I benefici del consumo di pomodori

I benefici del consumo di pomodori

30 Maggio 2017

Una revisione dei precedenti studi sul tema sembra confermare l’esistenza di una relazione tra consumo di pomodori e riduzione del rischio di tumore alla prostata, grazie alla presenza di una sostanza nota come licopene.

Il medico di Medicina Generale nella gestione del tumore alla prostataIl licopene è un carotenoide, un pigmento rosso prodotto dalle piante, che tende a combinarsi o a dissolversi a contatto con i grassi. La sua principale funzione è quella di aiutare le piante a trasformare la luce in nutrienti.

Tra gli alimenti ricchi di licopene figurano soprattutto i pomodori, le albicocche, le carote, la papaya e i meloni.

Molti studi hanno cercato di dimostrare come un’alimentazione ricca di licopene possa proteggere l’organismo dallo sviluppo del tumore alla prostata, adducendo principalmente le seguenti motivazioni:

  • la divisione delle cellule tumorali risulterebbe rallentata, quando le cellule vengono trattate con licopene;
  • Il licopene ha proprietà antiossidanti, per cui protegge il DNA e le cellule da eventuali danni;
  • il licopene contribuirebbe ad abbassare i livelli di colesterolo, rallentando la crescita tumorale e danneggiando le cellule cancerogene;
  • allo stesso modo, il licopene riuscirebbe ad interferire con l’utilizzo dell’ormone maschile androgeno da parte delle cellule, ostacolando la proliferazione del tumore;
  • in alcuni casi il licopene potrebbe interagire con i farmaci antitumorali, aumentandone l’efficacia.

Secondo questi studi, dunque, il licopene avrebbe una funzione sia di prevenzione che di protezione oncologica. Tuttavia la comunità scientifica non ha ancora riconosciuto l’efficacia del licopene nel caso del tumore alla prostata, questo perché i risultati dei diversi studi sono discordanti se non addirittura conflittuali.

Il dipartimento di Nutrizione della Harvard School of Public Health ha aggiunto un ulteriore tassello a conferma di questa convinzione, pubblicando su Scientific Reports una revisione completa delle precedenti ricerche sull’argomento. I ricercatori hanno confrontato i risultati di 24 studi, per un totale di 15.099 casi osservati tra il 1989 e il 2016.

Dalla loro analisi è emerso come un consumo elevato di pomodori determini una riduzione del 14% del rischio di sviluppare un tumore alla prostata, che si abbassa addirittura del 24% se si prendono in considerazione solo gli studi clinici di tipo caso-controllo. Anche la provenienza geografica sembra influenzare il rischio di un tumore alla prostata: a beneficiare del consumo di pomodori risultano soprattutto le popolazioni asiatiche (rischio tumorale inferiore del 57%) e gli abitanti delle isole del Pacifico (rischio tumorale inferiore del 19%).

In attesa di conferme sulle proprietà antiossidanti e antitumorali del licopene contenuto nei pomodori, è comunque importante ricordare che una dieta bilanciata, ricca di frutta e verdura, ma povera di sale, grassi animali e carni rosse e lavorate, è un ottimo metodo per prevenire il tumore alla prostata, oltre ad altri disturbi come il diabete e i problemi cardiaci. Benefici ancora più evidenti sono stati osservati nei casi in cui la dieta è associata ad un regolare esercizio fisico.

Fonte:

Xu X, Li J, Wang X, Wang S, Meng S, Zhu Y, Liang Z, Zheng X, Xie L, Tomato consumption and prostate cancer risk: a systematic review and meta-analysis, Sci Rep. 2016; 6: 37091. doi: 10.1038/srep37091


Ilic D, Forbes KM, Hassed C, Lycopene for the prevention of prostate cancer (Review), Cochrane Database of Systematic Reviews 2011; 11: CD008007. doi: 10.1002/14651858.CD008007.pub2


Rich SR, Tomato Intake Reduces Prostate Cancer Risk, Review of Several Studies Says, Prostate Cancer News Today, 16 Dicembre 2016


Questions and Answers About Lycopene, NIH National Cancer Institute, 2017


Briggs H, Tomatoes 'important in prostate cancer prevention', BBC News, 27 Agosto 2014


Winnall W, What is the evidence for the benefit of tomatoes for prostate cancer?, Prostate Cancer Foundation of Australia, 17 Novembre 2015


 
 

Potrebbe interessarti anche...

  • L’equipe al servizio del paziente

    Il tumore alla prostata richiede un approccio multidisciplinare, mantenendo al centro l’interesse e la specificità del paziente. Approfondiamo il ruolo e le competenze delle varie figure cliniche coinvolte nella cura.

  • Gestire lo stress del malato oncologico

    Convivere con un tumore è fonte di profondo stress per il paziente: ecco alcuni consigli per migliorare la propria qualità di vita.

  • Consigli per un’alimentazione ricca di fibre

    Le fibre sono nutrienti essenziali nella dieta e assumono un ruolo chiave nell’alimentazione dei malati oncologici. Vi proponiamo alcuni consigli per aumentarne l’assunzione giornaliera.

  • Consumo di latticini, cibi ricchi di calcio e prostata

    Il consumo eccessivo di latte, formaggi, yogurt e altri alimenti ricchi di calcio potrebbe influenzare l’incidenza e la mortalità per tumore alla prostata, ma non esistono ancora evidenze scientifiche universalmente riconosciute.

  • Le emozioni del paziente: dopo la diagnosi

    Esploriamo le diverse emozioni che una diagnosi di tumore alla prostata può scatenare nel paziente. Partiamo da una certezza: parlarne con gli altri è la strategia migliore per superare le emozioni negative.

  • Le domande da porre al medico: malattia e stile di vita

    Dopo una diagnosi di tumore alla prostata, è importante instaurare un dialogo costruttivo con il proprio medico curante. Ecco alcune domande da porre.

  • Le domande da porre al medico: terapia

    Vi proponiamo una lista di domande da porre al medico curante per chiarire ogni dubbio sulle terapie a disposizione dei pazienti con tumore alla prostata.

  • Atteggiamento mentale e tumore

    Mantenere un atteggiamento positivo nei confronti della vita può ridurre il rischio di tumore o influenzare gli esiti della malattia?

  • Il medico di Medicina Generale nella gestione del tumore alla prostata

    Come si inserisce il medico di Medicina generale nella gestione del paziente oncologico? Il suo ruolo è molto più complesso rispetto alla semplice prescrizione di farmaci ed esami e la vera sfida sarà quella di integrarlo nella Prostate Cancer Unit.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok