Il ruolo dei social media in Oncologia

Informati

Il ruolo dei social media in Oncologia

27 Luglio 2016

Qual è l’impatto dei social media in ambito oncologico? Quali vantaggi potrebbero derivare per i pazienti?

Ruolo dei social media in OncologiaLa crescita dei social media è stata estremamente rapida, soprattutto in ambito medico. Il loro utilizzo è vario: dalle relazioni in tempo reale degli interventi durante i congressi alla costituzione di vere e proprie communities, fino al supporto per determinate patologie.
I pazienti si sono organizzati in gruppi di sostegno utilizzando pagine Facebook specifiche e chat su Twitter che, spesso, consentono loro di comunicare in tempo reale anche con medici, enti ed associazioni di volontariato.

 

Accertata questa premessa, è necessario chiedersi che tipo di impatto abbiano i social media sulle cure e gli esiti dei trattamenti. Fino a questo momento la letteratura scientifica ha evidenziato il ruolo positivo che i gruppi e le comunità online offrono ai pazienti e ai loro familiari, ma non è stato ancora definito con chiarezza come valutare e misurare in maniera appropriata questi benefici.

 

Partendo da queste considerazioni, David Graham, Direttore medico del Levine Cancer Center di Charlotte in North Carolina, ha pubblicato su Medscape una riflessione sul ruolo dei social media in Oncologia, e suggerito alcuni possibili fattori a partire dai quali misurarne gli effetti.

 

Secondo Graham, il primo risultato misurabile è la sopravvivenza del malato, e, in secondo luogo, andrebbe valutata la qualità di vita riferita dal paziente, anche se si tratta di un dato fortemente soggettivo.
Tra gli altri fattori che potrebbero essere determinanti in ambito oncologico, Graham suggerisce di esaminare anche la propensione del paziente ad aderire alle cure e a prendere parte a test clinici.

 

Le istituzioni e le organizzazioni mediche dovrebbero concentrarsi su questi aspetti per capire veramente i benefici e gli effetti che i social media potrebbero avere sui pazienti oncologici. Un primo gruppo di questo tipo è il Collaboration for Outcomes on Social Media in Oncology (COSMO), un’organizzazione costituita da alcuni medici tra cui figura lo stesso David Graham, che si prefigge proprio di rispondere a queste domande.
Questa interessante riflessione getta le basi per un nuovo tipo di studi che aiutino a capire come utilizzare al meglio le opportunità offerte dai social media e adattarle con successo ai pazienti. La sfida per la ricerca sarà quella di capire quali sono i vantaggi reali offerti da questi strumenti.

Fonte: Graham D, Social Media in Oncology: Does It Help Patients?, Medscape Oncology, pubblicato online il 3 Marzo 2016.

 

Potrebbe interessarti anche...

  • La dieta vegana riduce il rischio tumorale?

    Uno studio finanziato dal World Cancer Research Fund ha ipotizzato che una dieta vegana possa ridurre il rischio di sviluppare il tumore alla prostata.

  • Tabacco e tumore alla prostata

    Il fumo è considerato uno dei fattori di rischio del tumore alla prostata. Poco si conosce, invece, dell’effetto dei prodotti a base di tabacco sulla progressione tumorale.

  • Alterazioni genetiche ed evoluzione del tumore

    La familiarità con il tumore alla prostata e la presenza di una mutazione del gene BRCA2 potrebbero determinare una progressione più rapida del cancro, come sostiene una ricerca pubblicata su Nature Communications.

  • Stress e mortalità per tumore

    È possibile che lo stress possa influenzare il rischio di mortalità per il tumore alla prostata? Uno studio britannico sostiene che le probabilità aumenterebbero per i pazienti che si trovano in uno stato psicologico di forte angoscia ed ansia.

  • Screening oncologico: come e quando

    Obiettivo dello screening oncologico è quello di contrastare il tumore con le cure più adeguate nel momento giusto. Alcuni ricercatori suggeriscono importanti riflessioni per il futuro.

  • L’olfatto canino come strumento diagnostico

    Una ricerca italiana dimostra che i cani riuscirebbero a fiutare la presenza di tumore alla prostata nelle urine del paziente, e apre nuove possibilità per la diagnostica.

  • Forma della prostata e tumore

    Uno studio pubblicato su Scientific Reports sostiene che la forma della ghiandola prostatica alla risonanza magnetica possa offrire importanti informazioni sul tumore e sulla sua progressione.

  • L’identikit del tumore alla prostata

    Studiando il profilo genetico di circa 260 pazienti, la University of Cambridge ha identificato cinque diversi tipi di tumore alla prostata, scoperta che potrebbe rendere più efficaci i trattamenti.

  • Condividere dati sul cancro per salvare vite umane

    Condividere i dati clinici, epidemiologici e genomici sul cancro per trovare soluzioni globali nella lotta contro la malattia: è l’appello della Global Alliance for Genomics and Health sul NEJM

  • I problemi di prostata esistevano anche nella preistoria

    I problemi di prostata riguardavano anche le popolazioni preistoriche con uno stile di vita diverso da quello moderno, come dimostra uno studio condotto da ricercatori italiani e britannici.

  • L’arte come rimedio allo stress per il paziente oncologico

    Dedicarsi ad un’attività artistica può ridurre lo stress e migliorare il benessere psicofisico. Un articolo pubblicato su Art Therapy spiega questo fenomeno.

  • Camminare, lo sport adatto a tutte le età

    L’esercizio fisico migliora il benessere generale e aiuta nella lotta contro tumore alla prostata. Qualche consiglio per iniziare al meglio.

  • Parlare di cancro su Facebook si può

    Una ricerca pubblicata sulla rivista open access Cogent Social Sciences ha mostrato come si possa usare efficacemente Facebook per parlare di prevenzione, fattori di rischio e diagnosi precoce del cancro.

  • Essere in sovrappeso ci fa ammalare di più

    Essere in sovrappeso ci espone ad un rischio maggiore di ammalarci, eppure troppe persone sottovalutano questo problema. Il rischio di mortalità e malattie cresce all’aumentare del peso e non riguarda solo gli obesi, ma anche chi è in sovrappeso. Uno studio sul New England Journal of Medicine (NEJM).

  • Dieta mediterranea e prevenzione oncologica

    La dieta mediterranea, grazie alla combinazione delle proprietà benefiche dei diversi alimenti, potrebbe prevenire il rischio di tumore. Uno studio dell’Università di Vienna esamina la letteratura scientifica sul tema.

  • Consumo di carni bianche e rischio tumorale: una meta-analisi

    Il World Cancer Reasearch Fund International sconsiglia il consumo di carni rosse e lavorate. Ma quali effetti hanno le carni bianche sul rischio di tumore alla prostata?

  • Frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale

    La salute maschile dipenderebbe anche dalla regolarità dell’attività sessuale: due studi americani indagano il legame tra frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale della prostata.

  • Consumo di alcolici e rischio tumorale

    Il consumo di bevande alcoliche rappresenta un fattore di rischio per il tumore alla prostata?
    Due ricerche provano a dimostrarlo.

  • 4 Febbraio: Giornata mondiale contro il cancro

    Il World Cancer Day è l’occasione per sostenere i malati oncologici e unire le nostre voci per guidare il cambiamento e promuovere la prevenzione.

  • Bevande zuccherate e rischio tumorale

    Il consumo eccessivo di bevande zuccherate è un potenziale fattore di rischio per numerose malattie, tra cui il cancro. Uno studio della Louisiana State University approfondisce questo legame.

  • Consumo di caffè e prevenzione

    Il caffè ha proprietà antitumorali? Una meta-analisi pubblicata su Nutrition and Cancer esamina la letteratura scientifica in proposito.

  • Carboidrati sani e carboidrati dannosi

    Una ricerca spiega come i diversi tipi di carboidrati possono influenzare il tumore alla prostata e ribadisce l’importanza di una dieta equilibrata.

  • Migliorare la qualità di vita del paziente con lo yoga

    Praticare lo yoga potrebbe migliorare la ripresa dei pazienti sottoposti a radioterapia esterna. Scopriamo come.

  • La comunicazione con il proprio medico

    Il test del PSA è considerato un esame controverso e, in molti casi, manca una discussione costruttiva tra medico e paziente riguardo ai benefici e ai rischi di questo screening.

  • Obesità nei pazienti sopravvissuti ad un tumore

    L’obesità è un fenomeno in crescita, soprattutto negli Stati Uniti. Una ricerca della Columbia University ha ipotizzato una relazione tra tumore e aumento di peso che potrebbe aggravare questa tendenza.

  • La biopsia liquida per il tumore alla prostata

    Con un semplice esame del sangue in futuro potrebbe essere possibile diagnosticare e valutare il tumore prostatico. Lo sostiene una ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità.

  • I cibi che aiutano la salute della prostata: le fibre

    Uno stile di vita equilibrato aiuta a mantenere la salute della prostata. Scopriamo insieme l’importanza delle fibre nell’alimentazione quotidiana.

  • Fumo e tumore alla prostata

    Smettere di fumare ridurrebbe il tasso di mortalità per cancro alla prostata: i risultati di un’analisi epidemiologica pubblicata sulla rivista Preventing Chronic Disease.

  • Esercizio fisico per curare il tumore alla prostata

    Uno studio clinico condotto da ricercatori britannici mira a studiare l’influenza dell’esercizio fisico su pazienti con un tumore alla prostata localizzato.

  • Il monitoraggio del paziente nella sorveglianza attiva

    Secondo uno studio della University of California, sarebbero in aumento i pazienti che optano per la sorveglianza attiva, ma non si sottopongono ad esami e visite con regolarità.

  • XI Giornata nazionale del malato oncologico

    L’evento si svolgerà a Roma dal 12 al 15 Maggio e sarà l’occasione per parlare di prevenzione e di miglioramento delle condizioni dei pazienti oncologici.

  • L’importanza del sonno

    La melatonina, ormone che regola il sonno, avrebbe un ruolo importante nello sviluppo tumorale, come rivela uno studio della Harvard School of Public Health di Boston.

  • I benefici di uno stile di vita sano

    La ricerca fa progressi da gigante, ma per combattere il tumore è importante promuovere stili di vita sani.

  • Attività fisica e tumore della prostata non metastatico

    Un grande studio prospettico americano, effettuato su uomini con diagnosi di tumore della prostata non metastatico, mostra come praticare almeno 5 ore di attività fisica a moderata intensità a settimana dopo la diagnosi riduca il rischio di morire a causa della malattia.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok