Differenze tra prostatite e tumore alla prostata

Differenze tra prostatite e tumore alla prostata

13 Novembre 2016

La prostatite è un’infiammazione che provoca sintomi simili a quelli del tumore alla prostata: alcuni consigli per riconoscere i sintomi e alleviare il dolore.

La prostatite e il tumore alla prostataLa prostatite è un’infiammazione della ghiandola prostatica, probabilmente causata da un’infezione, ed è una condizione molto dolorosa che colpisce, secondo le stime riportate dalla Prostate Cancer Foundation, il 50% degli uomini in tutto il mondo nell’arco della loro vita e circa il 25% degli uomini che si rivolgono a un medico per problemi urologici.
Le fasce di età più a rischio per questa infiammazione sono gli uomini giovani o di mezza età, con un picco tra i 30 e i 50 anni.

 

Il sintomo più comune di prostatite cronica è il dolore del perineo, l’area compresa tra lo scroto e l’ano. Altri sintomi sono per esempio:

 

  • eiaculazione dolorosa;
  • dolore o bruciore durante la minzione;
  • desiderio di svuotare spesso la vescica, anche quando è quasi vuota;
  • fuoriuscita incontrollabile di urina;
  • indolenzimento nella zona dei reni;
  • dolore all’inguine;
  • senso di fastidio intorno ai testicoli;
  • presenza di sangue nelle urine;
  • brividi;
  • febbre alta;
  • pressione nella zona del retto;
  • pulsazioni genitali o rettali;
  • problemi di natura sessuale;
  • calo del desiderio sessuale.

 

Tuttavia, i sintomi variano molto da uomo a uomo, così come la loro intensità.
Alcune forme di prostatite possono essere diagnosticate con una semplice esplorazione rettale o con un test delle urine.

 

È possibile classificare quattro diversi tipi di prostatite:

 

  • Sindrome del dolore pelvico cronico (CPPS), il tipo più comune di prostatite, che perdura nel tempo e generalmente si manifesta con dolore nella zona pelvica. La sua origine è ancora sconosciuta, ma si pensa che sia di origine nervosa, legata allo stress e all’ansia, per questo motivo è difficile da diagnosticare.
  • Prostatite batterica acuta, causata da un’infezione batterica della ghiandola prostatica, è abbastanza rara. Ha un’evoluzione molto rapida e, trattandosi di un’infezione, può essere associata a febbre alta ed elevata sudorazione. Può essere una conseguenza di un’infezione delle vie urinarie, di una biopsia prostatica o dell’utilizzo del catetere.
  • Prostatite batterica cronica, come per la prostatite batterica acuta, si tratta di un’infezione della prostata, ma in questo caso dura più di tre mesi. È una forma rara che colpisce persone che in passato hanno avuto infezioni delle urine o dell’uretra.
  • Prostatite asintomatica, viene diagnosticata per caso se il paziente viene sottoposto a screening per altre patologie (ad esempio si sottopone a test per la fertilità o per il tumore alla prostata) e non è associata ad alcun sintomo o disturbo.

 

La prostatite non sempre è curabile, ma esistono trattamenti e rimedi per alleviare il dolore.
Non esistono terapie miracolose, soprattutto nel caso della CPPS, ma con il tempo il paziente deve imparare a riconoscere i sintomi e a controllarli.

 

Alcuni rimedi per alleviare i sintomi

 

Nei casi in cui la prostatite non è di origine batterica, esistono alcuni rimedi alternativi all’assunzione di farmaci, che possono alleviare la sofferenza e aiutare il paziente a controllare il fastidio. Ecco alcuni esempi:

 

  • fare il bagno in acqua molto calda;
  • evitare bevande alcoliche, frizzanti e contenenti teina o caffeina;
  • bere molta acqua (almeno 6-8 bicchieri al giorno);
  • evitare cibi molto speziati o acidi;
  • alleviare la pressione sulla prostata cercando di non stare troppo a lungo seduti, oppure sedersi su un cuscino;
  • fare attività fisica;
  • esercitare i muscoli del pavimento pelvico;
  • non usare la bicicletta oppure farlo utilizzando appositi pantaloncini imbottiti per attutire l’impatto sulla prostata;
  • provare tecniche di rilassamento (respirazione controllata, meditazione, musica dolce, yoga etc.).

 

I rimedi che sono efficaci per qualcuno,mentre per qualcun altro possono non portare alcun beneficio. È consigliabile annotare su un diario le proprie abitudini alimentari e le attività quotidiane, per capire se determinati comportamenti possono migliorare o peggiorare i sintomi della prostatite. Questo diario sarà anche di aiuto al medico per consigliare la terapia più adeguata al paziente.

 

La prostatite può accompagnarsi a sintomi simili a quelli del tumore alla prostata, ma non per questo la sua comparsa aumenta il rischio di altre malattie prostatiche.
È opportuno consultare un medico quando si prova un forte dolore a livello pelvico e/o quando si prova sofferenza durante la minzione o l’eiaculazione. Alcuni tipi di prostatite possono peggiorare o determinare altri problemi di salute (ascessi, infezioni batteriche del sangue, alterazioni dello sperma con possibile infertilità, innalzamento dei livelli di PSA se non vengono trattati in tempo.

 

Proprio l’aumento del PSA è una conseguenza della prostatite che può allarmare il paziente, perché il PSA è il principale marcatore del tumore alla prostata. In realtà non è stato individuato alcun collegamento tra prostatite e rischio tumorale.

Fonte: Plotnick B, How Prostatitis Differs from Prostate Cancer, Newsmax, 26 Marzo 2016

Mayo Clinic, Diseases and Conditions: Prostatitis, 2014

National Cancer Institute, Understanding Prostate Changes: A Health Guide for Men

Prostate Cancer UK, Prostatitis, 2015

WebMD, Prostate Problems, 2014

 
 

Potrebbe interessarti anche...

  • Le emozioni del paziente: dopo la diagnosi

    Esploriamo le diverse emozioni che una diagnosi di tumore alla prostata può scatenare nel paziente. Partiamo da una certezza: parlarne con gli altri è la strategia migliore per superare le emozioni negative.

  • Biopsia della prostata: domande e risposte

    La biopsia è un esame necessario per diagnosticare il tumore alla prostata. Rispondiamo alle domande più frequenti dei pazienti, per spiegare in cosa consiste e come si svolge.

  • Il medico di Medicina Generale nella gestione del tumore alla prostata

    Come si inserisce il medico di Medicina generale nella gestione del paziente oncologico? Il suo ruolo è molto più complesso rispetto alla semplice prescrizione di farmaci ed esami e la vera sfida sarà quella di integrarlo nella Prostate Cancer Unit.

  • Incontinenza urinaria e disturbi della minzione

    Cosa sono i disturbi della minzione e quali i sintomi che li caratterizzano? Proviamo a guardarli da vicino.

  • La terapia di supporto in Oncologia

    Esistono una serie di terapie adiuvanti che sostengono il paziente e i suoi familiari nel difficile percorso della malattia. Questi interventi, gestiti da specialisti, sono parte integrante della cura in Oncologia.

  • Le domande da porre al medico: la fatigue

    La fatigue è una condizione diffusa tra i malati oncologici, ma le cause e i sintomi possono variare notevolmente da caso a caso. Suggeriamo ora alcune domande da porre al medico per affrontarla.

  • Tumore alla prostata: gradi e severità

    Esistono vari tipi di tumore alla prostata e la loro classificazione è il frutto di diversi esami e valutazioni cliniche. Una panoramica su stadiazione e grading.

  • I tumori in Italia: sopravvivenza, aspettativa e qualità di vita

    Migliore sopravvivenza, maggiore aspettativa e migliore qualità di vita dopo la diagnosi: le sfide vinte e quelle a venire dell’oncologia italiana, sulla base dei dati del “Rapporto AIRTUM 2016 sulla sopravvivenza dei pazienti oncologici in Italia”.

  • Risonanza magnetica per lo screening del cancro della prostata

    L’uso della risonanza magnetica potrebbe cambiare i protocolli di screening per il cancro della prostata. Vediamo i dati presentati a Londra in occasione della 32 conferenza della European Association of Urology (EAU).

  • L’equipe al servizio del paziente

    Il tumore alla prostata richiede un approccio multidisciplinare, mantenendo al centro l’interesse e la specificità del paziente. Approfondiamo il ruolo e le competenze delle varie figure cliniche coinvolte nella cura.

  • Tumore alla prostata avanzato: consigli pratici

    Come convivere con una diagnosi di tumore alla prostata metastatico: consigli e informazioni per affrontare la malattia e godersi il più possibile la vita.

  • Il ciclismo e la prostata

    Andare in bicicletta può danneggiare la prostata? Esiste una correlazione tra ciclismo e tumore prostatico? Sulla base dei dati disponibili oggi, la risposta è no.

  • Sorveglianza attiva e qualità di vita del malato

    Sorveglianza attiva e vigile attesa: facciamo chiarezza sulle possibili alternative ai trattamenti per il tumore alla prostata.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok