Dieta mediterranea e prevenzione oncologica

Dieta mediterranea e prevenzione oncologica

19 Aprile 2016

La dieta mediterranea, grazie alla combinazione delle proprietà benefiche dei diversi alimenti, potrebbe prevenire il rischio di tumore. Uno studio dell’Università di Vienna esamina la letteratura scientifica sul tema.

Ingredienti della dieta mediterraneaL’incidenza dei tumori risulta più bassa nei paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo rispetto ai paesi settentrionali, agli Stati Uniti e al Regno Unito.
La dieta mediterranea sembra essere correlata ad una minore probabilità di contrarre alcuni tipi di tumore e ad una minore mortalità per cancro. La combinazione di alcuni ingredienti di questo regime alimentare ridurrebbero il rischio di sviluppare alcune forme tumorali: l’elevato consumo di frutta, verdura e cereali integrali, e l’assunzione di minori quantità di carne lavorata possono essere considerate misure di prevenzione contro il cancro del colon-retto, del tratto digerente, del seno, dello stomaco, del pancreas, della prostata, del fegato, della testa e del collo.

 

Una ricerca della University of Vienna da poco pubblicata su Current Nutrition Reports ha revisionato le evidenze scientifiche emerse da studi clinici, studi di coorte prospettici e studi caso-controllo inerenti alla correlazione tra dieta mediterranea e rischio tumorale.

 

Per prima cosa, i ricercatori hanno presentato una definizione univoca del concetto di “dieta mediterranea” (MD), basandosi sulle abitudini alimentari adottate nei primi anni Sessanta dagli abitanti del bacino del Mediterraneo, soprattutto a Creta, in Grecia e nell’Italia meridionale. Esistono diversi punteggi per calcolare il grado di aderenza alla dieta mediterranea, in tutti i casi gli elementi da considerare sono un elevato consumo di verdura, frutta fresca e secca, legumi, cereali integrali e pesce, una prevalenza di grassi acidi monoinsaturi rispetto ai grassi saturi, ed un consumo ridotto di carni rosse lavorate e di prodotti caseari a lunga conservazione.

 

L’aderenza alla dieta mediterranea si è dimostrata efficace nella prevenzione di numerose malattie croniche cardiovascolari e neurodegenerative, di neoplasie e di forme di diabete mellito di tipo 2, oltre che nella riduzione del rischio di sviluppare alcuni tumori localizzati.

 

La ricerca della University of Vienna, ad opera di Lukas Schwingshackl e Georg Hoffmann, ha esaminato le conseguenze prodotte dalla dieta mediterranea su diverse forme tumorali: nel caso del tumore alla prostata, gli studi clinici hanno evidenziato una diminuzione del 4% del rischio di sviluppare questo cancro in pazienti che hanno seguito una dieta mediterranea, mentre per altri tipi di tumore il beneficio potrebbe essere persino maggiore (riduzione del rischio del 42% nel tumore al fegato, del 27% nel tumore allo stomaco, del 17% nel tumore al colon-retto, del 10% nel caso del tumore al seno).

 

Le proprietà dei diversi alimenti

 

L’effetto protettivo svolto da frutta e verdura sullo sviluppo e la progressione del tumore può dipendere dall’elevato contenuto di flavonoidi con proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, antimutageniche e antiproliferative, tuttavia gli studi clinici non hanno evidenziato una correlazione significativa tra il consumo di questi alimenti e la riduzione della mortalità per cancro.

 

Il consumo di pesce viene raccomandato a causa del contenuto di acidi grassi essenziali omega-3, che possono inibire la carcinogenesi e svolgere azione protettiva contro la progressione del tumore; anche in questo caso, tuttavia, non è provato il legame tra l’assunzione di omega-3 e la riduzione dell’incidenza tumorale.

 

Le fibre contenute nei cereali, soprattutto integrali, possono prevenire lo sviluppo di alcune forme tumorali; in particolare questo è stato dimostrato nel caso del cancro del colon-retto, perché la loro assunzione incrementa le dimensioni delle feci e ne riduce conseguentemente il tempo di permanenza nell’organismo, diminuendo così l’impatto di sostanze potenzialmente cancerogene nell’epitelio del colon.

 

L’olio di oliva potrebbe favorire la prevenzione soprattutto nel caso dei tumori al seno, dell’apparato digerente e del tratto respiratorio.

 

Il consumo moderato di alcool, soprattutto vino rosso, e il consumo di prodotti caseari sono stati oggetto di numerosi studi, ma i risultati sono discordanti: secondo alcune ricerche possono essere dannosi, mentre secondo altri studi, se consumati in quantità moderate, sembrerebbero avere un effetto protettivo dal rischio di sviluppare alcune forme tumorali.

 

Tutte le ricerche esaminate da Schwingshackl e colleghi, invece, concordano nel considerare la carne rossa e lavorata come un fattore di rischio, il cui consumo dovrebbe essere limitato.

 

La dieta mediterranea, secondo questa revisione scientifica, assume il ruolo di modello dietetico ottimale per promuovere uno stile di vita sano e rappresenta, inoltre, un importante fattore di prevenzione che può ridurre il rischio di tumore.
Tuttavia non sembra esistere un singolo alimento in grado di contrastare il cancro, bensì è proprio il modello alimentare nella sua interezza e la combinazione delle proprietà benefiche dei diversi alimenti a rendere la dieta mediterranea un importante alleato nella lotta contro il tumore.

Fonte: Schwingshackl L, Hoffmann G. Does a Mediterranean-Type Diet Reduce Cancer Risk? Curr Nutr Rep. 2016;5:9-17. doi:10.1007/s13668-015-0141-7

 

Potrebbe interessarti anche...

  • Consumo di carni bianche e rischio tumorale: una meta-analisi

    Il World Cancer Reasearch Fund International sconsiglia il consumo di carni rosse e lavorate. Ma quali effetti hanno le carni bianche sul rischio di tumore alla prostata?

  • La dieta vegana riduce il rischio tumorale?

    Uno studio finanziato dal World Cancer Research Fund ha ipotizzato che una dieta vegana possa ridurre il rischio di sviluppare il tumore alla prostata.

  • Consumo di frutta a guscio e tumore alla prostata

    Secondo uno studio della Harvard Medical School, consumare con regolarità frutta a guscio potrebbe ridurre la mortalità per tumore alla prostata.

  • Consumo di alcolici e rischio tumorale

    Il consumo di bevande alcoliche rappresenta un fattore di rischio per il tumore alla prostata?
    Due ricerche provano a dimostrarlo.

  • Bevande zuccherate e rischio tumorale

    Il consumo eccessivo di bevande zuccherate è un potenziale fattore di rischio per numerose malattie, tra cui il cancro. Uno studio della Louisiana State University approfondisce questo legame.

  • Consumo di caffè e prevenzione

    Il caffè ha proprietà antitumorali? Una meta-analisi pubblicata su Nutrition and Cancer esamina la letteratura scientifica in proposito.

  • Carboidrati sani e carboidrati dannosi

    Una ricerca spiega come i diversi tipi di carboidrati possono influenzare il tumore alla prostata e ribadisce l’importanza di una dieta equilibrata.

  • Flavonoidi per la prevenzione della disfunzione erettile

    Il consumo regolare di flavonoidi contenuti in alcuni alimenti e bevande potrebbe ridurre il rischio di disfunzione erettile, come spiega una ricerca pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition.

  • I cibi che aiutano la salute della prostata: le fibre

    Uno stile di vita equilibrato aiuta a mantenere la salute della prostata. Scopriamo insieme l’importanza delle fibre nell’alimentazione quotidiana.

  • Combattere il tumore con uno stile di vita sano

    Quanto influisce lo stile di vita sulla probabilità di sviluppare una forma aggressiva di tumore alla prostata: uno studio di follow-up della University of California.

  • Essere in sovrappeso ci fa ammalare di più

    Essere in sovrappeso ci espone ad un rischio maggiore di ammalarci, eppure troppe persone sottovalutano questo problema. Il rischio di mortalità e malattie cresce all’aumentare del peso e non riguarda solo gli obesi, ma anche chi è in sovrappeso. Uno studio sul New England Journal of Medicine (NEJM).

  • Cancro: poca consapevolezza sui fattori di rischio

    Secondo la National Cancer Opinion Survey, un’indagine voluta dall’American Society of Clinical Oncology (ASCO), la maggior parte degli americani non sono a conoscenza dei fattori di rischio chiave per il cancro. Più informazione, più ricerca, più prevenzione sono i tre elementi chiave sui quali investire.

  • Distribuzione del grasso corporeo e rischio oncologico

    L’accumulo di grasso intorno alla zona addominale potrebbe essere un ulteriore indicatore del rischio di tumore, come l'indice di massa corporea (BMI): lo sostiene uno studio pubblicato sul British Journal of Cancer.

  • Frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale

    La salute maschile dipenderebbe anche dalla regolarità dell’attività sessuale: due studi americani indagano il legame tra frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale della prostata.

  • Il ruolo dei social media in Oncologia

    Qual è l’impatto dei social media in ambito oncologico? Quali vantaggi potrebbero derivare per i pazienti?

  • 4 Febbraio: Giornata mondiale contro il cancro

    Il World Cancer Day è l’occasione per sostenere i malati oncologici e unire le nostre voci per guidare il cambiamento e promuovere la prevenzione.

  • Migliorare la qualità di vita del paziente con lo yoga

    Praticare lo yoga potrebbe migliorare la ripresa dei pazienti sottoposti a radioterapia esterna. Scopriamo come.

  • La comunicazione con il proprio medico

    Il test del PSA è considerato un esame controverso e, in molti casi, manca una discussione costruttiva tra medico e paziente riguardo ai benefici e ai rischi di questo screening.

  • Obesità nei pazienti sopravvissuti ad un tumore

    L’obesità è un fenomeno in crescita, soprattutto negli Stati Uniti. Una ricerca della Columbia University ha ipotizzato una relazione tra tumore e aumento di peso che potrebbe aggravare questa tendenza.

  • La biopsia liquida per il tumore alla prostata

    Con un semplice esame del sangue in futuro potrebbe essere possibile diagnosticare e valutare il tumore prostatico. Lo sostiene una ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità.

  • Fumo e tumore alla prostata

    Smettere di fumare ridurrebbe il tasso di mortalità per cancro alla prostata: i risultati di un’analisi epidemiologica pubblicata sulla rivista Preventing Chronic Disease.

  • Esercizio fisico per curare il tumore alla prostata

    Uno studio clinico condotto da ricercatori britannici mira a studiare l’influenza dell’esercizio fisico su pazienti con un tumore alla prostata localizzato.

  • Il monitoraggio del paziente nella sorveglianza attiva

    Secondo uno studio della University of California, sarebbero in aumento i pazienti che optano per la sorveglianza attiva, ma non si sottopongono ad esami e visite con regolarità.

  • XI Giornata nazionale del malato oncologico

    L’evento si svolgerà a Roma dal 12 al 15 Maggio e sarà l’occasione per parlare di prevenzione e di miglioramento delle condizioni dei pazienti oncologici.

  • L’importanza del sonno

    La melatonina, ormone che regola il sonno, avrebbe un ruolo importante nello sviluppo tumorale, come rivela uno studio della Harvard School of Public Health di Boston.

  • I benefici di uno stile di vita sano

    La ricerca fa progressi da gigante, ma per combattere il tumore è importante promuovere stili di vita sani.

  • Attività fisica e tumore della prostata non metastatico

    Un grande studio prospettico americano, effettuato su uomini con diagnosi di tumore della prostata non metastatico, mostra come praticare almeno 5 ore di attività fisica a moderata intensità a settimana dopo la diagnosi riduca il rischio di morire a causa della malattia.

  • L’amore fa bene alla prostata

    Secondo una ricerca pubblicata su European Urology le eiaculazioni frequenti hanno un effetto protettivo nei confronti del tumore alla prostata a basso rischio.

  • Tumore della prostata: uno screening personalizzato

    In termini di mortalità, i vantaggi del sottoporsi a screening per il cancro della prostata sono più evidenti in uomini con una storia familiare di cancro alla prostata. Sono i dati di uno studio che ha simulato i benefici e i danni dello screening in varie circostanze.

  • L’imbarazzo nel parlare di problemi di prostata

    Gli uomini sono meno attenti alla salute e più imbarazzati nel parlare di problemi urologici al proprio medico: i dati allarmanti diffusi dal National Center for Health Statistics.

  • Livelli di testosterone e sviluppo tumorale

    C’è una correlazione tra le fluttuazioni nei livelli di testosterone e la probabilità di sviluppare il tumore alla prostata? Una ricerca pubblicata su Journal of Urology ha provato a dimostrarlo.

  • Effetti positivi del canto

    Il benessere e l’umore possono incidere positivamente sulla risposta del paziente al tumore. Un esperimento britannico ha indagato i potenziali effetti benefici del canto.

  • I problemi di prostata esistevano anche nella preistoria

    I problemi di prostata riguardavano anche le popolazioni preistoriche con uno stile di vita diverso da quello moderno, come dimostra uno studio condotto da ricercatori italiani e britannici.

  • Stress e mortalità per tumore

    È possibile che lo stress possa influenzare il rischio di mortalità per il tumore alla prostata? Uno studio britannico sostiene che le probabilità aumenterebbero per i pazienti che si trovano in uno stato psicologico di forte angoscia ed ansia.

  • L’arte come rimedio allo stress per il paziente oncologico

    Dedicarsi ad un’attività artistica può ridurre lo stress e migliorare il benessere psicofisico. Un articolo pubblicato su Art Therapy spiega questo fenomeno.

  • I benefici dello yoga durante la radioterapia

    La pratica dello yoga aiuterebbe i pazienti sottoposti a radioterapia a migliorare la qualità di vita e a recuperare le funzioni sessuali e vescicali più rapidamente. Uno studio della University of Pennsylvania.

  • Camminare, lo sport adatto a tutte le età

    L’esercizio fisico migliora il benessere generale e aiuta nella lotta contro tumore alla prostata. Qualche consiglio per iniziare al meglio.

  • Lo yoga per affrontare la fatica oncologica

    La pratica dello yoga va in aiuto dei pazienti oncologici per gestire il dolore e la fatica dovuti alla malattia e alle terapie. La parola ai dati presentati in occasione del Congresso annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) a Chicago.

  • Iperplasia prostatica benigna e stile di vita

    L’iperplasia prostatica benigna è una condizione diffusa soprattutto negli uomini sotto ai 50 anni. Una ricerca italiana ha evidenziato il possibile legame con lo stile di vita.

  • Cresce la ricchezza, aumentano i tumori

    Ad un aumento della ricchezza economica corrisponde un incremento dell’incidenza tumorale: a questa conclusione sono giunti tre ricercatori dell’Università di Pisa, che hanno preso in esame ben 122 Paesi.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Ok