Tumore della prostata: più a rischio gli alti e gli obesi

Tumore della prostata: più a rischio gli alti e gli obesi

11 Gennaio 2018

Altezza e obesità sono associati ad un aumentato rischio di cancro alla prostata aggressivo: sono i risultati dallo studio di coorte EPIC, pubblicato sulla rivista BMC Medicine.

Attività fisica e tumore della prostata non metastatico

I ricercatori della Oxford University hanno osservato l'associazione tra altezza e adiposità con incidenza e morte per cancro alla prostata a partire dai dati dello studio di coorte European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC). Si tratta di una coorte europea di 141.896 uomini, raccolti in otto paesi: Danimarca, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Svezia, Regno Unito, Germania e Grecia. Dopo una media di 13,9 anni di follow-up, nella coorte osservata si sono verificati: 7.024 carcinomi della prostata, 726 tumori della prostata di elevato grado, 1.388 stadio avanzato e 934 decessi per cancro alla prostata.

 

I risultati di questo ampio studio prospettico sembrano mostrare che gli uomini più alti e con una maggiore adiposità, misurata attraverso l’Indice di Massa Corporea (IMC) e la circonferenza della vita, hanno un rischio più elevato di ammalarsi di cancro alla prostata di alto grado e di morte dovuta al cancro alla prostata.

 

In articolare, il gruppo di ricerca ha rilevato che mentre l'altezza non è associata al rischio complessivo di cancro alla prostata, il rischio di malattia di alto grado e di morte per cancro alla prostata è più elevato rispettivamente del 21% e del 17% per ogni ulteriori dieci centimetri di altezza. La ricerca ha, inoltre, riscontrato che un IMC più alto è associato a un aumento del rischio di tumori di alto grado, nonché a un aumento del rischio di morte per cancro alla prostata. Anche la circonferenza della vita, vista come una misura più accurata dell'obesità rispetto all'IMC soprattutto negli anziani, è associata ad rischio di morte per cancro alla prostata del 18% più alto e a un rischio maggiore del 13% di cancro di alto grado ogni dieci centimetri di aumento della circonferenza della vita.

 

Altezza e peso come fattori di richio correlati alle caratteristiche del tumore alla prostata

Seppure non manchino studi che abbiano indagato la relazione tra le dimensioni del corpo e il rischio di cancro alla prostata, restano molte questioni aperte sulla valutazione del rischio correlata alle caratteristiche del tumore. In particolare, la maggior parte delle ricerche precedenti non ha raggruppato i tumori in sottotipi in base a quanto il tumore si fosse diffuso (lo stadio) e in che modo le cellule tumorali fossero anormali rispetto alle cellule normali (grado), limitandosi a valutare il rischio di categorie combinate di malattia aggressiva. Invece, in questo caso, stadio e grado erano raggruppati in categorie combinate di tumori aggressivi o non aggressivi.

 

“I nostri dati illustrano la complessa associazione di adiposità e cancro alla prostata, che varia in base all'aggressività della malattia: questi risultati sottolineano l'importanza di studiare i rischi per il cancro alla prostata separatamente per stadio e grado di tumore”, ha dichiarato sulle pagine del Guardian la dottoressa Perez-Cornago, della Oxford University e autrice principale della ricerca.

È necessario capire ancora meglio perché esistono differenze di rischio per impostare adeguate strategie di prevenzione.

 

Più a rischio gli alti e gli obesi: i dati della ricerca

Dall’analisi dei risultati è emerso che l'aumento di altezza non è associato al rischio complessivo di contrarre il cancro alla prostata, ma solo con le forme aggressive della malattia. Le analisi dei sottogruppi hanno mostrato una certa eterogeneità nell'associazione tra l’altezza e il grado tumorale, evidenziando un'associazione positiva dell’altezza con un rischio di malattia di grado elevato, ma non di grado medio-basso. Una maggiore altezza è risultata associata anche a un rischio più elevato di morte per cancro alla prostata (HR = 1,43, 1,14-1,80).
Il rischio di cancro alla prostata totale è risultato correlato all'indice di massa corporea e alla circonferenza della vita , considerato un migliore strumento per valutare l'obesità dal momento che le persone muscolose possono avere un IMC elevato. Nel dettaglio,l’IMC è risultato inversamente associato in modo significativo al carcinoma della prostata, ma anche in questo caso è emersa eterogeneità per grado tumorale (eterogeneità P = 0,01; HR = 0,89, 0,79-0,99 per grado medio-basso e HR = 1,32, 1,01-1,72 per il tumore della prostata di alto grado) e stadio (P eterogeneità = 0,01; HR = 0,86, 0,75-0,99 per lo stadio localizzato e HR = 1,11, 0,92-1,33 per lo stadio avanzato). L'IMC è risultato associato positivamente ad una più alta mortalità per cancro alla prostata(HR = 1,35, 1,09-1,68). I risultati relativi alla circonferenza della vita sono stati generalmente simili a quelli dell’IMC, con associazioni leggermente più forti per il cancro alla prostata di grado elevato (HR = 1.43, 1.07-1.92) e fatale (HR = 1.55, 1.23-1.96). Nel dettaglio, ad ogni 10 cm in più sul punto vita è associata a una probabilità maggiore del 13% di avere un cancro alla prostata di alto grado e un rischio maggiore del 18% di morire per malattia.

 

Fonte:

Perez-Cornago A, Appleby PN, Pischon T, et al. Tall height and obesity are associated with an increased risk of aggressive prostate cancer: results from the EPIC cohort study. BMC Medicine (2017) 15:115 DOI 10.1186/s12916-017-0876-7


Haroon Siddique. Tall men at bigger risk of aggressive prostate cancer, study suggests
https://www.theguardian.com/society/2017/jul/13/tall-men-at-bigger-risk-of-aggressive-prostate-cancer-study-suggests. The Guardian, 13.10.2017

 
 

Potrebbe interessarti anche...

  • Consumo di latticini, cibi ricchi di calcio e prostata

    Il consumo eccessivo di latte, formaggi, yogurt e altri alimenti ricchi di calcio potrebbe influenzare l’incidenza e la mortalità per tumore alla prostata, ma non esistono ancora evidenze scientifiche universalmente riconosciute.

  • I benefici del consumo di pomodori

    Una revisione dei precedenti studi sul tema sembra confermare l’esistenza di una relazione tra consumo di pomodori e riduzione del rischio di tumore alla prostata, grazie alla presenza di una sostanza nota come licopene.

  • Il medico di Medicina Generale nella gestione del tumore alla prostata

    Come si inserisce il medico di Medicina generale nella gestione del paziente oncologico? Il suo ruolo è molto più complesso rispetto alla semplice prescrizione di farmaci ed esami e la vera sfida sarà quella di integrarlo nella Prostate Cancer Unit.