Stress e mortalità per tumore

Informati

Stress e mortalità per tumore

25 Maggio 2017

È possibile che lo stress possa influenzare il rischio di mortalità per il tumore alla prostata? Uno studio britannico sostiene che le probabilità aumenterebbero per i pazienti che si trovano in uno stato psicologico di forte angoscia ed ansia.

Stress e scelte terapeuticheLo stress psicologico e l’ansia potrebbero influenzare le probabilità del paziente di morire a causa del tumore: questa la conclusione di una ricerca pubblicata dallo University College di Londra sulla rivista britannica BMJ.

L’analisi ha esaminato i dati di 16 studi di coorte che hanno coinvolto 163.363 adulti inglesi e scozzesi, cui era stato proposto un questionario sulla salute generale e sul benessere psicologico tra il 1994 e il 2008. I partecipanti erano inizialmente soggetti sani, ma, durante il periodo di osservazione (in media 9 anni e mezzo), alcuni di loro si ammalarono di tumore, fatale in 4.353 casi.

Incrociando le risposte relative alle caratteristiche demografiche, fisiche e sociali (età, educazione, peso corporeo, abitudine al fumo, consumo di alcol, frequenza dell’esercizio fisico etc.) con le risposte relative alla condizione psicologica (eventuale stato di ansia e stress), è emersa una forte associazione tra depressione e rischio di mortalità a causa del tumore. In altre parole: maggiore lo stato di angoscia del paziente, maggiore sarebbe la probabilità di morire per un cancro.

Questa correlazione risulta più marcata nel caso di leucemia e di tumori del colon-retto, del pancreas, della prostata e dell’esofago.

«Le nostre scoperte contribuiscono all’evidenza secondo cui una salute mentale compromessa possa avere la capacità di prevedere alcune malattie fisiche, ma siamo ancora lontani dal conoscere le reali cause di queste associazioni», ha dichiarato il professor David Batty, epidemiologo dello University College e principale autore di questa ricerca.

Le conclusioni di questo studio sono limitate dalla sua natura osservazionale, per cui non è in grado di determinare con chiarezza eventuali rapporti di causa-effetto, e, inoltre, sono basate sulle risposte individuali ai questionari, per cui si tratta di dati molto soggettivi e che andrebbero approfonditi con ricerche più mirate.

Fonte:

Batty GD, Russ TC, Stamatakis E, Kivimäki M, Psychological distress in relation to site specific cancer mortality: pooling of unpublished data from 16 prospective cohort studies, BMJ, 2017; 356: j108. doi: 10.1136/bmj.j108


Bakalarjan N, Depression and Anxiety Tied to Cancer Deaths, The New York Times, 27 Gennaio 2017


Anxiety, Depression May Up Death Risk for Prostate Cancer [link to ], Renal & Urology News, 30 Gennaio 2017


 

Potrebbe interessarti anche...

  • Il tumore alla prostata in Italia: dati 2016

    La pubblicazione del rapporto Aiom-AIRTUM I numeri del cancro in Italia 2016 fanno riflettere sull’incidenza del tumore alla prostata e sull’aspettativa di vita dei pazienti colpiti da questa malattia.

  • Etnia e progressione tumorale

    L’etnia di appartenenza può incidere sull’aggressività del tumore alla prostata? Secondo una ricerca pubblicata su Cancer, la razza predispone allo sviluppo del tumore, ma non influisce sulla sua progressione.

  • Attività fisica e tumore della prostata non metastatico

    Un grande studio prospettico americano, effettuato su uomini con diagnosi di tumore della prostata non metastatico, mostra come praticare almeno 5 ore di attività fisica a moderata intensità a settimana dopo la diagnosi riduca il rischio di morire a causa della malattia.