Bevande zuccherate e rischio tumorale

Informati

Bevande zuccherate e rischio tumorale

23 Febbraio 2017

Il consumo eccessivo di bevande zuccherate è un potenziale fattore di rischio per numerose malattie, tra cui il cancro. Uno studio della Louisiana State University approfondisce questo legame.

Bevande zuccherate e rischio tumoraleL’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha identificato il consumo abituale di bevande zuccherate come un fattore di rischio per il sovrappeso e l’obesità sia negli adulti che nei bambini. Queste bibite, infatti, sono ritenute responsabili di una serie di patologie sempre più diffuse, quali il diabete, le disfunzioni cardiache e, secondo recenti teorie, anche di alcune forme tumorali.

 

Questo tipo di bevande contengono zuccheri aggiunti quali saccarosio o fruttosio, spesso in quantità elevate, che contribuiscono ad aumentare l’apporto energetico della dieta; tuttavia, le calorie fornite dalle bevande zuccherate hanno un ridotto valore nutrizionale e non aiutano a raggiungere il senso di sazietà come fanno, invece, i cibi solidi. Ecco perché il loro consumo abituale o in quantità eccessive può favorire l’aumento di peso e l’obesità.
Secondo l’OMS, la quantità ideale di zuccheri nella dieta dovrebbe essere inferiore al 10% dell’energia totale.

 

Uno studio condotto da ricercatori della Louisiana State University Health Science Center di New Orleans e pubblicato sulla rivista Translational Cancer Research ha approfondito il legame tra consumo di bevande zuccherate e tumore.
Sono stati esaminati i dati clinici di 22.182 individui adulti raccolti tra il 2003 e il 2012 nell’ambito del National Health And Nutrition Examination Survey (NHANES): in particolare, sono state osservate alcune abitudini, tra cui il consumo di soda, bevande al gusto di frutta, succhi, bevande energetiche per sportivi, bevande gassate, caffè e tè zuccherati. Questi dati comportamentali sono stati incrociati con altre informazioni individuali, tra cui l’abitudine al fumo, il peso, le caratteristiche demografiche (età, sesso, razza, livello di istruzione e reddito) e la storia clinica del paziente.

 

Il 15,7% di questo ampio campione consumava elevate quantità di bevande e cibi zuccherati (oltre 80 grammi di zuccheri al giorno) ed era costituito soprattutto da uomini giovani, afroamericani, obesi, fumatori, con un basso livello di istruzione e con un reddito basso.
I soggetti senza pregresse diagnosi tumorali consumavano quantità maggiori di zuccheri rispetto al gruppo di persone sopravvissute ad un tumore.

 

Il problema più contingente emerso da questi dati, secondo i ricercatori, è la scarsa educazione alimentare: le persone non sono consapevoli della quantità di zuccheri che assumono ogni giorno, in particolare delle quantità eccessive contenute nelle bevande zuccherate. L’American Heart Association, per esempio, consiglia di non superare le 450 kilocalorie derivanti da zuccheri al giorno.

 

Melinda Sothern, coautrice di questo studio e docente universitaria, ha sottolineato che «l’obiettivo di questo studio è stato quello di valutare attentamente i fattori di rischio derivanti dal consumo di zuccheri e di bevande zuccherate tra persone sopravvissute ad un cancro e persone a cui non era mai stato diagnosticato un tumore; per quanto ne sappiamo, prima d’ora nessuno studio aveva esaminato il consumo di bevande zuccherate in relazione a persone sopravvissute ad un tumore».
«Di recente sta prendendo piede la convinzione secondo cui si sia un legame tra il consumo di bevande zuccherate e il rischio di tumori del pancreas e dell’endometrio, così come il rischio di ricorrenza per il tumore del colon e un aumento della mortalità tra i sopravvissuti ad un cancro», ha aggiunto la dottoressa Sothern.

 

Questo studio dimostra in maniera ancora più significativa che bisogna promuovere stili di vita sani e limitare il consumo di bevande zuccherate, non solo tra le persone con una storia di tumore alle spalle, ma anche tra gli individui sani.

Fonte: Tseng TS, Lin HY, Griffiths L, Cornwell K, Sothern M, Sugar intake from sugar-sweetened beverage among cancer and non-cancer individuals: the NHANES study, Translational Cancer Research 2016; 5(5): S1019-S1028. doi: 10.21037/tcr.2016.09.42

More information on how cancer and sugar-sweetened beverages are link, ScienceDaily, 3 Ottobre 2016

Reducing consumption of sugar-sweetened beverages to reduce the risk of unhealthy weight gain in adults, World Health Organization, 24 Agosto 2016

Sugar-sweetened beverages, Cancer Council Australia, 2016

 

Potrebbe interessarti anche...

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok