Geni modificati e tumori

Informati

Geni modificati e tumori

21 Maggio 2013

Uomini e donne: uno stesso gene, quando si trasforma, è responsabile di tumori molto diversi.

Geni modificati e tumoriQuando un gene si modifica, come dicono gli esperti “muta”, il nostro corpo può essere maggiormente predisposto ad ammalarsi.

 

Gli oncologi hanno già da tempo stabilito che nella donna la mutazione di un gene, chiamato BRCA2, aumenta il rischio di cancro al seno e dell'ovaio; si tratta infatti di uno dei principali geni responsabili della cosiddetta “predisposizione genetica” a questa malattia.

 

Ereditare questo gene modificato aumenta considerevolmente il rischio di ammalarsi, anche in giovane età. Va precisato comunque che membri della stessa famiglia si possono ammalare, non solo per la presenza dello stesso gene mutato, ma anche per una serie di fattori definiti ambientali, come lo stare a contatto con agenti inquinanti, o l’adozione di stili di vita scorretti, come aumentare troppo di peso o condurre una vita sedentaria.

 

Uno studio, pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Oncology, ha dimostrato come anche nell’uomo, nella forma più aggressiva di carcinoma della prostata, sia presente lo stesso gene BRCA2 con la medesima mutazione.

 

Ciò significa che, quando è presente questo tipo di mutazione, il tumore potrebbe diffondersi più rapidamente: per queste ragioni, la scelta della strategia più opportuna potrebbe ricadere sulla chirurgia o sulla radioterapia, anche se si tratta di malattie allo stadio iniziale.

 

Lo studio conclude suggerendo che potrebbe essere molto utile effettuare il test del BRCA2 agli uomini con diagnosi di tumore della prostata e con casi in famiglia di tumore al seno o dell'ovaio.

Fonte: Journal of Clinical Oncology, Aprile 2013

 
 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok