Prostata

Glossario

Anatomia della prostata

La prostata è un organo fibromuscolare e ghiandolare delle dimensioni di una noce e del peso di circa 30 grammi, parte del sistema riproduttivo maschile. È collocata tra il pene e la vescica, proprio di fronte al retto. L’uretra passa al centro della prostata e collega la vescica al pene, per permettere la fuoriuscita dell’urina.

 

All’interno della capsula prostatica si trovano:

 

 

  • - la zona di transizione che circonda l’uretra;
  • - la zona centrale che circonda la zona di transizione e contiene il dotto eiaculatorio;
  • - la zona periferica che comprende la maggior parte della massa prostatica (circa il 70%) ed è la parte più esterna;
  • - una porzione anteriore;
  • - una porzione sfinterica preprostatica.

 

 

La prostata ha la funzione di fluidificare e proteggere lo sperma: produce, infatti, i componenti fondamentali per la sopravvivenza, la qualità e la motilità degli spermatozoi. Tra questi componenti ricordiamo soprattutto l’enzima noto come antigene prostatico specifico (PSA), che contribuisce a rendere lo sperma più liquido.

 

Durante l’eiaculazione, la prostata si contrae e rilascia i suoi fluidi all’interno dell’uretra, dove si mescolano si mescola nell’uretra al liquido prodotto dalle vescicole seminali, alle cellule spermatiche dei testicoli e alle secrezioni della ghiandola bulbouretrale, dando vita allo sperma.

 

Non da ultimo, la prostata contribuisce al mantenimento dell’erezione, perché aumenta la pressione di sangue verso il pene, e controlla il flusso di urina, impedendo alla vescica di svuotarsi finché non arriva lo stimolo a urinare, ed evitando che l’urina si mescoli allo sperma in fase eiaculatoria.

 

Nella prostata, inoltre, l’ormone maschile testosterone viene trasformato in una forma biologicamente attiva, il diidrotestosterone (DHT).

 

La prostata tende ad aumentare di dimensioni con l’avanzare dell’età. Inoltre, sia per la sua collocazione che per le funzioni che svolge, può essere soggetta a disturbi e patologie, tra cui ricordiamo:

 

 

  • - prostatite, un’infiammazione che spesso dipende da un’infezione;
  • - ipertrofia prostatica benigna (IPB) , un ingrossamento della ghiandola prostatica che determina fastidiosi disturbi della minzione ed incontinenza urinaria; l’IPB di solito si sviluppa nella zona di transizione della prostata, dove passa l’uretra;
  • - tumore alla prostata , una delle neoplasie più diffuse tra la popolazione maschile, che, nella maggior parte dei casi, è trattabile e assume le caratteristiche di una patologia cronica; si sviluppa di solito a partire dalla zona periferica della prostata.

 

 

Periodicamente tutti gli uomini oltre i 50 anni di età – ma anche prima, se manifestano sintomi o hanno familiarità con patologie prostatiche – dovrebbero tenere sotto controllo la prostata. Per farlo ci si rivolge normalmente all’urologo, che può suggerire diversi tipi di esami. In assenza di sintomi importanti o di sospetti clinici, questi esami andrebbero ripetuti con ricorrenza annuale.

 

Tra i più comuni c’è l’ esplorazione digito-rettale (DRE) , un esame obiettivo che consente al medico di valutare le dimensioni, la forma e la consistenza della prostata. Viene consigliato anche il dosaggio del PSA, che, come abbiamo visto, è una proteina prodotta esclusivamente dalle cellule prostatiche, e che può essere rilevata con un semplice prelievo di sangue.

 

Analizzato da solo, il valore di PSA ha poco significato, ma bisogna considerare il suo andamento nel tempo, ed esso può comunque rappresentare un campanello di allarme per possibili patologie riguardanti la prostata.

 

Altri esami che spesso vengono utilizzati sono l’ ecografia transrettale (TRUS) e la biopsia della prostata .

 

I sintomi prostatici che andrebbero sempre riferiti al medico riguardano prevalentemente il sistema urinario, ma anche la sfera sessuale, e possono essere:

 

 

  • - eccessiva frequenza della minzione o stimolo frequente ad urinare;
  • - incapacità di trattenere l’urina;
  • - modifiche nel flusso e nel getto di urina;
  • - dolore e senso di bruciore durante la minzione;
  • - necessità di alzarsi più volte di notte per urinare;
  • - calo o perdita della libido;
  • - pulsazioni e pressione a livello genitale e/o rettale;
  • - dolore durante l’eiaculazione;
  • - presenza di sangue nello sperma.

 

 

Nel caso della prostatite, questi sintomi possono essere aggravati dalla comparsa di febbre e brividi, dovuti ad una infezione.

 

Ricordiamo che i sintomi a carico della prostata spesso sono curabili e benigni, in ogni caso bisogna tenerli sotto controllo e parlarne apertamente con il proprio medico.

 

 

Hoffman M, Picture of the Prostate, WebMD, 2017

Know your prostate, National Health Service, 2016

Che cos’è la prostata, Prevenzione Prostata, SIU, 2015

The prostate gland, Macmillan Cancer Support, 2017

How does the prostate work?, PubMed Health. 2016: PMH0072475

Understanding Prostate Changes, National Cancer Institute, 2016

Henderson W, 9 Functions the Prostate Gland Performs, Prostate Cancer News Today, 2017

 

Potrebbe interessarti anche...

 
 
Print