Gestire lo stress del malato oncologico

Gestire lo stress del malato oncologico

19 Dicembre 2016

Convivere con un tumore è fonte di profondo stress per il paziente: ecco alcuni consigli per migliorare la propria qualità di vita.

Gestire lo stress del malato oncologicoLo stress può influenzare il sistema immunitario, e ciò è tanto più vero nei casi in cui la condizione di stress è prolungata per mesi o addirittura anni, come accade ai malati oncologici.
Alcune ricerche hanno persino indagato il rapporto esistente tra lo stress e la crescita e proliferazione delle cellule tumorali, per provare ad individuare un rapporto di causa-effetto. Non esistono, tuttavia, evidenze scientifiche che possano confermare questo legame.

 

La diagnosi tumorale sottopone i pazienti ad emozioni intense, come abbiamo già illustrato in un precedente approfondimento.
In molti casi, la scoperta di un tumore espone al disturbo da stress post-traumatico, che determina una spirale di sentimenti negativi e di disagio psicologico, aggravando ulteriormente lo stato di stress che vive il paziente.
Insieme allo stress possono insorgere problemi aggiuntivi, come ad esempio la depressione, la fatigue ed i disturbi del sonno, che compromettono la qualità di vita.

 

Risulta, quindi, fondamentale per i pazienti oncologici imparare a convivere con la malattia e sperimentare nuovi modi per ridurre lo stress.
Per iniziare, si possono provare esercizi di rilassamento che coinvolgano la visualizzazione e la respirazione: lo yoga, ad esempio, viene considerata una disciplina ideale, perché coinvolge la postura e la respirazione, insegna l’autocontrollo ed aiuta ad ascoltare il proprio corpo. Esistono diversi mezzi per evadere e distrarsi, che dipendono dalle inclinazioni individuali: per alcuni può essere un film, una canzone, una passeggiata, la lettura o anche semplicemente farsi una risata in compagnia.

 

In generale, l’attività fisica migliora l’umore, riduce lo stress, favorisce il sonno e il rilassamento, anche mentale. Lo sport da solo però non basta, ma deve sempre essere abbinato ad una corretta alimentazione: un nutrizionista può consigliare un piano alimentare valido, che bilanci calorie, fluidi, proteine e sostanze in grado di potenziare il carico energetico e apportare i giusti nutrienti.

 

Non solo il movimento, ma anche il riposo rinvigorisce il corpo e lo spirito. Prima che il livello di stress raggiunga il suo culmine, è importante fermarsi, rilassarsi, delegare ad altri le incombenze quotidiane.

 

Il malato dovrebbe sempre farsi guidare dal suo medico di fiducia e riferire i propri sintomi e le proprie difficoltà, per costruire insieme il percorso di cura ottimale.
Può capitare che da solo non riesca a superare la condizione di stress, ma non c’è nulla di cui vergognarsi. A questo proposito, esistono gruppi di sostegno e psicoterapeuti specializzati nelle problematiche oncologiche: per conoscerli, ci si può rivolgere al proprio oncologo o alle associazioni di pazienti.

Fonte: Cancer fatigue: Why it occurs and how to cope, Mayo Clinic 2014

Exercise for Stress and Anxiety, Anxiety and Depression Association of America 2014

Fighting Cancer Fatigue, National Comprehensive Cancer Network

Freeman L, Can Coping With Anxiety, Depression and Stress Increase Remission and Survival? What Every Cancer Patient Needs to Know, Integrative Oncology Essentials, 13 Novembre 2012

Lawenda BD, Stress and Cancer 101: Why Stress Reduction Is Essential, Integrative Oncology Essentials, 15 Aprile 2012

Lo stress provoca il cancro?, Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC) 2016

Stress relief from laughter? It's no joke, Mayo Clinic, 21 Aprile 2016

 
 

Potrebbe interessarti anche...

  • L’equipe al servizio del paziente

    Il tumore alla prostata richiede un approccio multidisciplinare, mantenendo al centro l’interesse e la specificità del paziente. Approfondiamo il ruolo e le competenze delle varie figure cliniche coinvolte nella cura.

  • Consigli per un’alimentazione ricca di fibre

    Le fibre sono nutrienti essenziali nella dieta e assumono un ruolo chiave nell’alimentazione dei malati oncologici. Vi proponiamo alcuni consigli per aumentarne l’assunzione giornaliera.

  • Consumo di latticini, cibi ricchi di calcio e prostata

    Il consumo eccessivo di latte, formaggi, yogurt e altri alimenti ricchi di calcio potrebbe influenzare l’incidenza e la mortalità per tumore alla prostata, ma non esistono ancora evidenze scientifiche universalmente riconosciute.

  • I benefici del consumo di pomodori

    Una revisione dei precedenti studi sul tema sembra confermare l’esistenza di una relazione tra consumo di pomodori e riduzione del rischio di tumore alla prostata, grazie alla presenza di una sostanza nota come licopene.

  • Sessualità, tumore ed effetti collaterali delle terapie

    Le terapie per contrastare il tumore alla prostata possono determinare effetti collaterali che hanno un impatto negativo sulla sessualità del paziente. Ma davvero il sesso deve passare in secondo piano?

  • Le domande da porre al medico: malattia e stile di vita

    Dopo una diagnosi di tumore alla prostata, è importante instaurare un dialogo costruttivo con il proprio medico curante. Ecco alcune domande da porre.

  • Le domande da porre al medico: terapia

    Vi proponiamo una lista di domande da porre al medico curante per chiarire ogni dubbio sulle terapie a disposizione dei pazienti con tumore alla prostata.

  • Le domande da porre al medico: sessualità

    Le terapie per il tumore alla prostata possono avere conseguenze negative sulla vita sessuale del paziente. Ecco alcune domande per capire da sottoporre al proprio medico.

  • Le domande da porre al medico: la fatigue

    La fatigue è una condizione diffusa tra i malati oncologici, ma le cause e i sintomi possono variare notevolmente da caso a caso. Suggeriamo ora alcune domande da porre al medico per affrontarla.

  • La terapia di supporto in Oncologia

    Esistono una serie di terapie adiuvanti che sostengono il paziente e i suoi familiari nel difficile percorso della malattia. Questi interventi, gestiti da specialisti, sono parte integrante della cura in Oncologia.

  • Le emozioni del paziente: dopo la diagnosi

    Esploriamo le diverse emozioni che una diagnosi di tumore alla prostata può scatenare nel paziente. Partiamo da una certezza: parlarne con gli altri è la strategia migliore per superare le emozioni negative.

  • Tumore e rapporti affettivi: una guida per amici e familiari

    Il tumore influenza i rapporti affettivi. Ecco una guida pratica per aiutare i familiari e gli amici ad affrontare la malattia.

  • Tumore alla prostata avanzato: consigli pratici

    Come convivere con una diagnosi di tumore alla prostata metastatico: consigli e informazioni per affrontare la malattia e godersi il più possibile la vita.

  • Atteggiamento mentale e tumore

    Mantenere un atteggiamento positivo nei confronti della vita può ridurre il rischio di tumore o influenzare gli esiti della malattia?

  • La condizione del caregiver

    Chi assiste il malato oncologico spesso è un familiare o un amico, impreparato dal punto di vista medico e preoccupato di sbagliare. Ecco come affrontare questo importante ruolo e come evitare lo stress e la depressione.

  • CALM per ridurre lo stress nei pazienti oncologici

    Presentati in occasione del congresso annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) 2017 i dati dello studio CALM (Managing Cancer and Living Carefully) mostrano l’efficacia di un intervento psicologico nel ridurre lo stress in pazienti oncologici in fase avanzata.

  • Il ciclismo e la prostata

    Andare in bicicletta può danneggiare la prostata? Esiste una correlazione tra ciclismo e tumore prostatico? Sulla base dei dati disponibili oggi, la risposta è no.

  • Sorveglianza attiva e qualità di vita del malato

    Sorveglianza attiva e vigile attesa: facciamo chiarezza sulle possibili alternative ai trattamenti per il tumore alla prostata.

  • Ritorno al lavoro e diritti del malato

    Scopriamo i diritti del paziente oncologico sul luogo di lavoro, ricordando che mantenersi impegnati e dedicarsi alle proprie attività aiuta a migliorare l’umore e affrontare positivamente il percorso di cura.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok