Alterazioni genetiche ed evoluzione del tumore

Alterazioni genetiche ed evoluzione del tumore

10 Marzo 2017

La familiarità con il tumore alla prostata e la presenza di una mutazione del gene BRCA2 potrebbero determinare una progressione più rapida del cancro, come sostiene una ricerca pubblicata su Nature Communications.

Alterazioni genetiche ed evoluzione del tumoreUno studio clinico, condotto dalla Monash University e pubblicato sulla rivista Nature Communications, ha rivelato il motivo per cui gli uomini con una familiarità con il tumore alla prostata e un difetto del gene BRCA2 hanno maggiori probabilità di sviluppare forme avanzate di tumore alla prostata.

 

Le mutazioni germinali del gene BRCA2 sono state associate ad un elevato rischio di tumore alla prostata, come sottolineato da istituzioni autorevoli come il National Cancer Institute britannico.

 

Una precedente ricerca, finanziata dal programma di ricerca dell’ente Victorian Cancer Agency e pubblicata su Nature, aveva già provato a spiegare questo fenomeno, sostenendo che la causa era da imputare ad una patologia cellulare conosciuta come carcinoma intraduttale della prostata (IDCP). La presenza di questa patologia sarebbe un indicatore della predisposizione del paziente a questa forma tumorale.
I ricercatori australiani e canadesi della Monash University hanno portato avanti i risultati di questo primo studio, ed hanno cercato di approfondire il motivo per cui l’IDCP determina spesso forme più avanzate di tumore alla prostata.
Sono stati raccolti i campioni ematici di alcuni pazienti sottoposti a chirurgia per la rimozione del carcinoma prostatico e sono state avviate delle analisi genetiche. Lo studio ha rilevato che questi tumori alla prostata in fase iniziale erano geneticamente simili a forme tumorali avanzate e metastatiche, nei casi in cui il paziente aveva una mutazione del gene BRCA2. Al contrario, questa similitudine genetica non si è riproposta per i tumori in stadio iniziale osservati in pazienti che non portavano alcuna mutazione del gene BRCA2.

 

La presenza di un difetto genetico legato al BRCA2, dunque, potrebbe determinare una risposta clinica diversa e una progressione più rapida della malattia per questo gruppo di pazienti.
«Questo studio mostra quanto siano diversi questi tumori rispetto a quelli “regolari”, ed enfatizza quanto sia importante che gli uomini sappiano se hanno una storia familiare di cancro alla prostata, al seno o alle ovaie e, per questo, potrebbero essere portatori di una mutazione del gene BRCA2», ha spiegato il Professor Gail Risbridger, direttore del Monash Partners Comprehensive Cancer Consortium.
I pazienti portatori di questo tipo di mutazioni potrebbero essere sottoposti a diagnosi precoci e monitorati seguendo un iter diverso rispetto ai pazienti standard, e addirittura il loro percorso terapeutico potrebbe essere personalizzato.
Il passo successivo per la ricerca sarà quello di identificare uno strumento diagnostico efficace che sia in grado di prevedere le risposte cliniche dei pazienti sulla base del loro corredo genetico.

Fonte: Taylor RA, et al., Germline BRCA2 mutations drive prostate cancers with distinct evolutionary trajectories, Nature Communications 2017; 8: 13671. doi: 10.1038/ncomms13671

Aggressive prostate cancer secrets revealed in landmark study, ScienceDaily, 10 Gennaio 2017

BRCA1 and BRCA2: Cancer Risk and Genetic Testing, National Cancer Institute, 2015

Prostate cancer researchers find genetic fingerprint identifying how, when disease spreads, EurekAlert!, 9 Gennaio 2017

Researchers find genetic fingerprint for spotting aggressive prostate cancer, MacLean’s, 9 Gennaio 2017

 

Potrebbe interessarti anche...

  • L’IPB può dipendere dallo sviluppo fetale

    L’ipertrofia prostatica benigna (IPB) potrebbe dipendere dallo sviluppo dell’embrione nel grembo materno, come suggerito da alcuni studiosi della Michigan State University.

  • Condividere dati sul cancro per salvare vite umane

    Condividere i dati clinici, epidemiologici e genomici sul cancro per trovare soluzioni globali nella lotta contro la malattia: è l’appello della Global Alliance for Genomics and Health sul NEJM

  • Tumore alla prostata e diabete

    Una ricerca italiana evidenzia una riduzione del rischio di tumore alla prostata nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

  • Seconde opinioni mediche e decisioni dei pazienti

    Uno studio americano pubblicato sulla rivista Cancer analizza i motivi per cui un paziente oncologico si rivolge a diversi specialisti per affrontare il percorso di cura in modo più consapevole.

  • La comunicazione con il proprio medico

    Il test del PSA è considerato un esame controverso e, in molti casi, manca una discussione costruttiva tra medico e paziente riguardo ai benefici e ai rischi di questo screening.

  • Screening oncologico: come e quando

    Obiettivo dello screening oncologico è quello di contrastare il tumore con le cure più adeguate nel momento giusto. Alcuni ricercatori suggeriscono importanti riflessioni per il futuro.

  • L’olfatto canino come strumento diagnostico

    Una ricerca italiana dimostra che i cani riuscirebbero a fiutare la presenza di tumore alla prostata nelle urine del paziente, e apre nuove possibilità per la diagnostica.

  • L’imaging molecolare nel tumore prostatico

    Gli strumenti diagnostici più avanzati di imaging molecolare lasciano intravedere nuovi scenari per la cura e il monitoraggio del tumore alla prostata. Uno studio della University of Oxford.

  • La biopsia liquida per il tumore alla prostata

    Con un semplice esame del sangue in futuro potrebbe essere possibile diagnosticare e valutare il tumore prostatico. Lo sostiene una ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità.

  • In diminuzione gli interventi chirurgici alla prostata

    Nuovi trend nella chirurgia prostatica negli Stati Uniti: alcuni ricercatori provano a spiegare cause e conseguenze di questo fenomeno.

  • Un prelievo ematico per valutare la gravità del tumore

    Il livello di ormoni presenti nel sangue potrebbe consentire di prevedere il grado di gravità del tumore alla prostata. Il contributo di una ricerca italiana presentata alla European Association of Urology.

  • Forma della prostata e tumore

    Uno studio pubblicato su Scientific Reports sostiene che la forma della ghiandola prostatica alla risonanza magnetica possa offrire importanti informazioni sul tumore e sulla sua progressione.

  • Etnia e progressione tumorale

    L’etnia di appartenenza può incidere sull’aggressività del tumore alla prostata? Secondo una ricerca pubblicata su Cancer, la razza predispone allo sviluppo del tumore, ma non influisce sulla sua progressione.

  • Stress e scelte terapeutiche

    Lo stress e le emozioni legati alla diagnosi tumorale possono portare il paziente a scelte terapeutiche più aggressive e talvolta non necessarie

  • L’identikit del tumore alla prostata

    Studiando il profilo genetico di circa 260 pazienti, la University of Cambridge ha identificato cinque diversi tipi di tumore alla prostata, scoperta che potrebbe rendere più efficaci i trattamenti.

  • Frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale

    La salute maschile dipenderebbe anche dalla regolarità dell’attività sessuale: due studi americani indagano il legame tra frequenza dell’eiaculazione e rischio tumorale della prostata.

  • Turni di lavoro e incidenza del tumore alla prostata

    Uno studio dell’Università di Mainz prova a verificare se il lavoro su turni potrebbe aumentare il rischio di tumore alla prostata.

  • Tabacco e tumore alla prostata

    Il fumo è considerato uno dei fattori di rischio del tumore alla prostata. Poco si conosce, invece, dell’effetto dei prodotti a base di tabacco sulla progressione tumorale.

  • Consumo di alcolici e rischio tumorale

    Il consumo di bevande alcoliche rappresenta un fattore di rischio per il tumore alla prostata?
    Due ricerche provano a dimostrarlo.

  • Bevande zuccherate e rischio tumorale

    Il consumo eccessivo di bevande zuccherate è un potenziale fattore di rischio per numerose malattie, tra cui il cancro. Uno studio della Louisiana State University approfondisce questo legame.

  • Attività sessuale e rischio tumorale

    Lo sviluppo sessuale potrebbe rappresentare un fattore di rischio controllabile del tumore alla prostata. Una ricerca australiana prova ad avanzare delle ipotesi basate su dati statistici.

  • Stress e mortalità per tumore

    È possibile che lo stress possa influenzare il rischio di mortalità per il tumore alla prostata? Uno studio britannico sostiene che le probabilità aumenterebbero per i pazienti che si trovano in uno stato psicologico di forte angoscia ed ansia.

  • I benefici di uno stile di vita sano

    La ricerca fa progressi da gigante, ma per combattere il tumore è importante promuovere stili di vita sani.

  • Consumo di caffè e prevenzione

    Il caffè ha proprietà antitumorali? Una meta-analisi pubblicata su Nutrition and Cancer esamina la letteratura scientifica in proposito.

  • Carboidrati sani e carboidrati dannosi

    Una ricerca spiega come i diversi tipi di carboidrati possono influenzare il tumore alla prostata e ribadisce l’importanza di una dieta equilibrata.

  • Vasectomia e rischio di tumore alla prostata

    In passato alcune ricerche hanno osservato un aumento del rischio di tumore alla prostata per gli uomini vasectomizzati. Nuove ricerche smentiscono questo legame.

  • Familiarità e rischio tumorale

    La familiarità con il tumore alla prostata è considerata un fattore di rischio. Ma in molti casi la malattia potrebbe avere un decorso lento e non letale.

  • L’importanza del sonno

    La melatonina, ormone che regola il sonno, avrebbe un ruolo importante nello sviluppo tumorale, come rivela uno studio della Harvard School of Public Health di Boston.

  • Il ruolo dei social media in Oncologia

    Qual è l’impatto dei social media in ambito oncologico? Quali vantaggi potrebbero derivare per i pazienti?

  • La dieta vegana riduce il rischio tumorale?

    Uno studio finanziato dal World Cancer Research Fund ha ipotizzato che una dieta vegana possa ridurre il rischio di sviluppare il tumore alla prostata.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok