Ciclismo e funzione urinaria e sessuale maschile

Ciclismo e funzione urinaria e sessuale maschile

7 Dicembre 2018

I risultati di un ampio studio hanno esplorato la relazione tra l’andare in bicicletta intensivamente e la funzione urinaria e sessuale in un grande campione di uomini.

Un uomo sulla sua bicicletta

La bicicletta sta vivendo negli ultimi anni un’epoca d’oro, ritornando ad essere sempre più popolare come mezzo di trasporto, di esercizio, di svago e (perché no?) di viaggio. I benefici del ciclismo, così come di molti altri sport, in termini di salute, sono ben noti. Tuttavia, la pratica intensiva di questa attività può causare lesioni ad alcune parti del corpo più stressate da una sollecitazione intensiva, come il collo, le mani, i polsi, la regione lombare, le ginocchia, i glutei o la zona di appoggio sulla sella. Ad esempio, l'impatto del ciclismo sulla salute sessuale a causa della prolungata pressione nella zona perineale e dei microtraumi che le pedalate eccessive potrebbero causare è una tematica di salute che ha ricevuto un'attenzione mediatica notevole e molti studi hanno riportato come ad esempio il ciclismo influisce negativamente sulla funzione erettile.

 

Tuttavia, i dati esistenti in letteratura sono piuttosto carenti; mancano di misure convalidate e/o di gruppi di confronto e/o sono limitati dalle piccole dimensioni del campione. Gli studi più convincenti sono sicuramente quelli condotti su individui impegnati in eventi di ciclismo a lunga distanza, ma mancano conoscenze approfondite sull'effetto del ciclismo ricreativo sulla disfunzione erettile. Inoltre, solo pochi gruppi hanno riportato l'associazione tra ciclismo e sintomi del tratto urinario inferiore e prostatite cronica/ sindrome da dolore pelvico cronico.

 

La ricerca - un ampio studio multinazionale trasversale -, pubblicata sulla rivista dell’American Urological Association, ha esplorato l'impatto del ciclismo sul sistema urogenitale utilizzando un gruppo di atleti di confronto e chiedendo a tutti i partecipanti di rispondere a questionari su tematiche sessuali e urinarie validati. «Abbiamo cercato di determinare come le caratteristiche della bicicletta e della strada influenzino queste relazioni», spiegano i ricercatori. «La nostra ipotesi era che l’uso intensivo della bicicletta influisse negativamente sulla funzione sessuale e urinaria».

 

I ciclisti sono stati reclutati per completare un sondaggio attraverso le pubblicità di Facebook® e i club sportivi per poi essere classificati in ciclisti a bassa e ad alta intensità. Come gruppo di confronto sono stati reclutati nuotatori e runner. I partecipanti sono stati “interrogati” utilizzando questionari validati, tra cui SHIM (Sexual Health Inventory for Men), I-PSS (International Prostate Symptom Score) e NIH-CPSI (National Institutes of Health Chronic Prostatitis Symptom Index), oltre che sottoposti a domande sulle infezioni del tratto urinario, la stenosi uretrale, l’intorpidimento genitale e le piaghe da sella. Delle 5.488 risposte complete al sondaggio, 3.932 (72%) sono state incluse nello studio. Stando ai risultati, i ciclisti non presentano funzioni sessuali o urinarie peggiori dei nuotatori o dei corridori, ma sono più inclini alla stenosi uretrale. Nell'analisi multivariata, i nuotatori/corridori hanno mostrato un punteggio SHIM medio inferiore rispetto ai ciclisti a bassa e alta intensità (19,5 vs 19,9 e 20,7, p = 0,02 e <0,001, rispettivamente). Non sono state riscontrate differenze significative nei punteggi I-PSS o NIH-CPSI o nella storia delle infezioni del tratto urinario. I ciclisti presentavano quote statisticamente più alte di stenosi uretrale rispetto ai nuotatori/corridori (OR 2,5, p = 0,042).

 

Alcune accortezze sembrano incidere positivamente sui sintomi:

  • Stare in piedi più del 20% del tempo durante la pedalata ha ridotto significativamente le probabilità di intorpidimento genitale (OR 0,4, p = 0,006).
  • La regolazione del manubrio più in alto o della sella riduce l’intorpidimento genitale e le piaghe da sella (OR 0,8, p = 0,005 e 0,6, p <0,001, rispettivamente).

 

Fonte:

Awad MA, Gaither TW, Murphy GP, et al. Cycling, and Male Sexual and Urinary Function: Results from a Large, Multinational, Cross-Sectional Study. J Urol 2018; 199(3): 798–804. doi: 10.1016/j.juro.2017.10.017 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29031767

 

Potrebbe interessarti anche...

  • Stress e mortalità per tumore

    È possibile che lo stress possa influenzare il rischio di mortalità per il tumore alla prostata? Uno studio britannico sostiene che le probabilità aumenterebbero per i pazienti che si trovano in uno stato psicologico di forte angoscia ed ansia.

  • Il tumore alla prostata in Italia: dati 2016

    La pubblicazione del rapporto Aiom-AIRTUM I numeri del cancro in Italia 2016 fanno riflettere sull’incidenza del tumore alla prostata e sull’aspettativa di vita dei pazienti colpiti da questa malattia.

  • Etnia e progressione tumorale

    L’etnia di appartenenza può incidere sull’aggressività del tumore alla prostata? Secondo una ricerca pubblicata su Cancer, la razza predispone allo sviluppo del tumore, ma non influisce sulla sua progressione.