Consumo di frutta a guscio e tumore alla prostata

Consumo di frutta a guscio e tumore alla prostata

20 Settembre 2016

Secondo uno studio della Harvard Medical School, consumare con regolarità frutta a guscio potrebbe ridurre la mortalità per tumore alla prostata.

Consumo di noci e tumore alla prostataLe noci e la frutta a guscio in genere sono ricche di macronutrienti bioattivi, tocoferoli e fitochimici, sostanze naturali ricche di vitamine e con un elevato potere antiossidante.
Negli ultimi anni è stato riconosciuto dagli studi in campo epidemiologico un collegamento tra un consumo elevato di noci e la riduzione del rischio di numerose patologie croniche, tra cui i disturbi cardiovascolari, il diabete di tipo 2 e le infiammazioni.
Per contro, il legame tra consumo di noci e rischio tumorale non era mai stato dimostrato, e, in relazione al cancro alla prostata, questo legame veniva addirittura considerato ambiguo e inconsistente.

 

Uno studio di coorte prospettico della Harvard Medical School, pubblicato sul British Journal of Cancer e basato sullo Health Professionals Follow-up Study (HPFS) avviato nel 1986, ha somministrato un questionario semi-quantitativo sulle abitudini alimentari a uomini malati di tumore alla prostata in fase non metastatica al momento della diagnosi. Il medesimo questionario veniva riproposto allo stesso campione ogni 4 anni.
Le domande riguardavano la frequenza con cui ciascuno di loro consumava una porzione (28 g) di noci o altri tipi di frutta a guscio, oltre ad informazioni sullo stile di vita e la storia clinica del paziente.

 

Durante i 26 anni del periodo di follow-up è stato osservato come gli uomini che dichiaravano di consumare le maggiori quantità di frutta a guscio avevano anche altre abitudini simili, per esempio facevano più esercizio fisico, assumevano supplementi vitaminici, seguivano una dieta di tipo mediterraneo e bevevano più alcolici.

 

Non è stata riscontrata alcuna associazione tra il consumo di frutta a guscio e l’incidenza del tumore alla prostata, ciò nonostante è stato individuato un effetto positivo del consumo di questi alimenti: le noci e la frutta a guscio potrebbero, infatti, migliorare la sopravvivenza dei pazienti con tumore alla prostata, forse proprio perché riducono l’incidenza delle malattie cardiovascolari, sono ricche di nutrienti e composti bioattivi che hanno una funzione cardio-protettiva; contengono, inoltre, antiossidanti e sostanze antinfiammatorie.
Non solo: le noci sono ricche di grassi monoinsaturi e polinsaturi vegetali, considerati grassi sani rispetto a quelli animali, perché è stato dimostrato il loro ruolo nel ridurre la mortalità e aumentare le probabilità di sopravvivenza di uomini con tumore alla prostata non metastatico.

 

“Questa ricerca è importante dal momento che sono più numerosi i pazienti che convivono con il tumore alla prostata rispetto a quelli che muoiono a causa di questa malattia”, ha affermato il dottor Ying Bao del Dana-Farber Cancer Institute e uno dei principali autori di questo studio.
Una buona abitudine per gli uomini a cui è stato diagnosticato un tumore alla prostata sarebbe quella di consumare almeno una porzione al giorno di 3-4 noci o 28 grammi di altra frutta a guscio, per esempio pinoli, anacardi, mandorle e pistacchi.
Il consumo di frutta secca a guscio almeno 4-5 volte a settimana contribuirebbe, dunque, a ridurre del 34% il rischio di morte per i pazienti con tumore alla prostata, rispetto a pazienti che ne assumono in quantità minori nella loro dieta (circa una volta al mese).

Fonte: Wang W, Yang M, Kenfield SA, et al. Nut consumption and prostate cancer risk and mortality, British Journal of Cancer 2016; 00: 1-4. doi: 10.1038/bjc.2016.181

Raphael J, Consuming Tree Nuts Could Lessen the Risk of Prostate Cancer Death, Nature World News, 21 Giugno 2016

Garlapow M, Consumption of Tree Nuts Associated With Reduced Mortality for Patients With Prostate Cancer, Oncology Nurse Advisor, 05 Luglio 2016

McGraw E, International Tree Nut Council funds study linking tree nut consumption to prostate cancer mortality, comunicato stampa del 15 Giugno 2016

Mostra tutti i commenti (2)

giuseppe

12 Ottobre 2016

 

gli antibiotici sono buoni per curare l'ipertrofia prostatica benigna ?

ProstataNonSeiSolo

12 Ottobre 2016

 

Può rivolgere la domanda al servizio "Scrivi all'Esperto" a questo link: Scrivi all'Esperto

 

Potrebbe interessarti anche...

  • Dieta mediterranea e prevenzione oncologica

    La dieta mediterranea, grazie alla combinazione delle proprietà benefiche dei diversi alimenti, potrebbe prevenire il rischio di tumore. Uno studio dell’Università di Vienna esamina la letteratura scientifica sul tema.

  • Consumo di carni bianche e rischio tumorale: una meta-analisi

    Il World Cancer Reasearch Fund International sconsiglia il consumo di carni rosse e lavorate. Ma quali effetti hanno le carni bianche sul rischio di tumore alla prostata?

  • La dieta vegana riduce il rischio tumorale?

    Uno studio finanziato dal World Cancer Research Fund ha ipotizzato che una dieta vegana possa ridurre il rischio di sviluppare il tumore alla prostata.

  • Consumo di alcolici e rischio tumorale

    Il consumo di bevande alcoliche rappresenta un fattore di rischio per il tumore alla prostata?
    Due ricerche provano a dimostrarlo.

  • Bevande zuccherate e rischio tumorale

    Il consumo eccessivo di bevande zuccherate è un potenziale fattore di rischio per numerose malattie, tra cui il cancro. Uno studio della Louisiana State University approfondisce questo legame.

  • Consumo di caffè e prevenzione

    Il caffè ha proprietà antitumorali? Una meta-analisi pubblicata su Nutrition and Cancer esamina la letteratura scientifica in proposito.

  • Carboidrati sani e carboidrati dannosi

    Una ricerca spiega come i diversi tipi di carboidrati possono influenzare il tumore alla prostata e ribadisce l’importanza di una dieta equilibrata.

  • Flavonoidi per la prevenzione della disfunzione erettile

    Il consumo regolare di flavonoidi contenuti in alcuni alimenti e bevande potrebbe ridurre il rischio di disfunzione erettile, come spiega una ricerca pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition.

  • I cibi che aiutano la salute della prostata: le fibre

    Uno stile di vita equilibrato aiuta a mantenere la salute della prostata. Scopriamo insieme l’importanza delle fibre nell’alimentazione quotidiana.

  • Combattere il tumore con uno stile di vita sano

    Quanto influisce lo stile di vita sulla probabilità di sviluppare una forma aggressiva di tumore alla prostata: uno studio di follow-up della University of California.

  • Essere in sovrappeso ci fa ammalare di più

    Essere in sovrappeso ci espone ad un rischio maggiore di ammalarci, eppure troppe persone sottovalutano questo problema. Il rischio di mortalità e malattie cresce all’aumentare del peso e non riguarda solo gli obesi, ma anche chi è in sovrappeso. Uno studio sul New England Journal of Medicine (NEJM).

  • Effetti positivi del canto

    Il benessere e l’umore possono incidere positivamente sulla risposta del paziente al tumore. Un esperimento britannico ha indagato i potenziali effetti benefici del canto.

  • Frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale

    La salute maschile dipenderebbe anche dalla regolarità dell’attività sessuale: due studi americani indagano il legame tra frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale della prostata.

  • 4 Febbraio: Giornata mondiale contro il cancro

    Il World Cancer Day è l’occasione per sostenere i malati oncologici e unire le nostre voci per guidare il cambiamento e promuovere la prevenzione.

  • I problemi di prostata esistevano anche nella preistoria

    I problemi di prostata riguardavano anche le popolazioni preistoriche con uno stile di vita diverso da quello moderno, come dimostra uno studio condotto da ricercatori italiani e britannici.

  • Stress e mortalità per tumore

    È possibile che lo stress possa influenzare il rischio di mortalità per il tumore alla prostata? Uno studio britannico sostiene che le probabilità aumenterebbero per i pazienti che si trovano in uno stato psicologico di forte angoscia ed ansia.

  • L’arte come rimedio allo stress per il paziente oncologico

    Dedicarsi ad un’attività artistica può ridurre lo stress e migliorare il benessere psicofisico. Un articolo pubblicato su Art Therapy spiega questo fenomeno.

  • Migliorare la qualità di vita del paziente con lo yoga

    Praticare lo yoga potrebbe migliorare la ripresa dei pazienti sottoposti a radioterapia esterna. Scopriamo come.

  • Obesità nei pazienti sopravvissuti ad un tumore

    L’obesità è un fenomeno in crescita, soprattutto negli Stati Uniti. Una ricerca della Columbia University ha ipotizzato una relazione tra tumore e aumento di peso che potrebbe aggravare questa tendenza.

  • I benefici dello yoga durante la radioterapia

    La pratica dello yoga aiuterebbe i pazienti sottoposti a radioterapia a migliorare la qualità di vita e a recuperare le funzioni sessuali e vescicali più rapidamente. Uno studio della University of Pennsylvania.

  • Fumo e tumore alla prostata

    Smettere di fumare ridurrebbe il tasso di mortalità per cancro alla prostata: i risultati di un’analisi epidemiologica pubblicata sulla rivista Preventing Chronic Disease.

  • Esercizio fisico per curare il tumore alla prostata

    Uno studio clinico condotto da ricercatori britannici mira a studiare l’influenza dell’esercizio fisico su pazienti con un tumore alla prostata localizzato.

  • Camminare, lo sport adatto a tutte le età

    L’esercizio fisico migliora il benessere generale e aiuta nella lotta contro tumore alla prostata. Qualche consiglio per iniziare al meglio.

  • L’importanza del sonno

    La melatonina, ormone che regola il sonno, avrebbe un ruolo importante nello sviluppo tumorale, come rivela uno studio della Harvard School of Public Health di Boston.

  • Lo yoga per affrontare la fatica oncologica

    La pratica dello yoga va in aiuto dei pazienti oncologici per gestire il dolore e la fatica dovuti alla malattia e alle terapie. La parola ai dati presentati in occasione del Congresso annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) a Chicago.

  • I benefici di uno stile di vita sano

    La ricerca fa progressi da gigante, ma per combattere il tumore è importante promuovere stili di vita sani.

  • Attività fisica e tumore della prostata non metastatico

    Un grande studio prospettico americano, effettuato su uomini con diagnosi di tumore della prostata non metastatico, mostra come praticare almeno 5 ore di attività fisica a moderata intensità a settimana dopo la diagnosi riduca il rischio di morire a causa della malattia.

  • Esercizio fisico con la supervisione di specialisti

    Una ricerca italiana spiega quali sono gli sport più indicati per i pazienti anziani con tumore alla prostata. Da preferire esercizi di resistenza e cardiovascolari.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok