Obesità nei pazienti sopravvissuti ad un tumore

Obesità nei pazienti sopravvissuti ad un tumore

30 Dicembre 2016

L’obesità è un fenomeno in crescita, soprattutto negli Stati Uniti. Una ricerca della Columbia University ha ipotizzato una relazione tra tumore e aumento di peso che potrebbe aggravare questa tendenza.

Obesità nei pazienti sopravvissuti ad un tumoreLe persone sopravvissute ad un tumore avrebbero maggiori probabilità di diventare obese rispetto alla popolazione generale: a suggerirlo è uno studio americano realizzato da un’equipe della Columbia University di New York e pubblicato sul Journal of Clinical Oncology.
L’obesità è considerata uno dei fattori di rischio per numerose malattie croniche e per alcune forme tumorali, tra cui il tumore alla prostata.

 

I ricercatori hanno esaminato i dati di quasi 540.000 pazienti adulti registrati nel National Health Interview Survey (NHIS) americano. Lo studio ha preso in esame sia donne che uomini, e considerato diversi tipi di tumore, tra cui i più comuni erano il tumore al seno e il tumore alla prostata.
Sono stati valutati sia il tasso di obesità sia l’incidenza di diagnosi tumorali nel periodo compreso tra il 1997 e il 2014.
Si è osservato un generale aumento dell’obesità, inteso come un indice di massa corporea superiore a 30, tuttavia, nel caso dei pazienti sopravvissuti ad un tumore, il tasso di obesità è cresciuto del 2,9% ogni anno, contro il 2,3% delle persone a cui non era mai stato diagnosticato un tumore.

 

«Questi risultati suggeriscono che l’obesità è un problema per chi sopravvive ad un tumore che pesa sempre più sulla salute pubblica e che richiede interventi mirati, inclusi sforzi per il controllo del peso al fine di prevenire la crescente tendenza all’obesità che stiamo osservando nei pazienti sopravvissuti al cancro» ha dichiarato Heather Greenlee, assistente di Epidemiologia alla Mailman School of Public Health della Columbia University.

 

Le possibili cause di questo aumento dell’obesità tra chi ha sconfitto un tumore possono essere attribuite agli effetti delle terapie per la cura del cancro e alla fatigue che contribuisce ad uno stato di maggiore sedentarietà.
Questo studio sottolinea ancora una volta gli straordinari benefici dell’attività fisica e di una dieta equilibrata, che diventano di cruciale importanza soprattutto per i malati oncologici.

Fonte: Greenlee H, Shi Z, Sardo Molmenti CL, Rundle A, Tsai WY, Trends in Obesity Prevalence in Adults With a History of Cancer: Results From the US National Health Interview Survey, 1997 to 2014, J Clin Oncol 2016; 34: 3133-3140. doi: 10.1200/JCO.2016.66.4391

Cancer Survivors More Likely to be Obese, Study Suggests, American Institute for Cancer Research, 24 Agosto 2016

Kava R, Cancer Survivors More Prone To Obesity, American Council on Science and Health, 11 Agosto 2016

Preidt R, Cancer Survivors More Prone to Obesity, Study Finds, HealthDay, 9 Agosto 2016

 

Potrebbe interessarti anche...

  • Chirurgia tradizionale o robotica?

    Un confronto tra la chirurgia tradizionale e la chirurgia robotica per il trattamento del tumore alla prostata, per capire quale delle due opzioni sia più efficace e quale garantisca una migliore qualità di vita del paziente.

  • Flavonoidi per la prevenzione della disfunzione erettile

    Il consumo regolare di flavonoidi contenuti in alcuni alimenti e bevande potrebbe ridurre il rischio di disfunzione erettile, come spiega una ricerca pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition.

  • Interventi di prostatectomia radicale a confronto

    La chirurgia robotica per l’asportazione della prostata ridurrebbe le perdite ematiche nei pazienti obesi, favorendo una ripresa post-operatoria più rapida. I risultati di uno studio pubblicato su Current Urology.