C’è un legame tra vitamina D e tumori?

Informati

C’è un legame tra vitamina D e tumori?

13 Maggio 2014

Studi recenti hanno valutato se esiste una correlazione tra vitamina D e insorgenza di tumori

Tumore alla prostata: screening per diagnosi precociSono stati recentemente pubblicati su importanti riviste scientifiche due studi che hanno valutato la relazione tra livelli di vitamina D nel sangue e insorgenza di tumori.

 

Uno di questi ha analizzato 25 studi comprendenti 17.732 malati di tumore: per cancro al seno, del colon-retto e per linfoma i dati hanno evidenziato che alti livelli di vitamina D nel sangue al momento della diagnosi di tumore avevano una funzione “protettiva” e i pazienti mostravano una maggiore sopravvivenza. Dati positivi, anche se più limitati, sono emersi in questo studio anche per il tumore della prostata, del polmone, dello stomaco, per il melanoma e per la leucemia.

 

Il secondo studio si è concentrato sulla correlazione tra vitamina D e tumore della prostata. Partendo dal fatto che, su modelli animali, è stato rilevato che la vitamina D influenza la crescita e la differenziazione delle cellule tumorali prostatiche, sia benigne, sia maligne, tra il 2009 e il 2013 i ricercatori hanno misurato il livelli di vitamina D nel sangue di 667 uomini di età compresa tra 40 e 70 anni che dovevano sottoporsi a biopsia prostatica.

 

Le conclusioni dello studio hanno evidenziato che la carenza di vitamina D è collegata alle forme più aggressive di carcinoma della prostata; inoltre questo legame è risultato più forte nei pazienti afro-americani rispetto a quelli europei-americani.

 
 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok