Obesità, fattore predittivo per gli esiti di una prostatectomia radicale

Obesità, fattore predittivo per gli esiti di una prostatectomia radicale

28 Novembre 2018

La correlazione tra obesità ed esito clinico negativo dopo una prostatectomia radicale non è stata ancora definitivamente stabilita, sebbene siano molte le prove a favore. L’ultima arriva da uno studio dei ricercatori del Seul National University College of Medicine, in Corea del Sud, condotto su un gruppo di pazienti asiatici.

Un uomo obeso fa ginnastica

Secondo la ricerca, guidata da Sung Kyu Hong e pubblicata su Scientific Reports, magazine open-access di Nature, un paziente obeso che va incontro ad una prostatectomia radicale ha una minore probabilità di sopravvivenza libera da recidiva biochimica di uno normopeso; o anche di uno in sovrappeso.

 

Nella loro analisi multivariata, i ricercatori hanno preso in considerazione i dati di 2.997 pazienti con tumore della prostata che erano stati sottoposti a una prostatectomia radicale tra il 2006 e il 2017. I pazienti erano divisi in tre gruppi sulla base del loro indice di massa corporea secondo le categorie stabilite dall’OMS per gli uomini di origine asiatica: 867 pazienti normopeso (<23kg/m2), 1.799 sovrappeso (tra 23 e 27,5kg/m2) e 331 obesi (>27,5kg/m2).

 

I risultati hanno mostrato tassi di recidiva biochimica molto maggiori nei pazienti obesi, pari al 30,9%, rispetto ai pazienti sovrappeso e normopeso, rispettivamente 18,6% e 17,8%. Inoltre, i pazienti obesi mostravano un’associazione statisticamente significativa con esiti avversi della chirurgia quali estensione extraprostatica, invasione dei linfonodi e margini chirurgici positivi. I ricercatori hanno anche osservato che i pazienti diabetici (per lo più presenti nel gruppo dei pazienti obesi) mostravano tassi più alti di recidiva biochimica.

 

Sebbene gli autori stessi suggeriscano che siano necessari ulteriori studi per affermare definitivamente l’influenza dell’obesità in questa circostanza, lo studio dimostra un’associazione significativa ed indica l’obesità quale importante fattore predittivo indipendente per la sopravvivenza libera da recidive biochimiche dopo una prostatectomia radicale.

Fonte:

Yu YD, Byun SS, Lee SE, Hong SK. Impact of Body Mass Index on Oncological Outcomes of Prostate Cancer Patients after Radical Prostatectomy. Sci Rep. 2018; 8: 11962. doi: 10.1038/s41598-018-30473-y https://www.renalandurologynews.com/prostate-cancer/radical-prostatectomy-outcomes-worse-in-obese-patients/article/788921/

 

Charnow JA, Obese Prostate Cancer Patients Do Worse After Radical Prostatectomy , Prostate Cancer Advisor, 14 Agosto 2018

 

Potrebbe interessarti anche...

  • Stress e mortalità per tumore

    È possibile che lo stress possa influenzare il rischio di mortalità per il tumore alla prostata? Uno studio britannico sostiene che le probabilità aumenterebbero per i pazienti che si trovano in uno stato psicologico di forte angoscia ed ansia.

  • Il tumore alla prostata in Italia: dati 2016

    La pubblicazione del rapporto Aiom-AIRTUM I numeri del cancro in Italia 2016 fanno riflettere sull’incidenza del tumore alla prostata e sull’aspettativa di vita dei pazienti colpiti da questa malattia.

  • Etnia e progressione tumorale

    L’etnia di appartenenza può incidere sull’aggressività del tumore alla prostata? Secondo una ricerca pubblicata su Cancer, la razza predispone allo sviluppo del tumore, ma non influisce sulla sua progressione.