Etnia e progressione tumorale

Informati

Etnia e progressione tumorale

7 Giugno 2017

L’etnia di appartenenza può incidere sull’aggressività del tumore alla prostata? Secondo una ricerca pubblicata su Cancer, la razza predispone allo sviluppo del tumore, ma non influisce sulla sua progressione.

Stress e scelte terapeuticheL'etnia figura tra i fattori di rischio conosciuti del tumore alla prostata: numerosi studi hanno dimostrato che l’incidenza di questo tumore è più alta negli uomini afroamericani e minore tra le popolazioni asiatiche, in particolare Cinesi e Giapponesi.

 

Tuttavia non sono conosciute le cause di questo fenomeno e non è stato accertato se queste differenze dipendano dalle caratteristiche biologiche del tumore, da fattori socio-culturali oppure dalla possibilità di accesso alle cure mediche.

Non è neppure chiaro se esista una correlazione tra razza e aggressività del tumore.

A questo proposito, alcuni ricercatori americani hanno esaminato i dati di 837 pazienti con una diagnosi di tumore alla prostata resistente alla castrazione (CRPC) con metastasi a distanza assenti (M0) o non accertabili (MX). Di questi, 306 pazienti erano afroamericani (37%) e 531 bianchi (63%).

Il campione di studio erano, dunque, uomini già malati e in uno stadio avanzato ma non metastatico della malattia, per capire se la progressione tumorale avesse esiti diversi a seconda della razza.

I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Cancer, hanno evidenziato come non esistano differenze significative tra uomini di colore o uomini bianchi rispetto al rischio di sviluppo metastatico o alle probabilità di sopravvivenza globali: il tumore alla prostata può avere esiti e sviluppi che sono indipendenti dall’etnia di provenienza.

Anche se sono esposti ad un rischio maggiore di sviluppare la malattia, gli uomini afroamericani hanno le stesse probabilità di sviluppo di metastasi e le stesse probabilità di sopravvivenza degli altri gruppi etnici.

Fonte:

Whitney C, Howard LE, Amling CL, Aronson WJ, Cooperberg MR, Kane CJ, Terris MK, Freedland SJ, Race does not predict the development of metastases in men with nonmetastatic castration-resistant prostate cancer, Cancer 2016; 122(24): 3848-3855. doi: 10.1002/cncr.30221


Hoffman J, Race Does Not Predict Prostate Cancer Metastasis Development, Oncology Nurse Advisor, 9 Agosto 2016


Maisonneuve P, Epidemiologia e Fattori di Rischio del Tumore alla Prostata, Europa Uomo, 2005


Cause e fattori di rischio del tumore alla prostata, IEO Istituto Europeo di Oncologia


 

Potrebbe interessarti anche...

  • Stress e mortalità per tumore

    È possibile che lo stress possa influenzare il rischio di mortalità per il tumore alla prostata? Uno studio britannico sostiene che le probabilità aumenterebbero per i pazienti che si trovano in uno stato psicologico di forte angoscia ed ansia.

  • Il tumore alla prostata in Italia: dati 2016

    La pubblicazione del rapporto Aiom-AIRTUM I numeri del cancro in Italia 2016 fanno riflettere sull’incidenza del tumore alla prostata e sull’aspettativa di vita dei pazienti colpiti da questa malattia.

  • Attività fisica e tumore della prostata non metastatico

    Un grande studio prospettico americano, effettuato su uomini con diagnosi di tumore della prostata non metastatico, mostra come praticare almeno 5 ore di attività fisica a moderata intensità a settimana dopo la diagnosi riduca il rischio di morire a causa della malattia.