista Cancer analizza i motivi per cui un paziente oncologico si rivolge a diversi specialisti per affrontare il percorso di cura in modo più consapevole.

  • La comunicazione con il proprio medico

    Il test del PSA è considerato un esame controverso e, in molti casi, manca una discussione costruttiva tra medico e paziente riguardo ai benefici e ai rischi di questo screening.

  • Il monitoraggio del paziente nella sorveglianza attiva

    Secondo uno studio della University of California, sarebbero in aumento i pazienti che optano per la sorveglianza attiva, ma non si sottopongono ad esami e visite con regolarità.

  • I benefici dello yoga durante la radioterapia

    La pratica dello yoga aiuterebbe i pazienti sottoposti a radioterapia a migliorare la qualità di vita e a recuperare le funzioni sessuali e vescicali più rapidamente. Uno studio della University of Pennsylvania.

  • L’identikit del tumore alla prostata

    Studiando il profilo genetico di circa 260 pazienti, la University of Cambridge ha identificato cinque diversi tipi di tumore alla prostata, scoperta che potrebbe rendere più efficaci i trattamenti.

  • Condividere dati sul cancro per salvare vite umane

    Condividere i dati clinici, epidemiologici e genomici sul cancro per trovare soluzioni globali nella lotta contro la malattia: è l’appello della Global Alliance for Genomics and Health sul NEJM

  • Tumore alla prostata e diabete

    Una ricerca italiana evidenzia una riduzione del rischio di tumore alla prostata nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

  • Alterazioni genetiche ed evoluzione del tumore

    La familiarità con il tumore alla prostata e la presenza di una mutazione del gene BRCA2 potrebbero determinare una progressione più rapida del cancro, come sostiene una ricerca pubblicata su Nature Communications.

  • Screening oncologico: come e quando

    Obiettivo dello screening oncologico è quello di contrastare il tumore con le cure più adeguate nel momento giusto. Alcuni ricercatori suggeriscono importanti riflessioni per il futuro.

  • L’olfatto canino come strumento diagnostico

    Una ricerca italiana dimostra che i cani riuscirebbero a fiutare la presenza di tumore alla prostata nelle urine del paziente, e apre nuove possibilità per la diagnostica.

  • L’imaging molecolare nel tumore prostatico

    Gli strumenti diagnostici più avanzati di imaging molecolare lasciano intravedere nuovi scenari per la cura e il monitoraggio del tumore alla prostata. Uno studio della University of Oxford.

  • La biopsia liquida per il tumore alla prostata

    Con un semplice esame del sangue in futuro potrebbe essere possibile diagnosticare e valutare il tumore prostatico. Lo sostiene una ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità.

  • In diminuzione gli interventi chirurgici alla prostata

    Nuovi trend nella chirurgia prostatica negli Stati Uniti: alcuni ricercatori provano a spiegare cause e conseguenze di questo fenomeno.

  • Un prelievo ematico per valutare la gravità del tumore

    Il livello di ormoni presenti nel sangue potrebbe consentire di prevedere il grado di gravità del tumore alla prostata. Il contributo di una ricerca italiana presentata alla European Association of Urology.

  • Forma della prostata e tumore

    Uno studio pubblicato su Scientific Reports sostiene che la forma della ghiandola prostatica alla risonanza magnetica possa offrire importanti informazioni sul tumore e sulla sua progressione.

  • Etnia e progressione tumorale

    L’etnia di appartenenza può incidere sull’aggressività del tumore alla prostata? Secondo una ricerca pubblicata su Cancer, la razza predispone allo sviluppo del tumore, ma non influisce sulla sua progressione.

  • Chirurgia tradizionale o robotica?

    Un confronto tra la chirurgia tradizionale e la chirurgia robotica per il trattamento del tumore alla prostata, per capire quale delle due opzioni sia più efficace e quale garantisca una migliore qualità di vita del paziente.

  • Flavonoidi per la prevenzione della disfunzione erettile

    Il consumo regolare di flavonoidi contenuti in alcuni alimenti e bevande potrebbe ridurre il rischio di disfunzione erettile, come spiega una ricerca pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition.

  • Obesità nei pazienti sopravvissuti ad un tumore

    L’obesità è un fenomeno in crescita, soprattutto negli Stati Uniti. Una ricerca della Columbia University ha ipotizzato una relazione tra tumore e aumento di peso che potrebbe aggravare questa tendenza.

  • Interventi di prostatectomia radicale a confronto

    La chirurgia robotica per l’asportazione della prostata ridurrebbe le perdite ematiche nei pazienti obesi, favorendo una ripresa post-operatoria più rapida. I risultati di uno studio pubblicato su Current Urology.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok