Seconde opinioni mediche e decisioni dei pazienti

Seconde opinioni mediche e decisioni dei pazienti

5 Gennaio 2017

Uno studio americano pubblicato sulla rivista Cancer analizza i motivi per cui un paziente oncologico si rivolge a diversi specialisti per affrontare il percorso di cura in modo più consapevole.

Un paziente a colloquio con l’urologoDi fronte ad un tumore alla prostata, può capitare che il paziente si rivolga a diversi specialisti, per raccogliere diversi pareri prima di decidere quale percorso di cura scegliere.
Esistono, infatti, numerose opzioni terapeutiche tra cui scegliere e, in alcuni casi, sono i medici stessi a consigliare ai malati di rivolgersi a più specialisti. Numerose istituzioni, inoltre, come ad esempio il National Cancer Institute e l’American Cancer Society, incoraggiano i pazienti a valutare e soppesare i pro e i contro di ciascun trattamento per prendere una decisione consapevole, in linea con le proprie preferenze personali.

 

Se osserviamo in proposito i risultati di uno studio realizzato da ricercatori della Johns Hopkins University di Baltimora e della University of Pennsylvania di Philadelphia, sembrerebbe, tuttavia, che le seconde opinioni abbiano scarso peso nelle decisioni terapeutiche dei pazienti.

 

Lo studio ha analizzato un gruppo di 2.386 uomini residenti a Philadelphia e dintorni, a cui era stato diagnosticato un tumore prostatico: il 40% di questo campione aveva richiesto una seconda opinione medica ad un urologo.
I ricercatori, guidati da Archana Radhakrishnan, hanno valutato la frequenza e le motivazioni alla base di questo fenomeno, oltre ad esaminare le caratteristiche cliniche e demografiche dei pazienti

 

Sulla base dei risultati di questo studio, la motivazione principale che spinge un paziente a rivolgersi ad un secondo specialista è la necessità di ottenere informazioni più complete possibili sulla malattia (50,8% degli intervistati), seguita dalla ricerca del migliore specialista per il trattamento di questo tipo di tumore (46,3% degli intervistati).

 

In generale, la richiesta di un secondo parere medico non risulta associata a cambiamenti nel percorso di cura, ovvero sembra che i pazienti, soprattutto nel caso di tumori alla prostata a basso rischio, non modifichino le proprie decisioni dopo aver consultato specialisti diversi e non prendano in considerazione nuove opzioni terapeutiche.
Secondo i ricercatori, inoltre, queste seconde opinioni non sarebbero associate ad alcun cambiamento nella percezione della qualità delle cure oncologiche e, anzi, servirebbero più che altro ad approfondire rischi e benefici del trattamento già scelto.

Fonte: Radhakrishnan A, Grande D, Mitra N, Bekelman J, Stillson C, Pollack CE, Second Opinions From Urologists for Prostate Cancer: Who Gets Them, Why, and Their Link to Treatment, Cancer, pubblicato online il 7 Novembre 2016. doi: 10.1002/cncr.30412

Do second opinions matter in prostate cancer care?, ScienceDaily, 7 Novembre 2016

Second Opinions Rarely Alter PCa Treatment Decisions, Renal & Urology News, 10 Novembre 2016

 

Potrebbe interessarti anche...

  • Il monitoraggio del paziente nella sorveglianza attiva

    Secondo uno studio della University of California, sarebbero in aumento i pazienti che optano per la sorveglianza attiva, ma non si sottopongono ad esami e visite con regolarità.

  • Stress e scelte terapeutiche

    Lo stress e le emozioni legati alla diagnosi tumorale possono portare il paziente a scelte terapeutiche più aggressive e talvolta non necessarie

  • La comunicazione con il proprio medico

    Il test del PSA è considerato un esame controverso e, in molti casi, manca una discussione costruttiva tra medico e paziente riguardo ai benefici e ai rischi di questo screening.

  • L’identikit del tumore alla prostata

    Studiando il profilo genetico di circa 260 pazienti, la University of Cambridge ha identificato cinque diversi tipi di tumore alla prostata, scoperta che potrebbe rendere più efficaci i trattamenti.

  • I benefici dello yoga durante la radioterapia

    La pratica dello yoga aiuterebbe i pazienti sottoposti a radioterapia a migliorare la qualità di vita e a recuperare le funzioni sessuali e vescicali più rapidamente. Uno studio della University of Pennsylvania.

  • Condividere dati sul cancro per salvare vite umane

    Condividere i dati clinici, epidemiologici e genomici sul cancro per trovare soluzioni globali nella lotta contro la malattia: è l’appello della Global Alliance for Genomics and Health sul NEJM

  • Un prelievo ematico per valutare la gravità del tumore

    Il livello di ormoni presenti nel sangue potrebbe consentire di prevedere il grado di gravità del tumore alla prostata. Il contributo di una ricerca italiana presentata alla European Association of Urology.

  • L’imaging molecolare nel tumore prostatico

    Gli strumenti diagnostici più avanzati di imaging molecolare lasciano intravedere nuovi scenari per la cura e il monitoraggio del tumore alla prostata. Uno studio della University of Oxford.

  • Screening oncologico: come e quando

    Obiettivo dello screening oncologico è quello di contrastare il tumore con le cure più adeguate nel momento giusto. Alcuni ricercatori suggeriscono importanti riflessioni per il futuro.

  • Tumore alla prostata e diabete

    Una ricerca italiana evidenzia una riduzione del rischio di tumore alla prostata nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

  • L’olfatto canino come strumento diagnostico

    Una ricerca italiana dimostra che i cani riuscirebbero a fiutare la presenza di tumore alla prostata nelle urine del paziente, e apre nuove possibilità per la diagnostica.

  • In diminuzione gli interventi chirurgici alla prostata

    Nuovi trend nella chirurgia prostatica negli Stati Uniti: alcuni ricercatori provano a spiegare cause e conseguenze di questo fenomeno.

  • Alterazioni genetiche ed evoluzione del tumore

    La familiarità con il tumore alla prostata e la presenza di una mutazione del gene BRCA2 potrebbero determinare una progressione più rapida del cancro, come sostiene una ricerca pubblicata su Nature Communications.

  • Forma della prostata e tumore

    Uno studio pubblicato su Scientific Reports sostiene che la forma della ghiandola prostatica alla risonanza magnetica possa offrire importanti informazioni sul tumore e sulla sua progressione.

  • Etnia e progressione tumorale

    L’etnia di appartenenza può incidere sull’aggressività del tumore alla prostata? Secondo una ricerca pubblicata su Cancer, la razza predispone allo sviluppo del tumore, ma non influisce sulla sua progressione.

  • La biopsia liquida per il tumore alla prostata

    Con un semplice esame del sangue in futuro potrebbe essere possibile diagnosticare e valutare il tumore prostatico. Lo sostiene una ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità.

  • XI Giornata nazionale del malato oncologico

    L’evento si svolgerà a Roma dal 12 al 15 Maggio e sarà l’occasione per parlare di prevenzione e di miglioramento delle condizioni dei pazienti oncologici.

  • Esercizio fisico con la supervisione di specialisti

    Una ricerca italiana spiega quali sono gli sport più indicati per i pazienti anziani con tumore alla prostata. Da preferire esercizi di resistenza e cardiovascolari.

  • L’IPB può dipendere dallo sviluppo fetale

    L’ipertrofia prostatica benigna (IPB) potrebbe dipendere dallo sviluppo dell’embrione nel grembo materno, come suggerito da alcuni studiosi della Michigan State University.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok