Risvolti psicologici

Convivere con la malattia

Risvolti psicologici

Il carcinoma prostatico implica inevitabilmente anche un coinvolgimento psicologico. Depressione, ansia, stress, fatica, panico e altri fattori psicologici sono tutti sintomi e sensazioni che riguardano un uomo con il cancro alla prostata. Questa situazione psicologica si riflette nelle relazioni interpersonali, spesso per sentimenti di vergogna e inadeguatezza o per mancanza di autostima e di fiducia nella propria persona.

Gli aspetti relazionali e psicologici sembrano assumere un’importanza maggiore degli effetti fisici sul paziente: emozioni spesso contrastanti tra loro si alternano nel malato, determinando perdita di fiducia in sé stessi, rifiuto della propria condizione, frustrazione, convinzione della propria diversità, rendendo sempre più difficili i rapporti con gli altri.

Le terapie talvolta aggravano ancora di più questa situazione di instabilità ed incertezza, causando preoccupazioni ed ansie spesso irrazionali, che possono sfociare, nei casi più gravi, in depressione.

Esistono diversi modi per gestire queste emozioni, ma il primo passo consiste nel riconoscerle e parlarne con una persona di fiducia che può essere un amico, un familiare, un medico, il proprio partner oppure uno psicologo specializzato in problematiche oncologiche.

Un suggerimento che si rivela risolutivo in molti casi consiste nel riprendere le proprie abitudini e dedicarsi alle proprie passioni, per rendere meno traumatico l’impatto del tumore nella propria vita.

Per chi desidera approfondire, abbiamo pubblicato un articolo sulle diverse emozioni e stati d’animo del paziente.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok