L’olfatto canino come strumento diagnostico

L’olfatto canino come strumento diagnostico

15 Novembre 2016

Una ricerca italiana dimostra che i cani riuscirebbero a fiutare la presenza di tumore alla prostata nelle urine del paziente, e apre nuove possibilità per la diagnostica.

L’olfatto canino come strumento diagnosticoGli strumenti a disposizione per lo screening del tumore alla prostata sono sempre più sofisticati e precisi, ma possono risultare invasivi o, in alcuni casi, rischiano di sottoporre i pazienti con forme indolenti della malattia a trattamenti non necessari, come illustrato in un precedente articolo.

 

Una ricerca tutta italiana, in corso dal 2012 e già presentata all'American Urological Association, ha sperimentato l’utilizzo dell’olfatto canino per l’individuazione del tumore alla prostata. I ricercatori hanno impiegato cani addestrati per valutare quanto il loro olfatto era preciso nel riconoscere composti volatili organici specifici del tumore alla prostata presenti in alcuni campioni di urine.
I cani oggetto di questo studio sono pastori tedeschi e pastori belga Malinois addestrati dal Centro Militare Veterinario di Grosseto (CeMiVet).
Il principale autore di questa ricerca, l’urologo Gian Luigi Taverna, responsabile della divisione di Patologia prostatica della clinica Humanitas di Rozzano, ha spiegato così le motivazioni alla base dello studio: «Ho deciso di iniziare la collaborazione con l’Esercito perché i professionisti del Centro Militare Veterinario dell’Esercito hanno un’esperienza unica nel loro settore, di valenza internazionale. La delicatezza dell’argomento e l’impatto scientifico che avrebbero determinato i risultati, imponevano, dal mio punto di vista, il massimo dell’attendibilità e della serietà professionale nella scelta dei cani e degli addestratori, nel controllo sistematico delle procedure e nel rigore scientifico».
L’attendibilità di questa ricerca è stata confermata dalla pubblicazione su due delle più prestigiose riviste di settore, il Journal of Urology e Nature.

 

Sembra che i cani, se opportunamente addestrati, possano riconoscere il tumore alla prostata annusando le urine del paziente con una precisione del 98%, contro un’accuratezza del 35% dell’antigene prostatico specifico (PSA) associato al primo campionamento bioptico della prostata.
La ricerca vuole ora individuare le molecole responsabili dell’alterazione dell’odore delle urine dei pazienti oncologici e chiarire quale sia il metabolismo neoplastico cellulare alla base di questo fenomeno. L’obiettivo è, infatti, quello di creare uno strumento diagnostico affidabile capace di sostituire il fiuto canino.

Fonte: Taverna G et al., Olfactory system of highly trained dogs detects prostate cancer in urine samples, J. Urol. 2015 Apr; 193(4): 1382-7. doi: 10.1016/j.juro.2014.09.099.

 

Potrebbe interessarti anche...

  • Tumore alla prostata e diabete

    Una ricerca italiana evidenzia una riduzione del rischio di tumore alla prostata nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

  • Seconde opinioni mediche e decisioni dei pazienti

    Uno studio americano pubblicato sulla rivista Cancer analizza i motivi per cui un paziente oncologico si rivolge a diversi specialisti per affrontare il percorso di cura in modo più consapevole.

  • Alterazioni genetiche ed evoluzione del tumore

    La familiarità con il tumore alla prostata e la presenza di una mutazione del gene BRCA2 potrebbero determinare una progressione più rapida del cancro, come sostiene una ricerca pubblicata su Nature Communications.

  • Condividere dati sul cancro per salvare vite umane

    Condividere i dati clinici, epidemiologici e genomici sul cancro per trovare soluzioni globali nella lotta contro la malattia: è l’appello della Global Alliance for Genomics and Health sul NEJM

  • La comunicazione con il proprio medico

    Il test del PSA è considerato un esame controverso e, in molti casi, manca una discussione costruttiva tra medico e paziente riguardo ai benefici e ai rischi di questo screening.

  • Screening oncologico: come e quando

    Obiettivo dello screening oncologico è quello di contrastare il tumore con le cure più adeguate nel momento giusto. Alcuni ricercatori suggeriscono importanti riflessioni per il futuro.

  • L’imaging molecolare nel tumore prostatico

    Gli strumenti diagnostici più avanzati di imaging molecolare lasciano intravedere nuovi scenari per la cura e il monitoraggio del tumore alla prostata. Uno studio della University of Oxford.

  • La biopsia liquida per il tumore alla prostata

    Con un semplice esame del sangue in futuro potrebbe essere possibile diagnosticare e valutare il tumore prostatico. Lo sostiene una ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità.

  • In diminuzione gli interventi chirurgici alla prostata

    Nuovi trend nella chirurgia prostatica negli Stati Uniti: alcuni ricercatori provano a spiegare cause e conseguenze di questo fenomeno.

  • Un prelievo ematico per valutare la gravità del tumore

    Il livello di ormoni presenti nel sangue potrebbe consentire di prevedere il grado di gravità del tumore alla prostata. Il contributo di una ricerca italiana presentata alla European Association of Urology.

  • Forma della prostata e tumore

    Uno studio pubblicato su Scientific Reports sostiene che la forma della ghiandola prostatica alla risonanza magnetica possa offrire importanti informazioni sul tumore e sulla sua progressione.

  • Etnia e progressione tumorale

    L’etnia di appartenenza può incidere sull’aggressività del tumore alla prostata? Secondo una ricerca pubblicata su Cancer, la razza predispone allo sviluppo del tumore, ma non influisce sulla sua progressione.

  • Stress e scelte terapeutiche

    Lo stress e le emozioni legati alla diagnosi tumorale possono portare il paziente a scelte terapeutiche più aggressive e talvolta non necessarie

  • L’identikit del tumore alla prostata

    Studiando il profilo genetico di circa 260 pazienti, la University of Cambridge ha identificato cinque diversi tipi di tumore alla prostata, scoperta che potrebbe rendere più efficaci i trattamenti.

  • Il ruolo dei social media in Oncologia

    Qual è l’impatto dei social media in ambito oncologico? Quali vantaggi potrebbero derivare per i pazienti?

  • La dieta vegana riduce il rischio tumorale?

    Uno studio finanziato dal World Cancer Research Fund ha ipotizzato che una dieta vegana possa ridurre il rischio di sviluppare il tumore alla prostata.

  • Tabacco e tumore alla prostata

    Il fumo è considerato uno dei fattori di rischio del tumore alla prostata. Poco si conosce, invece, dell’effetto dei prodotti a base di tabacco sulla progressione tumorale.

  • Stress e mortalità per tumore

    È possibile che lo stress possa influenzare il rischio di mortalità per il tumore alla prostata? Uno studio britannico sostiene che le probabilità aumenterebbero per i pazienti che si trovano in uno stato psicologico di forte angoscia ed ansia.

  • Il monitoraggio del paziente nella sorveglianza attiva

    Secondo uno studio della University of California, sarebbero in aumento i pazienti che optano per la sorveglianza attiva, ma non si sottopongono ad esami e visite con regolarità.

  • Il tumore alla prostata in Italia: dati 2016

    La pubblicazione del rapporto Aiom-AIRTUM I numeri del cancro in Italia 2016 fanno riflettere sull’incidenza del tumore alla prostata e sull’aspettativa di vita dei pazienti colpiti da questa malattia.

  • Familiarità e rischio tumorale

    La familiarità con il tumore alla prostata è considerata un fattore di rischio. Ma in molti casi la malattia potrebbe avere un decorso lento e non letale.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok