Esercizio fisico per curare il tumore alla prostata

Esercizio fisico per curare il tumore alla prostata

5 Aprile 2016

Uno studio clinico condotto da ricercatori britannici mira a studiare l’influenza dell’esercizio fisico su pazienti con un tumore alla prostata localizzato.

Tumore alla prostata e attività aerobicaUno studio clinico appena avviato e noto con l’acronimo PANTERA, condotto dal Cancer Research UK in collaborazione con la Sheffield Hallam University di Sheffield, Regno Unito, si propone di confrontare l’evoluzione del tumore alla prostata in pazienti che svolgono esercizio fisico costante, rispetto a coloro che hanno uno stile di vita sedentario.

 

È in corso la fase di reclutamento dei volontari che si sottoporranno allo studio: le candidature potranno essere inviate fino al mese di Settembre 2016. Sono chiamati a partecipare pazienti con un tumore alla prostata localizzato e non ancora operato, e che non presentano cardiopatie o altre patologie cliniche.
Tra questi, verranno selezionati 50 volontari per prendere parte allo studio clinico; metà del gruppo dovrà dedicarsi ad esercizi aerobici della durata di 2 ore e mezzo alla settimana per un anno, sotto la supervisione di un istruttore, e avrà poi libero accesso a palestre, mentre l’altra metà verrà informata sui benefici dell’attività sportiva, ma senza obbligo di praticarla.
Il gruppo di ricerca verrà sottoposto a sorveglianza attiva e monitoraggio regolare.

 

Questo studio si propone di misurare gli eventuali benefici dell’esercizio fisico combinato ad uno stato di sorveglianza attiva in uomini colpiti da tumore alla prostata, soprattutto valutando se uno stile di vita attivo possa rallentare la diffusione del cancro verso altre zone dell’organismo.

 

Il dottor Liam Bourke, supervisore e ricercatore associato della Sheffield Hallam University, ha dichiarato: “L’evidenza suggerisce che gli uomini fisicamente attivi a cui è stato diagnosticato un tumore alla prostata, hanno maggiori probabilità di sopravvivenza al cancro rispetto a uomini sedentari. Non è ancora chiaro, tuttavia, il meccanismo che sta alla base di questo fenomeno, ma l’esercizio fisico potrebbe influenzare il modo in cui alcuni geni regolano la crescita delle cellule tumorali e la riparazione del DNA. Il team clinico accademico di Sheffield ha lavorato sodo per otto anni per sviluppare l’intervento che sta per essere testato da questo entusiasmante studio. Esso rafforza ciò che già sappiamo e rappresenta il primo passo verso la scoperta dell’efficacia pratica che l’esercizio fisico potrebbe avere nel trattamento del tumore alla prostata localizzato da parte del National Health Service (NHS). Se riusciremo a dimostrare che funziona ed è fattibile, potrebbe rappresentare un vero passo avanti e una buona notizia per i pazienti oncologici”.

 

Numerosi studi hanno monitorato gli effetti che l’esercizio fisico ha sull’organismo ed in particolare sulle variazioni del livello del PSA nel sangue, che rappresenta uno dei possibili segnali del tumore.
L’esercizio fisico regolare, inoltre, può aiutare a ridurre l’ansia e la stanchezza, a migliorare l’autostima e l’umore, a preservare la salute del cuore, a mantenere un peso ottimale, oltre a rafforzare la muscolatura e la resistenza fisica.

 

Spesso i trattamenti per contrastare il cancro determinano effetti collaterali tra cui i più diffusi sono l’incontinenza urinaria, la spossatezza, la depressione e l’osteoporosi: in tutti questi casi il paziente potrebbe trarre beneficio dall’attività fisica.

 

Rispetto alla letteratura scientifica precedente, questo studio clinico potrebbe tradurre dalla teoria alla pratica l’importanza dell’esercizio aerobico nel contrastare la progressione del tumore alla prostata: se ciò fosse dimostrato, in futuro l’NHS potrebbe valutare l’introduzione di corsi gratuiti di aerobica per la riabilitazione e il trattamento di pazienti colpiti da tumore alla prostata.

 

Se i risultati evidenziati fossero positivi, inoltre, potrebbe seguire uno studio su larga scala, che coinvolga un numero maggiore di pazienti.

 

Potrebbe interessarti anche...

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok