Familiarità e rischio tumorale

Informati

Familiarità e rischio tumorale

29 Novembre 2016

La familiarità con il tumore alla prostata è considerata un fattore di rischio. Ma in molti casi la malattia potrebbe avere un decorso lento e non letale.

Familiarità e rischio tumoraleLe linee guida americane ed europee consigliano agli uomini che hanno una storia familiare di cancro alla prostata di sottoporsi al test del PSA tra i 40 e i 50 anni.

 

Tuttavia, il test del PSA evidenzia anche forme tumorali a basso rischio, in molti casi clinicamente insignificanti.
Ecco perché, secondo alcuni ricercatori svedesi, l’aumento delle diagnosi di tumore prostatico tra i parenti di persone già affette da questa malattia sarebbe determinato non tanto dalla predisposizione genetica, quanto invece dal fatto che, per familiarità con il cancro, questi uomini si sottopongono più spesso al test del PSA.
Questo significa che una diagnosi di tumore alla prostata non necessariamente implica la probabilità di sviluppare la malattia in forma letale, ma potrebbe persino trattarsi di una forma tumorale indolente, asintomatica, cronicizzata.

 

Lo studio in questione, pubblicato sul Journal of the National Cancer Institute, suggerisce che sia opportuno riesaminare le statistiche sulla familiarità del tumore alla prostata in base all’età, al grado di parentela, al tipo di tumore e al relativo punteggio di Gleason.
Per farlo, i ricercatori hanno analizzato i dati presenti nel Prostate Cancer data Base Sweden (PCBaSe) 3.0, in cui sono archiviate le informazioni cliniche e demografiche di circa il 98% degli uomini malati di tumore alla prostata in Svezia. Grazie alle informazioni presenti in questo ampio database, è stato possibile risalire ai familiari di questi pazienti fino al 1932, considerando come unica discriminante il fatto che anche queste persone vivessero in Svezia.

 

Degli oltre 50.000 uomini presi in esame per la loro familiarità con il tumore alla prostata, al 30% è stato diagnosticato il tumore alla prostata entro i 75 anni, percentuale più che doppia rispetto alla media nazionale svedese, per cui il rischio di sviluppare la malattia si attesta intorno al 13%. Eppure, di questi uomini solo il 9% ha sviluppato il tumore in forma aggressiva, contro una media nazionale del 5%.
Queste percentuali risultano più alte per quegli uomini che hanno addirittura due familiari (padre e fratello) già colpiti dal tumore alla prostata: il rischio di sviluppare la malattia si attesta intorno al 48%, con un 14% di probabilità di forme aggressive.

 

Dalle analisi sembra, dunque, che la familiarità con il tumore alla prostata abbia una connessione anche con il tipo di gravità della malattia, per questo i ricercatori hanno classificato i tumori in tre stadi:

 

  • a basso rischio, per le forme tumorali diagnosticate prima dei 75 anni e che hanno permesso al paziente di vivere almeno altri 10 anni dalla diagnosi;
  • non letale, nel caso in cui il paziente riconosciuto malato di tumore alla prostata è morto per altre cause;
  • letale, quando la causa della morte è stata proprio il tumore alla prostata.

 

La probabilità di sviluppare questo tumore crescerebbe in base al numero dei familiari già colpiti dalla malattia (ad esempio padre e fratello) e aumenterebbe con l’età.

 

La novità di questa ricerca consiste nel fatto che, per prima, ha messo in evidenza come circa la metà delle diagnosi che coinvolgevano uomini con una storia familiare di tumore prostatico, in realtà erano categorizzabili come forme a basso rischio e senza alcuna rilevanza clinica.

 

Queste considerazioni potrebbero rivoluzionare il modo in cui la familiarità con il cancro viene considerata un fattore di rischio, e dare nuove speranze anche a quei pazienti geneticamente più predisposti a questa malattia.

Fonte: Bratt O et al. Family History and Probability of Prostate Cancer, Differentiated by Risk Category: A Nationwide Population-Based Study. JNCI J Natl Cancer Inst 2016; 108 (10): djw110. doi: 10.1093/jnci/djw110

Bratt O, New findings concerning hereditary prostate cancer, comunicato stampa, 11 Luglio 2016

 

Potrebbe interessarti anche...

  • Frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale

    La salute maschile dipenderebbe anche dalla regolarità dell’attività sessuale: due studi americani indagano il legame tra frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale della prostata.

  • Turni di lavoro e incidenza del tumore alla prostata

    Uno studio dell’Università di Mainz prova a verificare se il lavoro su turni potrebbe aumentare il rischio di tumore alla prostata.

  • Tumore alla prostata e diabete

    Una ricerca italiana evidenzia una riduzione del rischio di tumore alla prostata nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

  • Tabacco e tumore alla prostata

    Il fumo è considerato uno dei fattori di rischio del tumore alla prostata. Poco si conosce, invece, dell’effetto dei prodotti a base di tabacco sulla progressione tumorale.

  • Consumo di alcolici e rischio tumorale

    Il consumo di bevande alcoliche rappresenta un fattore di rischio per il tumore alla prostata?
    Due ricerche provano a dimostrarlo.

  • Bevande zuccherate e rischio tumorale

    Il consumo eccessivo di bevande zuccherate è un potenziale fattore di rischio per numerose malattie, tra cui il cancro. Uno studio della Louisiana State University approfondisce questo legame.

  • Alterazioni genetiche ed evoluzione del tumore

    La familiarità con il tumore alla prostata e la presenza di una mutazione del gene BRCA2 potrebbero determinare una progressione più rapida del cancro, come sostiene una ricerca pubblicata su Nature Communications.

  • Attività sessuale e rischio tumorale

    Lo sviluppo sessuale potrebbe rappresentare un fattore di rischio controllabile del tumore alla prostata. Una ricerca australiana prova ad avanzare delle ipotesi basate su dati statistici.

  • Stress e mortalità per tumore

    È possibile che lo stress possa influenzare il rischio di mortalità per il tumore alla prostata? Uno studio britannico sostiene che le probabilità aumenterebbero per i pazienti che si trovano in uno stato psicologico di forte angoscia ed ansia.

  • I benefici di uno stile di vita sano

    La ricerca fa progressi da gigante, ma per combattere il tumore è importante promuovere stili di vita sani.

  • Consumo di caffè e prevenzione

    Il caffè ha proprietà antitumorali? Una meta-analisi pubblicata su Nutrition and Cancer esamina la letteratura scientifica in proposito.

  • Carboidrati sani e carboidrati dannosi

    Una ricerca spiega come i diversi tipi di carboidrati possono influenzare il tumore alla prostata e ribadisce l’importanza di una dieta equilibrata.

  • Vasectomia e rischio di tumore alla prostata

    In passato alcune ricerche hanno osservato un aumento del rischio di tumore alla prostata per gli uomini vasectomizzati. Nuove ricerche smentiscono questo legame.

  • Etnia e progressione tumorale

    L’etnia di appartenenza può incidere sull’aggressività del tumore alla prostata? Secondo una ricerca pubblicata su Cancer, la razza predispone allo sviluppo del tumore, ma non influisce sulla sua progressione.

  • L’importanza del sonno

    La melatonina, ormone che regola il sonno, avrebbe un ruolo importante nello sviluppo tumorale, come rivela uno studio della Harvard School of Public Health di Boston.

  • La proteina delle ossa che inibisce l’invasione tumorale

    Le ossa sono l’ambiente in cui più spesso il carcinoma prostatico può diffondersi. Due ricerche hanno analizzato questo fenomeno, individuando una proteina che potrebbe inibire le metastasi verso le ossa.

  • Tumore del seno e della prostata: prova a twittarlo!

    Twitter, Facebook, YouTube, Instagram… cambiano il modo in cui ci informiamo sulla nostra salute e il modo in cui guardiamo alla malattia, anche quando si tratta di un tumore. Più informati e consapevoli sul tumore del seno e della prostata: due esempi di comunicazione social a confronto.

  • Il tumore alla prostata in Italia: dati 2016

    La pubblicazione del rapporto Aiom-AIRTUM I numeri del cancro in Italia 2016 fanno riflettere sull’incidenza del tumore alla prostata e sull’aspettativa di vita dei pazienti colpiti da questa malattia.

  • La comunicazione con il proprio medico

    Il test del PSA è considerato un esame controverso e, in molti casi, manca una discussione costruttiva tra medico e paziente riguardo ai benefici e ai rischi di questo screening.

  • L’olfatto canino come strumento diagnostico

    Una ricerca italiana dimostra che i cani riuscirebbero a fiutare la presenza di tumore alla prostata nelle urine del paziente, e apre nuove possibilità per la diagnostica.

  • Un prelievo ematico per valutare la gravità del tumore

    Il livello di ormoni presenti nel sangue potrebbe consentire di prevedere il grado di gravità del tumore alla prostata. Il contributo di una ricerca italiana presentata alla European Association of Urology.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok