Forma della prostata e tumore

Informati

Forma della prostata e tumore

15 Marzo 2017

Uno studio pubblicato su Scientific Reports sostiene che la forma della ghiandola prostatica alla risonanza magnetica possa offrire importanti informazioni sul tumore e sulla sua progressione.

Biopsia della prostataSecondo una ricerca condotta dalla Case Western Reserve University di Cleveland in Ohio e pubblicata su Scientific Reports, la forma della prostata e la zona interna alla capsula prostatica, nota come zona transizionale, appaiono molto diverse negli uomini con un tumore alla prostata rispetto agli uomini che non hanno questa malattia.

 

I ricercatori hanno esaminato le risonanze magnetiche (MRI) di alcuni pazienti americani ed australiani cui era stato diagnosticato un tumore alla prostata, mappando in un vero e proprio “atlante” le possibili forme che la ghiandola poteva assumere, per poi procedere ad un confronto con le risonanze magnetiche di individui che presentavano forme non cancerogene (iperplasie prostatiche benigne).
Il confronto tra le diverse risonanze magnetiche ha evidenziato differenze significative e consistenti, non solo nella forma della ghiandola, ma anche nella forma della zona transizionale, situata nella parte centrale della prostata.

 

Fino a questo momento i medici si sono basati sull’intensità dei pixel delle immagini prodotte dalla risonanza magnetica per diagnosticare la presenza del tumore alla prostata.
L’intensità dei pixel può variare in base al tipo di MRI utilizzato, ai parametri misurati e alla precisione dello strumento di registrazione. Di conseguenza, i risultati della risonanza magnetica in certi casi sono suscettibili di interpretazioni diverse, per cui la presenza o meno di un tumore alla prostata deve essere accertata con esami più invasivi, quale ad esempio la biopsia della prostata.

 

Se i risultati di questo studio venissero confermati, la valutazione clinica potrebbe essere eseguita direttamente sulla forma della ghiandola prostatica e della zona transizionale, marcatori meno variabili e quindi potenzialmente più accurati per l’applicazione in ambito diagnostico.
I ricercatori della Case Western Reserve University stanno proseguendo nella loro analisi delle immagini prodotte dalla risonanza magnetica su pazienti con tumore e individui sani: il prossimo passo è quello di capire se la morfologia della ghiandola prostatica e dei suoi componenti è un elemento sufficiente per la diagnosi del tumore e per riuscire a prevedere l’eventuale progressione del tumore stesso.

Fonte: Rusu M, et al. Computational imaging reveals shape differences between normal and malignant prostates on MRI, Scientific Reports 2017; 7: 41261. doi: 10.1038/srep41261

Shape of prostate and compartments within may serve as cancer indicators, The Daily, Case Western Reserve University, 1 Febbraio 2017

Buson E, La forma della prostata rivela se c’è un tumore, OK Salute, 2 Febbraio 2017

 

Potrebbe interessarti anche...

  • Un prelievo ematico per valutare la gravità del tumore

    Il livello di ormoni presenti nel sangue potrebbe consentire di prevedere il grado di gravità del tumore alla prostata. Il contributo di una ricerca italiana presentata alla European Association of Urology.

  • L’imaging molecolare nel tumore prostatico

    Gli strumenti diagnostici più avanzati di imaging molecolare lasciano intravedere nuovi scenari per la cura e il monitoraggio del tumore alla prostata. Uno studio della University of Oxford.

  • L’identikit del tumore alla prostata

    Studiando il profilo genetico di circa 260 pazienti, la University of Cambridge ha identificato cinque diversi tipi di tumore alla prostata, scoperta che potrebbe rendere più efficaci i trattamenti.

  • Screening oncologico: come e quando

    Obiettivo dello screening oncologico è quello di contrastare il tumore con le cure più adeguate nel momento giusto. Alcuni ricercatori suggeriscono importanti riflessioni per il futuro.

  • Tumore alla prostata e diabete

    Una ricerca italiana evidenzia una riduzione del rischio di tumore alla prostata nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

  • L’olfatto canino come strumento diagnostico

    Una ricerca italiana dimostra che i cani riuscirebbero a fiutare la presenza di tumore alla prostata nelle urine del paziente, e apre nuove possibilità per la diagnostica.

  • Seconde opinioni mediche e decisioni dei pazienti

    Uno studio americano pubblicato sulla rivista Cancer analizza i motivi per cui un paziente oncologico si rivolge a diversi specialisti per affrontare il percorso di cura in modo più consapevole.

  • In diminuzione gli interventi chirurgici alla prostata

    Nuovi trend nella chirurgia prostatica negli Stati Uniti: alcuni ricercatori provano a spiegare cause e conseguenze di questo fenomeno.

  • Alterazioni genetiche ed evoluzione del tumore

    La familiarità con il tumore alla prostata e la presenza di una mutazione del gene BRCA2 potrebbero determinare una progressione più rapida del cancro, come sostiene una ricerca pubblicata su Nature Communications.

  • Stress e scelte terapeutiche

    Lo stress e le emozioni legati alla diagnosi tumorale possono portare il paziente a scelte terapeutiche più aggressive e talvolta non necessarie

  • Etnia e progressione tumorale

    L’etnia di appartenenza può incidere sull’aggressività del tumore alla prostata? Secondo una ricerca pubblicata su Cancer, la razza predispone allo sviluppo del tumore, ma non influisce sulla sua progressione.

  • La comunicazione con il proprio medico

    Il test del PSA è considerato un esame controverso e, in molti casi, manca una discussione costruttiva tra medico e paziente riguardo ai benefici e ai rischi di questo screening.

  • La biopsia liquida per il tumore alla prostata

    Con un semplice esame del sangue in futuro potrebbe essere possibile diagnosticare e valutare il tumore prostatico. Lo sostiene una ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità.

  • Condividere dati sul cancro per salvare vite umane

    Condividere i dati clinici, epidemiologici e genomici sul cancro per trovare soluzioni globali nella lotta contro la malattia: è l’appello della Global Alliance for Genomics and Health sul NEJM

  • Il ruolo dei social media in Oncologia

    Qual è l’impatto dei social media in ambito oncologico? Quali vantaggi potrebbero derivare per i pazienti?

  • La dieta vegana riduce il rischio tumorale?

    Uno studio finanziato dal World Cancer Research Fund ha ipotizzato che una dieta vegana possa ridurre il rischio di sviluppare il tumore alla prostata.

  • Tabacco e tumore alla prostata

    Il fumo è considerato uno dei fattori di rischio del tumore alla prostata. Poco si conosce, invece, dell’effetto dei prodotti a base di tabacco sulla progressione tumorale.

  • Stress e mortalità per tumore

    È possibile che lo stress possa influenzare il rischio di mortalità per il tumore alla prostata? Uno studio britannico sostiene che le probabilità aumenterebbero per i pazienti che si trovano in uno stato psicologico di forte angoscia ed ansia.

  • Il monitoraggio del paziente nella sorveglianza attiva

    Secondo uno studio della University of California, sarebbero in aumento i pazienti che optano per la sorveglianza attiva, ma non si sottopongono ad esami e visite con regolarità.

  • Utilizzo dei biosensori nel tumore alla prostata

    L’uso di tecnologie impiantate nel corpo del paziente potrebbe modificare la diagnosi e il trattamento del tumore.

  • Interventi di prostatectomia radicale a confronto

    La chirurgia robotica per l’asportazione della prostata ridurrebbe le perdite ematiche nei pazienti obesi, favorendo una ripresa post-operatoria più rapida. I risultati di uno studio pubblicato su Current Urology.

  • Tumore del seno e della prostata: prova a twittarlo!

    Twitter, Facebook, YouTube, Instagram… cambiano il modo in cui ci informiamo sulla nostra salute e il modo in cui guardiamo alla malattia, anche quando si tratta di un tumore. Più informati e consapevoli sul tumore del seno e della prostata: due esempi di comunicazione social a confronto.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok