Nuovi studi su alimentazione e cancro della prostata

Nuovi studi su alimentazione e cancro della prostata

28 Maggio 2014

Ulteriori indizi sul legame tra alimentazione e tumori

 Nuovi studi su alimentazione e cancro della prostataAl congresso annuale della Società Americana di Urologia (American Urological Association) sono stati presentati numerosi studi che valutano l’importanza dell’alimentazione nella comparsa di cancro della prostata.

 

Uno di questi ha analizzato l’alimentazione di 156 uomini con carcinoma prostatico confermato da una biopsia: è emerso come un’alimentazione ricca di carboidrati complessi come pane e pasta, soprattutto se integrali e, al contrario, povera in proteine e grassi, sembrerebbe associata a una riduzione del rischio di cancro della prostata, come si verifica già per altri tipi di tumore.

 

Un altro studio ha indagato il collegamento tra calcio introdotto con l’alimentazione e cancro della prostata. E’ stata valutata una popolazione multietnica formata da 717 uomini con carcinoma localizzato e 1.140 con carcinoma in fase avanzata. I ricercatori hanno analizzato separatamente il consumo di latte, yogurt, gelati e formaggio: dai dati è emerso che il consumo di latte sembrerebbe associato a un aumento del rischio di carcinoma della prostata in fase avanzata, ma non di carcinoma localizzato, mentre non sembrano esserci correlazioni tra cancro della prostata e consumo di yogurt, gelato e formaggi. 

 

Ovviamente sono dati molto preliminari che necessitano di ulteriori conferme che tengano conto, tra l’altro, del fatto che la popolazione afro-americana assorbe maggiormente il calcio rispetto al resto della popolazione.

 
 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok