La dieta per la salute della prostata

La dieta per la salute della prostata

13 Agosto 2019

Cosa mangiare per ridurre il rischio di sviluppare il cancro alla prostata? Esiste una dieta da seguire durante la terapia? In generale, come per l’attività fisica, mirare a un modello alimentare sano è un investimento per la propria salute generale ed è più semplice di quanto si possa pensare.

La dieta per la salute della prostata

Cosa posso mangiare per ridurre il rischio di sviluppare il cancro alla prostata? Questa è una delle domande che più frequentemente i medici si sentono porre dagli uomini preoccupati per la salute della loro prostata. Ad essere onesti non esiste una risposta chiara ed univoca a questa domanda: sebbene alcuni alimenti siano stati associati a un ridotto rischio di cancro alla prostata, le prove che funzionino davvero sono per ora carenti. In generale come per l’attività fisica, mirare a un modello alimentare sano è un investimento per la propria salute generale ed è più semplice di quanto si possa pensare.

 

Salute della prostata: gli alimenti che aiutano

 

Abbiamo visto come in generale aumentare il consumo di grassi sani, antiossidanti e alimenti anti-infiammatori possa aiutare a mantenersi in salute, con un’attenzione anche alla salute della prostata. Per proteggere questa ghiandola è utile seguire una dieta sana, la stessa dieta indicata per la salute cardiaca; se dovessimo darle un nome, quello più adatto sarebbe dieta mediterranea.

 

Scegliere di seguire una dieta mediterranea è semplice e significa soprattutto includere nelle abitudini alimentari tanta frutta e verdura, grassi sani, proteine e cereali integrali.

 

Se proviamo ad entrare nello specifico degli alimenti per una prostata sana, possiamo dire che è bene aumentare in particolar modo il consumo di questi 5 alimenti:

 

Alcuni pesci (specialmente d'acqua fredda, come salmoni, sardine e trote) forniscono "grassi buoni" che aiutano a prevenire l'infiammazione nel corpo. Negli ultimi anni, gli scienziati hanno iniziato a considerare l'infiammazione della prostata come condizione pericolosa, che può rendere più vulnerabili al cancro. I grassi buoni che combattono e prevengono l’infiammazione sono i cosiddetti acidi grassi Omega 3, grassi essenziali che il nostro corpo non è in grado di produrre, e quindi abbiamo bisogno di ottenerli da fonti alimentari. Se non gradite il pesce, è possibile ricorrere all'acido alfa linolenico, la forma a base vegetale degli acidi grassi omega 3, contenuto in semi, noci, olio d'oliva, e altri olii di origine vegetale. Lo Health Professionals Follow-Up Study ha seguito 4.577 uomini con carcinoma prostatico localizzato, ovvero confinato all'interno della ghiandola prostatica, per un periodo di 24 anni, e ha scoperto che i partecipanti che hanno sostituito grassi animali con grassi vegetali hanno avuto un minor rischio di morire di cancro.

 

I frutti di bosco. Con il termine “danno ossidativo” gli scienziati si riferiscono al danno incrementale che si accumula nel corso di molti anni, causato da “radicali liberi dell'ossigeno”, che sono sottoprodotti tossici del metabolismo. Se incontrollati, i radicali liberi invadono il corpo provocando danni ossidativi e malattie. Gli antiossidanti sono i nostri difensori dai radicali liberi: aiutano a neutralizzare e rimuovere i radicali liberi dal corpo. Le bacche sono un'ottima fonte di potenti antiossidanti, noti come antociani, che sono contenuti in particolare in fragole, more, mirtilli e lamponi.

 

I pomodori cotti sono un’altra risorsa preziosa! Il licopene contenuto nelle pareti cellulari dei pomodori è, infatti, un potente antiossidante. Il pomodoro cotto in olio d'oliva è un must: il processo di cottura scioglie il legame, rendendo l’antiossidante più accessibile per il nostro corpo e utilizzabile dalla prostata. Via libera a salsa di pomodoro, succo e pomodori secchi che aiutano i nostri corpi a trarre il massimo beneficio dai pomodori.

 

I broccoli contengono sulforafano, una sostanza che si sospetta possa colpire e uccidere le cellule tumorali, lasciando intatte le cellule della prostata sane. Diversi studi suggeriscono che mangiare verdure crocifere possa ridurre il rischio di contrarre il cancro alla prostata. Oltre ai broccoli, ci sono altre verdure della stessa famiglia che hanno effetti benefici simili, tra cui cavolo, cavolo cinese, cavolo, cavolfiore e cavoletti di Bruxelles.

 

Il tè verde è un'altra grande fonte di antiossidanti, questa versatile foglia contiene più composti antiossidanti chiamati catechine, che si ritiene abbiano proprietà anti-cancerogene e anti-mutagene, ovvero impediscono alle cellule sane da mutare. Una revisione di più studi ha rilevato che gli uomini che bevevano cinque tazze di tè verde al giorno avevano un ridotto rischio di cancro alla prostata.

 

Essere vegetariani aiuta?

Secondo uno studio pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition, una dieta vegetariana riduce il rischio di cancro alla prostata. I ricercatori hanno messo a confronto diversi modelli dietetici e tassi di incidenza del cancro a partire dai 26.346 partecipanti allo Adventist Health Study-2. Dall’analisi è emerso che coloro che seguivano una dieta vegana avevano meno probabilità di essere obesi e presentavano un rischio di cancro alla prostata inferiore del 35% rispetto a quelli che seguono una dieta non vegetariana, lacto-ovo-vegetariana, pesco-vegetariana o semi-vegetariana. I ricercatori ipotizzano che abbiano contribuito a ridurre il rischio di cancro alcune caratteristiche della dieta vegetariana, come il maggiore apporto di fibre, soia e antiossidanti anti-infiammatori da frutta e verdura e un più basso apporto di grassi saturi, proteine animali e il fattore di crescita insulino-simile da prodotti lattiero-caseari.

 

Più che seguire una dieta strutturata, meglio mirare ad un modello alimentare sano. In poche parole, ecco cosa consigliano gli esperti:

  1. 1. Consumare almeno cinque porzioni di frutta e verdura ogni giorno. Scegliere frutta e verdura dai colori profondi e brillanti.
  2. 2. Meglio consumare prodotti a base di farine integrali. Scegliere il pane integrale invece del pane bianco e preferire pasta e cereali integrali.
  3. 3. Limitare il consumo di carne rossa e grassa, tra cui la carne di manzo, maiale, agnello e capra, e carni lavorate, come hamburger e hot dog. Il pesce, la carne di pollo, i fagioli e le uova sono fonti di proteine salutari.
  4. 4. Scegliere grassi salutari, come l’olio d'oliva, la frutta secca (mandorle, noci, noci pecan) e l’avocado.
  5. 5. Limitare i grassi saturi provenienti da prodotti lattiero-caseari ed altri prodotti di origine animale.
  6. 6. Secondo una meta-analisi dell'American Journal of Clinical Nutrition che analizzato i dati di 32 diversi studi, i latticini da latte intero, i latticini a basso contenuto di grassi, il formaggio e l'assunzione di calcio nella dieta sono stati associati in modo incrementale con un aumento del rischio di cancro alla prostata. Anche il Physicians Health Study, che ha monitorato 21.660 persone per 28 anni, ha riscontrato un aumento del rischio di cancro alla prostata per coloro che consumavano ≥ 2,5 porzioni di latticini al giorno, rispetto a quelli che consumavano ≤ 0,5 porzioni al giorno.
  7. 7. Evitare i grassi parzialmente idrogenati (grassi trans), che sono contenuti in molti alimenti confezionati e nei prodotti da fast food.
  8. 8. Evitare le bevande zuccherate, come bibite gassate e molti succhi di frutta. Fai in modo che i dolci siano un regalo occasionale.
  9. 9. Ridurre il consumo di sale. Scegli cibi a basso contenuto di sodio leggendo e confrontando le etichette degli alimenti. Limitare l'uso di cibi in scatola, trasformati e congelati.
  10. 10. Fare caso alle dimensioni. Mangia lentamente e smetti di mangiare quando sei sazio.

Fonte:

Richman EL, Kenfield SA, Chavarro JE, et al. Fat Intake After Diagnosis and Risk of Lethal Prostate Cancer and All-Cause Mortality, JAMA Intern Med. 2013; 173(14): 1318-1326. doi: 10.1001/jamainternmed.2013.6536. (ABSTRACT)

 

Tantamango-Bartley T, Knutsen SF, Knutsen R, et al. Are strict vegetarians protected against prostate cancer?, Am J Clin Nutr 2016; 103: 153-60. doi: 10.3945/ajcn.114.106450.

 

Lane JA, Oliver SE, Appleby PN, et al. Prostate cancer risk related to foods, food groups, macronutrients and micronutrients derived from the UK Dietary Cohort Consortium food diaries. Eur J Clin Nutr. 2017; 71(2): 274-283. doi: 10.1038/ejcn.2016.162.

 

Jeyaraman MM, Abou-Setta AM, Grant L, et al. Dairy product consumption and development of cancer: an overview of reviews. BMJ Open. 2019 Jan 25;9(1):e023625. doi: 10.1136/bmjopen-2018-023625.

 

Antioxidants and Cancer Prevention, National Cancer Institute, accesso del 02 Maggio 2019.

 

10 diet & exercise tips for prostate health , Harvard Health Publishing, accesso del 02 Maggio 2019.

 
 

Potrebbe interessarti anche...

  • I benefici del consumo di pomodori

    Una revisione dei precedenti studi sul tema sembra confermare l’esistenza di una relazione tra consumo di pomodori e riduzione del rischio di tumore alla prostata, grazie alla presenza di una sostanza nota come licopene.

  • Consigli per un’alimentazione ricca di fibre

    Le fibre sono nutrienti essenziali nella dieta e assumono un ruolo chiave nell’alimentazione dei malati oncologici. Vi proponiamo alcuni consigli per aumentarne l’assunzione giornaliera.

  • Consumo di latticini, cibi ricchi di calcio e prostata

    Il consumo eccessivo di latte, formaggi, yogurt e altri alimenti ricchi di calcio potrebbe influenzare l’incidenza e la mortalità per tumore alla prostata, ma non esistono ancora evidenze scientifiche universalmente riconosciute.