Le domande da porre al medico quando finisce un trattamento

Le domande da porre al medico quando finisce un trattamento

28 Maggio 2018

Terminati i trattamenti, quando il tumore è in remissione o viene gestito come una malattia ormai cronica, il paziente deve rivolgere le domande giuste al medico, per prendere consapevolezza della nuova situazione e affrontare al meglio il futuro.

Un medico e il suo paziente alla fine del trattamento

Si definiscono “ sopravvissuti” i pazienti con una storia pregressa di tumore e che, al termine dei trattamenti, non presentino più i segni della malattia, oppure continuino le terapie sul lungo periodo per tenere sotto controllo il cancro, che viene considerato a tutti gli effetti una patologia cronica.

 

I pazienti sopravvissuti ad un tumore devono seguire un percorso di follow-up. Al termine dei trattamenti dovranno continuare a farsi visitare dal medico ad intervalli regolari e sottoporsi ad esami di routine che, nel caso del tumore alla prostata, sono solitamente esami del sangue e test del PSA.

 

Il ritorno alla normalità quando il tumore è in remissione è un momento molto delicato nella vita del paziente, che deve recuperare le proprie abitudini e riorganizzare le proprie priorità, ora che la malattia non è più la sua preoccupazione principale. La vita dopo il cancro è diversa, anche se ognuno reagisce e approccia questa ritrovata normalità in modo differente.

 

Ecco allora che le visite con il medico diventano occasioni importanti per parlare sia dei problemi fisici che delle proprie emozioni, paure e aspettative. È consigliabile presentarsi agli appuntamenti con una lista di domande da porre al dottore, annotando, nei giorni precedenti, qualsiasi sintomo e qualsiasi perplessità.

 

Suggeriamo di seguito alcune possibili domande. Questa lista può rappresentare un punto di partenza per ulteriori chiarimenti.

 

SENTIRSI MEGLIO

 

  • - Quanto tempo passerà prima che io possa ricominciare a sentirmi meglio?
  • - Cosa mi suggerisce di fare per mantenermi in salute?
  • - Quali sono i possibili problemi di salute a lungo termine che potrebbero comparire come risultato dei trattamenti antitumorali a cui mi sono sottoposto?
  • - Può consigliarmi uno psicoterapeuta a cui rivolgermi?
  • - Può suggerirmi un gruppo di supporto o un’ associazione pazienti a cui rivolgermi?
  • - Devo seguire un regime alimentare particolare?
  • - Cosa posso fare per mantenermi in salute e prevenire ulteriori problemi di salute in futuro?
  • - Posso fare sport?
  • - C’è qualche attività fisica che dovrei evitare?

 

PERCORSO DI FOLLOW-UP CLINICO

 

  • - A quale specialista devo rivolgermi per i controlli di follow-up
  • - Questo specialista ha esperienza per quanto riguarda i sopravvissuti al mio stesso tipo di tumore?
  • - A quali esami devo sottopormi e con che frequenza?
  • - Quanto frequenti saranno le visite di controllo?
  • - Devo fare gli esami prima o dopo le visite?
  • - Mi verrà prescritto ancora il dosaggio del PSA? Quali valori o fluttuazioni dovranno farmi preoccupare?
  • - È ancora necessaria in questa fase l’esplorazione rettale della prostata?
  • - In base ai trattamenti a cui mi sono sottoposto, ci sono esami di screening a cui dovrei sottopormi?
  • - Per quanto tempo dovrò continuare a fare gli esami e le visite?
  • - Devo assumere qualche farmaco?

 

RICORRENZA TUMORALE

 

  • - Quante sono le probabilità che il tumore ricompaia?
  • - A quali sintomi e segnali devo prestare attenzione?
  • - Cosa devo fare se compaiono questi sintomi?
  • - A quali specialisti mi consiglia di rivolgermi?
  • - Posso fare qualcosa per ridurre il rischio che il cancro ritorni?
  • - È possibile che sviluppi un tumore di tipo diverso rispetto a quello iniziale?
  • - I miei familiari devono sottoporsi ad esami particolari? Se sì, con quale frequenza?

 

Un altro strumento che si rivela molto utile per i pazienti ed è utilizzato di frequente è il sommario della propria storia clinica, un documento che riassume le informazioni principali sulla malattia per il paziente, in particolare:

 

  • - nome degli specialisti che lo hanno curato;
  • - struttura ospedaliera e relativi contatti;
  • - diagnosi (inclusi stadiazione e punteggio di Gleason);
  • - tipi di interventi chirurgici e loro date;
  • - tipi di trattamenti farmacologici, radioterapici o chemioterapici e loro durata;
  • - eventuali trattamenti ancora in corso;
  • - effetti collaterali sperimentati o che possono verificarsi a distanza di tempo;
  • - frequenza delle visite e degli esami di controllo;
  • - elenco dei sintomi da segnalare al medico, registrando, ove possibile, la loro intensità e frequenza.

 

Fonte:

Follow-Up Care, Cancer.com, 2018

 

ASCO Cancer Treatment and Survivorship Care Plans, Cancer.net, 2018

 

Your Survivorship Care Plan, LiveStrong, 2018

 
 

Potrebbe interessarti anche...

  • Biopsia della prostata: domande e risposte

    La biopsia è un esame necessario per diagnosticare il tumore alla prostata. Rispondiamo alle domande più frequenti dei pazienti, per spiegare in cosa consiste e come si svolge.

  • Il medico di Medicina Generale nella gestione del tumore alla prostata

    Come si inserisce il medico di Medicina generale nella gestione del paziente oncologico? Il suo ruolo è molto più complesso rispetto alla semplice prescrizione di farmaci ed esami e la vera sfida sarà quella di integrarlo nella Prostate Cancer Unit.

  • Le domande da porre al medico: la fatigue

    La fatigue è una condizione diffusa tra i malati oncologici, ma le cause e i sintomi possono variare notevolmente da caso a caso. Suggeriamo ora alcune domande da porre al medico per affrontarla.