Giocare a calcio con un tumore alla prostata

Giocare a calcio con un tumore alla prostata

4 Marzo 2019

Gli allenamenti di calcio potrebbero essere d’aiuto per preservare la densità minerale delle ossa nei pazienti in terapia per il carcinoma della prostata. Sono i dati di uno studio sul The Scandinavian Journal of Medicine & Science in Sports.

Un giocatore di calcio si riposa

Alcune terapie standard per il trattamento del tumore alla prostata possono portare alla perdita di massa muscolare e ossea, tra queste, ad esempio, la terapia di privazione degli androgeni. Un recente studio pubblicato sulla rivista The Scandinavian Journal of Medicine & Science in Sports ha valutato l’effetto della partecipazione a lungo termine ad allenamenti di calcio in pazienti con carcinoma della prostata sottoposti a trattamenti con potenziali esiti negativi come la perdita di massa ossea e muscolare.

 

Secondo i risultati di questa incoraggiante ricerca, giocare a calcio, nel corso di un periodo di 5 anni, è risultato associato ad una migliore capacità di conservare la densità minerale ossea del collo del femore della gamba. Nessun effetto positivo è stato osservato sulla composizione corporea, sulla forma fisica e sul funzionamento fisico. Lo studio ha incluso 22 pazienti che avevano fatto parte dell’FC Prostate Randomized Controlled Trial nel 2012 e nel 2013, metà dei quali ha partecipato poi ad allenamenti di calcio auto organizzato nei 5 anni che hanno seguito lo studio.
Attraverso un follow-up al maggio 2017 sono stati valutati i cambiamenti nel tempo nei risultati fisiologici tra i partecipanti al calcio e messi a confronto con i non partecipanti. Dopo un follow-up di 5 anni, la densità minerale ossea del collo del femore destro è migliorata nei giocatori di calcio rispetto ai controlli. Non è stata osservata nessuna associazione né effetto positivo sulla composizione corporea, sulla forma fisica e sul funzionamento fisico.
Gli autori hanno fatto notare che l’assenza osservata nel deterioramento della densità minerale ossea nei calciatori è notevole considerando le diminuzioni generalmente osservate con l'invecchiamento.
«In precedenza abbiamo dimostrato miglioramenti nella densità ossea dopo 32 settimane di allenamento calcistico, e la densità ossea preservata per 5 anni negli uomini anziani con cancro alla prostata è molto incoraggiante», spiegano gli autori. «Siamo, inoltre, consapevoli che il disegno di questo studio non consente di stabilire una relazione causale tra la partecipazione agli allenamenti di calcio per oltre 5 anni e i risultati positivi sulla densità minerale ossea. Ma siamo rimasti davvero colpiti dal fatto che il calcio abbia motivato questo gruppo di pazienti anziani con cancro a continuare a restare fisicamente attivi per più di 5 anni dopo la loro partecipazione al FC Prostate Randomized Controlled Trial».

Fonte:

Uth J, Fristrup B, Haahr RD, et al. Football training over 5 years is associated with preserved femoral bone mineral density in men with prostate cancer. Scandinavian Journal of Medicine & Science in Sport, 2018. doi: 10.1111/sms.13242

 

Football Training May Preserve Bone Health in Prostate Cancer Patients , Wiley, comunicato stampa del 16 Luglio 2018

 

Potrebbe interessarti anche...