Cibi per affamare le cellule del cancro alla prostata

Cibi per affamare le cellule del cancro alla prostata

21 Agosto 2018

Mele, uva rossa, bacche, curcuma e rosmarino contengono specifici nutrienti che potrebbero fermare la crescita del cancro alla prostata. Sono i dati di uno studio della University of Texas pubblicati sulla rivista Precision Oncology.

Cibi per affamare le cellule del cancro alla prostata

I ricercatori University of Texas di Austin hanno visto che l'acido ursolico, una sostanza chimica cerosa che si trova nella buccia di mele e nel rosmarino, la curcumina, il composto vegetale giallo contenuto nella curcuma, e il resveratrolo, che si trova in uve e bacche rosse, hanno un ruolo nell’arrestare la crescita le cellule tumorali della prostata.

 

Secondo lo studio, alcune combinazioni di questi elementi naturali presenti in mele, uva rossa, bacche, curcuma e rosmarino bloccano la proliferazione delle cellule tumorali. I ricercatori hanno prima testato 142 nutrienti presenti in alcuni alimenti per valutare le proprietà nel contrastare le cellule di tumore della prostata. Dopo i primi test in laboratorio, le sostanze più promettenti sono state sperimentate anche su topi con la malattia, per scoprire che alcune combinazioni di acido ursolico, resveratrolo e curcumina sembravano arrestare la crescita delle cellule del cancro della prostata.

 

Secondo i ricercatori, l’azione di contrasto è spiegata dal fatto che questi composti agirebbero minimizzando l’infiammazione dell’organismo, laddove sappiamo che le persone con elevati livelli di infiammazione a causa di infezioni croniche, malattie autoimmuni o condizioni come l'obesità presentano un rischio più elevato di sviluppare un cancro a causa dei danni che l’infiammazione apporta alle cellule normali.

 

Studiando i percorsi metabolici o le trasformazioni chimiche necessarie per nutrire queste cellule tumorali, i ricercatori si sono anche chiesti come riuscissero i nutrienti ad inibire la crescita tumorale ed hanno scoperto che l'acido ursolico, combinato con il resveratrolo o la curcumina, inibisce il consumo da parte delle cellule tumorali di glutammina, un composto di cui le cellule del tumore della prostata hanno bisogno per crescere. Negando alle cellule la glutamina, queste di fatto sono state affamate.

 

"Siamo arrivati vedere le combinazioni di alcune sostanze nutritive che hanno un effetto positivo sul cancro della prostata", ha dichiarato Stefano Tiziani, del Department of Nutritional Sciences and Dell Pediatric Research Institute di Austin. Si tratta di nutrienti che sembrano mostrare potenziali proprietà anticancro e sono facilmente disponibili, resta ora da capire di quanto è necessario aumentare la concentrazione di queste sostanze in una dieta sana per avere un effetto sulle cellule tumorali della prostata.

 

Fonte:

Alessia Lodi, Achinto Saha, Xiyuan Lu, Bo Wang, Enrique Sentandreu, Meghan Collins, Mikhail G. Kolonin, John DiGiovanni, Stefano Tiziani. Combinatorial treatment with natural compounds in prostate cancer inhibits prostate tumor growth and leads to key modulations of cancer cell metabolism. npj Precision Oncology, 2017; 1 (1) DOI: 10.1038/s41698-017-0024-z

Reference su Unitas

Press release: University of Texas at Austin. "Starving prostate cancer with what you eat: Apple peels, red grapes, turmeric." ScienceDaily, 6 June 2017

 

Potrebbe interessarti anche...

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok