Esercizio fisico con la supervisione di specialisti

Esercizio fisico con la supervisione di specialisti

10 Gennaio 2017

Una ricerca italiana spiega quali sono gli sport più indicati per i pazienti anziani con tumore alla prostata. Da preferire esercizi di resistenza e cardiovascolari.

Un esercizio di resistenza: il sollevamento pesiRicercatori della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano hanno condotto una revisione sistematica di precedenti studi randomizzati controllati sull’influenza dello stile di vita nei pazienti con tumore alla prostata. L’obiettivo dello studio era quello di capire come determinate abitudini, ad esempio la dieta e l’esercizio fisico, possano incidere sulla qualità di vita dei malati oncologici.

 

Tra le abitudini esaminate, la più incisiva è risultata essere l’esercizio fisico: sono stati monitorati i dati clinici di pazienti che si esercitavano regolarmente, sotto la supervisione di specialisti. Il gruppo di studio era abbastanza eterogeneo, perché comprendeva uomini che si erano avvicinati all’attività sportiva da un minimo di 1 mese fino ad un massimo di 8 anni.
Inoltre, i pazienti erano sottoposti a trattamenti molto diversi l’uno dall’altro.

 

I ricercatori hanno sottolineato una volta di più l’importanza di un’alimentazione sana: ridurre l’assunzione di calorie contribuisce ad equilibrare l’indice di massa corporea (BMI Body Mass Index) e, di conseguenza, a migliorare la qualità di vita del paziente.
Tuttavia sembrerebbe che l’attività fisica abbia un impatto notevolmente maggiore sulle condizioni di vita; esercizi di resistenza, come il sollevamento pesi, praticati per almeno 6 mesi, possono generare effetti positivi sull’umore, sulla fatigue, sulle funzioni fisiche e sessuali.

 

Secondo alcuni studi analizzati nell’ambito di questo studio, sarebbero da preferire proprio esercizi di resistenza rispetto ad attività aerobiche quali camminare, andare in bicicletta o fare jogging, in quanto i benefici sarebbero prolungati nel tempo.
Un altro tipo di training che avrebbe effetti positivi sulle funzioni cardiache e circolatorie, sulla flessibilità e forza muscolare, oltre che sulla fatigue, sono gli esercizi cardiovascolari protratti per almeno 2 mesi.

 

La vera sfida per chi si avvicina all’esercizio fisico in tarda età è rappresentata soprattutto dalla motivazione. La letteratura scientifica sottolinea l’importanza di praticare sport in maniera regolare, ecco perché è consigliabile rivolgersi a specialisti capaci di indirizzare verso l’esercizio fisico più indicato per la specificità del paziente e, soprattutto, in grado di monitorare i progressi individuali in relazione ai trattamenti per il tumore alla prostata.

Fonte: Menichetti J et al., Lifestyle interventions to improve the quality of life of men with prostate cancer: A systematic review of randomized controlled trials, Onc Hema 2016. doi: 10.1016/j.critrevonc.2016.10.007

Persaud N, Exercise Training Improves Quality of Life for PCa Patients, Renal & Urology News, 26 Ottobre 2016

Mostra tutti i commenti (2)

CLAUDIO

12 Gennaio 2017

 

IL POST TURP.....MICA PORTA ALLA MANCANZA DEL DESIDERIO SESSUALE E QUINDI DELL'ORGASMO ?

ProstataNonSeiSolo

12 Gennaio 2017

 

Può rivolgere la domanda al servizio "Scrivi all'Esperto" a questo link: Scrivi all'Esperto

 

Potrebbe interessarti anche...

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok