La terapia di supporto in Oncologia

La terapia di supporto in Oncologia

30 Giugno 2017

Esistono una serie di terapie adiuvanti che sostengono il paziente e i suoi familiari nel difficile percorso della malattia. Questi interventi, gestiti da specialisti, sono parte integrante della cura in Oncologia.

La terapia di supporto in OncologiaLa terapia di supporto, nota anche come terapia adiuvante o terapia palliativa, mira ad alleviare i sintomi causati da patologie gravi, quali per esempio il cancro. Si può somministrare in qualsiasi fase del percorso di cura e coinvolge diversi aspetti: la cura della persona, il supporto psicologico, il sostegno sociale, la sfera ambientale e l’alimentazione del paziente, insomma qualsiasi intervento che possa ridurre il dolore e migliorare la qualità di vita del malato, rendendo le terapie più sopportabili.

Erroneamente si è portati a pensare che si tratti di interventi destinati alle fasi terminali della malattia, ma oggi la loro applicazione è quanto mai diffusa, a cominciare dal momento della prima diagnosi.

La terapia di supporto in oncologia non si sostituisce alle terapie tradizionali e ai farmaci, ma interviene per aiutare il paziente ad affrontare il dolore e gli effetti collaterali della malattia o dei trattamenti, tra cui i più frequenti sono la nausea, la fatigue , i disturbi della minzione e la disfunzione erettile. Questo tipo di interventi adiuvanti sostengono i pazienti, ma anche i loro familiari, in qualsiasi stadio della malattia, ed in particolare nei momenti più critici, ovvero dopo la diagnosi iniziale, in caso di aggravamento dei sintomi, nell’eventualità di una recidiva e, purtroppo, in fase terminale.

La terapia di supporto può essere somministrata in ospedale, a domicilio o in hospice, ovvero in quelle strutture di accoglienza e ricovero che si occupano delle persone gravemente malate quando non possono essere attuate le cure domiciliari. Può essere prescritta su indicazione del Medico di Medicina generale o dello specialista, in regime di continuità assistenziale o rivolgendosi a organizzazioni volontarie. Ad erogarla può essere l’oncologo in prima persona, oppure altri operatori sanitari, inclusi gli psicologi specializzati nel trattamento delle patologie oncologiche.

La terapia di supporto si propone di soddisfare diversi ambiti:

  • - bisogni fisici, in particolare con l’obiettivo mitigare il dolore e ridurre l’impatto e la frequenza degli effetti collaterali;
  • - bisogni emotivi, per riconquistare equilibrio psicologico e acquistare fiducia nelle proprie capacità;
  • - bisogni spirituali;
  • - bisogni sociali.

L’efficacia e i benefici delle cure palliative sono stati dimostrati da numerosi studi: ricevere terapie di supporto gioverebbe al paziente, riducendo la durata dei ricoveri e l’intensità degli effetti collaterali, ma anche ai familiari, che hanno riferito un maggiore livello di soddisfazione e di serenità nell’affiancare il malato nel suo percorso di malattia e di cura.

 

Il tumore alla prostata può causare sintomi molto diversi tra loro, in particolare incontinenza urinaria e disturbi della minzione, dolori alla schiena e alle ossa, difficoltà di erezione, sofferenza durante l’eiaculazione e presenza di sangue nelle urine e nello sperma. Tuttavia, soprattutto quando la malattia è in fase iniziale, può presentarsi anche in maniera asintomatica.

La terapia palliativa nel tumore prostatico interviene per attenuare questi sintomi e i disturbi che alterano la qualità di vita del paziente, ma è anche molto utile per aiutare il paziente a conoscere la patologia e a compiere scelte informate, che tengano presenti i suoi bisogni e obiettivi individuali.

Gli specialisti in questa disciplina, inoltre, incoraggiano una comunicazione ottimale tra i pazienti, i familiari, i caregiver e gli operatori sanitari, promuovendo l’ascolto e l’espressione dei bisogni, soprattutto quelli irrisolti.

Fonte:

Schrijvers D, Cherny NI, ESMO Clinical Practice Guidelines on palliative care: advanced care planning, Ann Oncol 2014; 25(3): iii138-iii142. doi: https://doi.org/10.1093/annonc/mdu241


Ricciuti A, La terapia sistemica di supporto di medicina generale durante la chemioterapia, ATTIVE, 2009


Ripamonti CI, Santini D, Maranzano E, Berti M, Roila F, Management of cancer pain: ESMO Clinical Practice Guidelines,Ann Oncol 2012; 23(7): vii139-vii154. doi: https://doi.org/10.1093/annonc/mds233


Improving Quality of Life Through Palliative Care, American Cancer Society, Cancer Action Network, Aprile 2016


Palliative or Supportive Care, American Cancer Society, 2017


Prostate Cancer and Palliative Care, Get Palliative Care, 2017


Terapia di supporto spiegata, intervista alla Dottoressa Sangeeta Agarawal, MyDay, 14 Giugno 2016

 
 

Potrebbe interessarti anche...

  • Atteggiamento mentale e tumore

    Mantenere un atteggiamento positivo nei confronti della vita può ridurre il rischio di tumore o influenzare gli esiti della malattia?

  • Gestire lo stress del malato oncologico

    Convivere con un tumore è fonte di profondo stress per il paziente: ecco alcuni consigli per migliorare la propria qualità di vita.

  • Le domande da porre al medico: la fatigue

    La fatigue è una condizione diffusa tra i malati oncologici, ma le cause e i sintomi possono variare notevolmente da caso a caso. Suggeriamo ora alcune domande da porre al medico per affrontarla.

  • Le domande da porre al medico: sessualità

    Le terapie per il tumore alla prostata possono avere conseguenze negative sulla vita sessuale del paziente. Ecco alcune domande per capire da sottoporre al proprio medico.

  • Sessualità, tumore ed effetti collaterali delle terapie

    Le terapie per contrastare il tumore alla prostata possono determinare effetti collaterali che hanno un impatto negativo sulla sessualità del paziente. Ma davvero il sesso deve passare in secondo piano?

  • Sorveglianza attiva e qualità di vita del malato

    Sorveglianza attiva e vigile attesa: facciamo chiarezza sulle possibili alternative ai trattamenti per il tumore alla prostata.

  • Tumore alla prostata avanzato: consigli pratici

    Come convivere con una diagnosi di tumore alla prostata metastatico: consigli e informazioni per affrontare la malattia e godersi il più possibile la vita.

  • Tumore e rapporti affettivi: una guida per amici e familiari

    Il tumore influenza i rapporti affettivi. Ecco una guida pratica per aiutare i familiari e gli amici ad affrontare la malattia.

  • CALM per ridurre lo stress nei pazienti oncologici

    Presentati in occasione del congresso annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) 2017 i dati dello studio CALM (Managing Cancer and Living Carefully) mostrano l’efficacia di un intervento psicologico nel ridurre lo stress in pazienti oncologici in fase avanzata.

  • L’attività fisica riduce il rischio di cancro

    Praticare attività fisica nel tempo libero si associa a minori rischi di sviluppare un tumore. Ma non solo l’esercizio fisico è fondamentale prima durante e dopo una diagnosi di cancro. Alcuni consigli consigli pratici su come cominciare e come regolarsi.

  • L’importanza del dialogo tra medico e paziente in oncologia

    Empatia, onestà e connessione umana sono secondo l’ASCO gli ingredienti per creare una relazione di fiducia indispensabile, anche per migliori esiti di cura, tra il medico, il paziente e la sua famiglia.

  • Prevenzione: tutti insieme contro l’obesità!

    Le raccomandazioni dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) sostengono la collaborazione multidisciplinare per concentrarsi sulla prevenzione e il trattamento dell'obesità, come fattore di rischio prevenibile per il cancro e non solo.

  • Remissione: il ritorno a una vita normale

    Quando il tumore è in remissione e si sospendono le terapie, il paziente deve riadattarsi alla vita normale e alla sua routine. Non è sempre facile come potrebbe sembrare.

  • Prostate Cancer Unit: il futuro della cura

    Alcuni ospedali si stanno dotando delle cosiddette Prostate Cancer Units: specialisti di diverse discipline collaborano per curare i pazienti con tumore alla prostata a 360 gradi.

  • Il medico di Medicina Generale nella gestione del tumore alla prostata

    Come si inserisce il medico di Medicina generale nella gestione del paziente oncologico? Il suo ruolo è molto più complesso rispetto alla semplice prescrizione di farmaci ed esami e la vera sfida sarà quella di integrarlo nella Prostate Cancer Unit.

  • I tumori in Italia: sopravvivenza, aspettativa e qualità di vita

    Migliore sopravvivenza, maggiore aspettativa e migliore qualità di vita dopo la diagnosi: le sfide vinte e quelle a venire dell’oncologia italiana, sulla base dei dati del “Rapporto AIRTUM 2016 sulla sopravvivenza dei pazienti oncologici in Italia”.

  • L’equipe al servizio del paziente

    Il tumore alla prostata richiede un approccio multidisciplinare, mantenendo al centro l’interesse e la specificità del paziente. Approfondiamo il ruolo e le competenze delle varie figure cliniche coinvolte nella cura.

  • La condizione del caregiver

    Chi assiste il malato oncologico spesso è un familiare o un amico, impreparato dal punto di vista medico e preoccupato di sbagliare. Ecco come affrontare questo importante ruolo e come evitare lo stress e la depressione.

  • Le emozioni del paziente: dopo la diagnosi

    Esploriamo le diverse emozioni che una diagnosi di tumore alla prostata può scatenare nel paziente. Partiamo da una certezza: parlarne con gli altri è la strategia migliore per superare le emozioni negative.

  • Biopsia della prostata: domande e risposte

    La biopsia è un esame necessario per diagnosticare il tumore alla prostata. Rispondiamo alle domande più frequenti dei pazienti, per spiegare in cosa consiste e come si svolge.

  • Incontinenza urinaria e disturbi della minzione

    Cosa sono i disturbi della minzione e quali i sintomi che li caratterizzano? Proviamo a guardarli da vicino.

  • Tumore alla prostata: gradi e severità

    Esistono vari tipi di tumore alla prostata e la loro classificazione è il frutto di diversi esami e valutazioni cliniche. Una panoramica su stadiazione e grading.

  • Risonanza magnetica per lo screening del cancro della prostata

    L’uso della risonanza magnetica potrebbe cambiare i protocolli di screening per il cancro della prostata. Vediamo i dati presentati a Londra in occasione della 32 conferenza della European Association of Urology (EAU).

  • Differenze tra prostatite e tumore alla prostata

    La prostatite è un’infiammazione che provoca sintomi simili a quelli del tumore alla prostata: alcuni consigli per riconoscere i sintomi e alleviare il dolore.

  • Le domande da porre al medico: malattia e stile di vita

    Dopo una diagnosi di tumore alla prostata, è importante instaurare un dialogo costruttivo con il proprio medico curante. Ecco alcune domande da porre.

  • Le domande da porre al medico: terapia

    Vi proponiamo una lista di domande da porre al medico curante per chiarire ogni dubbio sulle terapie a disposizione dei pazienti con tumore alla prostata.

  • L’attività fisica durante e dopo il cancro

    L’esercizio fisico regolare è consigliato in tutte le fasi del percorso di cura del paziente oncologico, anche durante le terapie, la riabilitazione e nel caso di recidive. Quali sono allora i benefici misurabili che produce?

  • Ritorno al lavoro e diritti del malato

    Scopriamo i diritti del paziente oncologico sul luogo di lavoro, ricordando che mantenersi impegnati e dedicarsi alle proprie attività aiuta a migliorare l’umore e affrontare positivamente il percorso di cura.

  • Consigli per un’alimentazione ricca di fibre

    Le fibre sono nutrienti essenziali nella dieta e assumono un ruolo chiave nell’alimentazione dei malati oncologici. Vi proponiamo alcuni consigli per aumentarne l’assunzione giornaliera.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Ok