Flavonoidi per la prevenzione della disfunzione erettile

Flavonoidi per la prevenzione della disfunzione erettile

14 Ottobre 2016

Il consumo regolare di flavonoidi contenuti in alcuni alimenti e bevande potrebbe ridurre il rischio di disfunzione erettile, come spiega una ricerca pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition.

Flavonoidi per la prevenzione della disfunzione erettileLa disfunzione erettile o ED (Erectile Dysfunction) ha un’origine prevalentemente vascolare e non è chiaro se le abitudini alimentari possano influenzarne la comparsa.
Sappiamo, però, che il consumo di flavonoidi aiuta a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e del diabete: è da questa premessa che è partita una ricerca pubblicata online sull’American Journal of Clinical Nutrition, con l’obiettivo di comprendere se il consumo di cibi ricchi di flavonoidi, come per esempio frutta, verdura, tè e vino, potrebbero ridurre il rischio di disfunzione erettile.

 

Questo studio prospettico ha analizzato le risposte di oltre 50.000 uomini nell’ambito dell’Health Professionals Follow-Up Study americano, soffermandosi in particolare sulla frequenza con cui venivano assunti cibi ricchi di flavonoidi e sull’eventuale comparsa di una disfunzione erettile nel paziente.
Ogni quattro anni veniva riproposto lo stesso questionario al medesimo campione e, a distanza di dieci anni, si è osservato che il 35,6% dei soggetti aveva sviluppato una disfunzione erettile.

 

I ricercatori hanno per prima cosa escluso altri fattori di rischio, quali il sovrappeso, la sedentarietà, il consumo di caffeina e il fumo; hanno, quindi, identificato alcune sostanze tra i flavoinoidi che sarebbero più efficaci di altre nel ridurre la disfunzione erettile soprattutto tra gli uomini di età inferiore a 70 anni, ovvero:

 

  • antocianine, presenti nei mirtilli, nelle ciliegie, nelle more, nel ribes nero e nei ravanelli (ridurrebbero il rischio di ED del 9%);
  • flavanoni, caratteristici degli agrumi (-11%);
  • flavoni, contenuti nel prezzemolo, nel timo, nel sedano e nel peperoncino (-9%).

 

I flavonoidi sono, inoltre, contenuti in alcune bevande come il tè e il vino rosso, e in altri tipi di frutta come mele, pere e fragole.

 

Gli uomini che hanno consumato cibi ricchi di questi flavonoidi in piccole quantità (3 o 4 porzioni a settimana) hanno avuto il 14% di probabilità in meno di soffrire di disfunzione erettile.
«I nostri dati hanno rafforzato la convinzione che una dieta sana, in particolare ricca di numerosi flavonoidi, insieme all’esercizio fisico e al mantenimento del corretto peso corporeo sono elementi importanti per migliorare la salute sessuale e la riduzione dei fattori di rischio cardiovascolare», ha spiegato il ricercatore a capo dello studio, Aedin Cassidy, professoressa di Nutrizione alla University of East Anglia di Norwich, Regno Unito.

 

L’esercizio fisico è considerato la principale forma di prevenzione della disfuzione erettile: secondo i ricercatori, il consumo regolare di alimenti contenenti flavonoidi avrebbe gli stessi effetti di cinque ore settimanali di camminata a passo sostenuto.
Associare l’assunzione di flavonoidi, attraverso alimenti e bevande, ad un’attività fisica regolare permetterebbe di ridurre il rischio di ED del 21%.

 

Nuove ricerche sembrano suggerire che i flavonoidi migliorino, tra l’altro, la funzionalità endoteliale e la pressione sanguigna, benefici che potrebbero prevenire anche la funzione erettile, oltre al rischio di diabete e di malattie cardiovascolari.

 

Eric Rimm, professore di Epidemiologia e Nutrizione alla Harvard T.H. Chan School of Public Health e coautore di questo studio, ha affermato: «Oltre a migliorare la salute sessuale degli uomini di mezza età, c’è anche un altro importante beneficio collegato alla salute cardiaca. La disfunzione sessuale è spesso un campanello di allarme di una funzionalità vascolare compromessa e offre un’opportunità critica per intervenire e prevenire disturbi cardiovascolari, infarti e persino morti. Gli uomini con una disfunzione erettile sono più propensi e motivati a fare scelte di vita più sane, come esercitarsi di più e mangiare in modo corretto - accorgimenti che migliorerebbero anche la loro salute cardiovascolare sul lungo periodo».

Fonte: Cassidy A, Franz M, Rimm EB, Dietary flavonoid intake and incidence of erectile dysfunction. Am J Clin Nutr 2016 Feb; 103(2):534-41. doi: 10.3945/ajcn.115.122010.

Persaud N, Flavonoid-Rich Foods May Lower Erectile Dysfunction Risk. Renal & Urology News, 14 Gennaio 2016.

Blueberries, citrus fruits and red wine associated with reduced erectile dysfunction, comunicato stampa, University of East Anglia, 13 Gennaio 2016.

Flavonoid-rich foods and drinks may prevent erectile dysfunction, Harvard T.H. Chan School of Public Health, news, 13 Gennaio 2016.

Knapton S, Why red wine and blackcurrants are sexual superfoods, The Telegraph Science News, 13 Gennaio 2016.

 

Potrebbe interessarti anche...

  • Dieta mediterranea e prevenzione oncologica

    La dieta mediterranea, grazie alla combinazione delle proprietà benefiche dei diversi alimenti, potrebbe prevenire il rischio di tumore. Uno studio dell’Università di Vienna esamina la letteratura scientifica sul tema.

  • Consumo di carni bianche e rischio tumorale: una meta-analisi

    Il World Cancer Reasearch Fund International sconsiglia il consumo di carni rosse e lavorate. Ma quali effetti hanno le carni bianche sul rischio di tumore alla prostata?

  • La dieta vegana riduce il rischio tumorale?

    Uno studio finanziato dal World Cancer Research Fund ha ipotizzato che una dieta vegana possa ridurre il rischio di sviluppare il tumore alla prostata.

  • Consumo di frutta a guscio e tumore alla prostata

    Secondo uno studio della Harvard Medical School, consumare con regolarità frutta a guscio potrebbe ridurre la mortalità per tumore alla prostata.

  • Consumo di alcolici e rischio tumorale

    Il consumo di bevande alcoliche rappresenta un fattore di rischio per il tumore alla prostata?
    Due ricerche provano a dimostrarlo.

  • Bevande zuccherate e rischio tumorale

    Il consumo eccessivo di bevande zuccherate è un potenziale fattore di rischio per numerose malattie, tra cui il cancro. Uno studio della Louisiana State University approfondisce questo legame.

  • Consumo di caffè e prevenzione

    Il caffè ha proprietà antitumorali? Una meta-analisi pubblicata su Nutrition and Cancer esamina la letteratura scientifica in proposito.

  • Carboidrati sani e carboidrati dannosi

    Una ricerca spiega come i diversi tipi di carboidrati possono influenzare il tumore alla prostata e ribadisce l’importanza di una dieta equilibrata.

  • I cibi che aiutano la salute della prostata: le fibre

    Uno stile di vita equilibrato aiuta a mantenere la salute della prostata. Scopriamo insieme l’importanza delle fibre nell’alimentazione quotidiana.

  • Combattere il tumore con uno stile di vita sano

    Quanto influisce lo stile di vita sulla probabilità di sviluppare una forma aggressiva di tumore alla prostata: uno studio di follow-up della University of California.

  • Essere in sovrappeso ci fa ammalare di più

    Essere in sovrappeso ci espone ad un rischio maggiore di ammalarci, eppure troppe persone sottovalutano questo problema. Il rischio di mortalità e malattie cresce all’aumentare del peso e non riguarda solo gli obesi, ma anche chi è in sovrappeso. Uno studio sul New England Journal of Medicine (NEJM).

  • Chirurgia tradizionale o robotica?

    Un confronto tra la chirurgia tradizionale e la chirurgia robotica per il trattamento del tumore alla prostata, per capire quale delle due opzioni sia più efficace e quale garantisca una migliore qualità di vita del paziente.

  • Obesità nei pazienti sopravvissuti ad un tumore

    L’obesità è un fenomeno in crescita, soprattutto negli Stati Uniti. Una ricerca della Columbia University ha ipotizzato una relazione tra tumore e aumento di peso che potrebbe aggravare questa tendenza.

  • Interventi di prostatectomia radicale a confronto

    La chirurgia robotica per l’asportazione della prostata ridurrebbe le perdite ematiche nei pazienti obesi, favorendo una ripresa post-operatoria più rapida. I risultati di uno studio pubblicato su Current Urology.

  • Stress e scelte terapeutiche

    Lo stress e le emozioni legati alla diagnosi tumorale possono portare il paziente a scelte terapeutiche più aggressive e talvolta non necessarie

  • Frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale

    La salute maschile dipenderebbe anche dalla regolarità dell’attività sessuale: due studi americani indagano il legame tra frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale della prostata.

  • Attività sessuale e rischio tumorale

    Lo sviluppo sessuale potrebbe rappresentare un fattore di rischio controllabile del tumore alla prostata. Una ricerca australiana prova ad avanzare delle ipotesi basate su dati statistici.

  • Vasectomia e rischio di tumore alla prostata

    In passato alcune ricerche hanno osservato un aumento del rischio di tumore alla prostata per gli uomini vasectomizzati. Nuove ricerche smentiscono questo legame.

  • I benefici dello yoga durante la radioterapia

    La pratica dello yoga aiuterebbe i pazienti sottoposti a radioterapia a migliorare la qualità di vita e a recuperare le funzioni sessuali e vescicali più rapidamente. Uno studio della University of Pennsylvania.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok