Prostatectomia radicale per il carcinoma prostatico localizzato

Prostatectomia radicale per il carcinoma prostatico localizzato

20 Giugno 2019

La prostatectomia radicale riduce la mortalità tra gli uomini con carcinoma prostatico localizzato, ma le evidenze a lungo termine sono scarse. Uno studio sul New England Journal of Medicine fa il bilancio dopo un follow-up di 29 anni su un’ampia popolazione di pazienti scandinavi con cancro alla prostata.

Localizzazione del tumore nella ghiandola prostatica

La prostatectomia radicale riduce la mortalità tra gli uomini con carcinoma prostatico localizzato clinicamente rilevato? Uno studio sul NEJM fa il bilancio dopo un follow-up di 29 anni su una ampia popolazione di pazienti scandinavi con cancro alla prostata. A 23 anni in media di follow-up, l'aspettativa di vita era di quasi 3 anni più lunga con la prostatectomia che con l'attesa vigile.

 

Una delle sfide nella misurazione del beneficio della terapia locale a scopo curativo per il cancro alla prostata è colmare la relativa mancanza di studi clinici randomizzati con dati di follow-up a lungo termine. Per affrontare questo problema, i ricercatori scandinavi hanno condotto uno studio prospettico randomizzato in cui 695 uomini europei con malattia localizzata sono stati assegnati a prostatectomia radicale o ad attesa vigile e seguiti per una media di 23 anni (il massimo è stato 29 anni).

 

L’arruolamento è avvenuto da ottobre 1989 a febbraio 1999 e i dati di follow-up sono stati raccolti fino al 2017. I pazienti avevano meno di 75 anni e un'aspettativa di vita stimata superiore a 10 anni, valori di antigene prostatico specifico (PSA) < 50 ng / ml, patologia tumorale altamente o moderatamente differenziata (secondo la classificazione della World Health Organization) ed evidenza di malattia clinicamente localizzata.

 

Durante i 29 anni dall'inizio dello studio, l'80% dei pazienti è deceduto. In particolare, entro il 31 dicembre 2017, un totale di 261 dei 347 uomini nel gruppo di prostatectomia radicale e 292 dei 348 uomini nel gruppo di vigili attenti era morto. A 23 anni di follow-up, l'incidenza cumulativa di morte per qualsiasi causa era significativamente più bassa nel gruppo sottoposto a prostatectomia radicale rispetto al gruppo per il quale è stato scelto un approccio di vigile attesa (per la precisione il 71,9% contro l’83,8%), così come l'incidenza cumulativa di morte per cancro alla prostata (19,6% vs. 31,3%) e l'incidenza cumulativa di metastasi a distanza (26,6% vs 43,3%). Il numero necessario di pazienti da trattare per evitare 1 decesso era pari a 8,4.

 

Cosa ci dicono dunque i risultati di questa ricerca? Gli uomini con carcinoma prostatico localizzato clinicamente rilevato e una lunga aspettativa di vita hanno beneficiato della prostatectomia radicale, con una media di 2,9 anni di vita guadagnati.

 

Un aspetto interessante che è emerso dalla ricerca è che il beneficio della prostatectomia radicale era maggiore tra gli uomini che al momento della diagnosi avevano meno di 65 anni rispetto a quelli che erano più anziani. Dai dati è emerso, infine, che un alto punteggio di Gleason e la presenza di un'estensione extracapsulare nei pazienti sottoposti a prostatectomia radicale erano altamente predittivi di morte per cancro alla prostata.

Fonte:

Bill-Axelson A, Holmberg L, Garmo H, et al.  Radical Prostatectomy or Watchful Waiting in Prostate Cancer — 29-Year Follow-up. N Engl J Med 2018; 379(24): 2319-2329. doi: 10.1056/NEJMoa1807801

 

Dreicer R. Utility of Radical Prostatectomy for Localized Prostate Cancer. NEJM Journal Watch, 13 Dicembre 2018.

 

Potrebbe interessarti anche...

  • Monitorare la sopravvivenza oncologica

    Lo studio CONCORD-3, pubblicato sulla rivista Lancet, valuta il tasso di sopravvivenza oncologica per capire l’impatto delle politiche di prevenzione e dei sistemi di cura sul controllo dei tumori.

  • Gli effetti collaterali a lungo termine

    La fatigue percepita dai pazienti oncologici potrebbe durare per decenni anche dopo i trattamenti. Ricercatori della Johns Hopkins University hanno provato a misurare il livello di fatigue anche in relazione all’invecchiamento.

  • Frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale

    La salute maschile dipenderebbe anche dalla regolarità dell’attività sessuale: due studi americani indagano il legame tra frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale della prostata.