Consumo di latticini, cibi ricchi di calcio e prostata

Consumo di latticini, cibi ricchi di calcio e prostata

13 Febbraio 2017

Il consumo eccessivo di latte, formaggi, yogurt e altri alimenti ricchi di calcio potrebbe influenzare l’incidenza e la mortalità per tumore alla prostata, ma non esistono ancora evidenze scientifiche universalmente riconosciute.

Consumo di latticini, cibi ricchi di calcio e prostataAlcuni ricercatori ritengono che il latte vaccino sia responsabile della crescita di tumori ormono-sensibili, poiché contiene estrogeni. Secondo questa teoria, il consumo di prodotti caseari potrebbe promuovere la trasformazione di lesioni pre-cancerogene o di cellule alterate in tumore invasivo.
Un’altra teoria, sostenuta da alcuni clinici, ritiene che l’assunzione abituale di alimenti ricchi di calcio potrebbe deteriorare il metabolismo della vitamina D e aumentare, di conseguenza, la concentrazione della somatomedina C (fattore di crescita insulino-simile 1 o IGF-1), responsabile dell’attività ormonale e, in particolare, del livello di testosterone nell’organismo.
I prodotti a base di latte intero ed i latticini particolarmente grassi (in particolare i formaggi) sono, in questo senso, considerati dannosi, e diverse pubblicazioni hanno provato ad indagare il rapporto tra consumo di latticini e tumore alla prostata.
Al momento non esistono ancora evidenze certe di questo legame, soprattutto perché non è stata considerata attentamente l’eventuale presenza di fattori di confondimento quali, a titolo esemplificativo, la comorbidità e l’età avanzata del paziente.

 

Non esistono neppure linee guida condivise sulla quantità giornaliera di latticini più indicata nell’ambito di un’alimentazione sana, ma in media il suggerimento è quello di assumere 2-3 tazze di latticini (inclusi latte e yogurt) al giorno. Bisogna, inoltre, sottolineare come, con l’aumentare dell’età, la necessità di calcio dell’organismo si riduce e queste quantità andrebbero ridimensionate.

 

Numerosi studi di coorte e ricerche cliniche sono giunti alla conclusione che il consumo di moderate quantità di latticini e prodotti ricchi di calcio ridurrebbero l’incidenza e la mortalità per tumore alla prostata. Queste osservazioni non sono ad oggi condivise dalla comunità scientifica, ma limitare il consumo di latticini nella propria alimentazione quotidiana comporta una serie di benefici ulteriori per l’organismo, tra cui una minore assunzione di grassi saturi e di colesterolo.

 

In un articolo pubblicato sulla rivista JNCI, il dottor William Danby della Dartmouth Medical School di Hanover ha fatto notare che «non sappiamo quali ormoni e in quali quantità siano presenti nei cibi che ingeriamo» e che la ricerca non ha ancora approfondito in maniera esaustiva «gli effetti che gli ormoni assunti attraverso la dieta avrebbero sul tumore e su altre malattie che colpiscono milioni di persone». Si rende necessaria, quindi, un’indagine meticolosa sui livelli di steroidi, fattori di crescita e altri tipi di ormoni presenti negli alimenti, in particolare nella carne e nei latticini.

Fonte: Aune D, et al., Dairy products, calcium, and prostate cancer risk: a systematic review and meta-analysis of cohort studies, Am J Clin Nutr. 2015; 101 (1): 87-117. doi: 10.3945/ajcn.113.067157
Boyles S, Lots of Dairy Linked to Prostate Cancer, WebMD, 6 Dicembre 2005

Barnard ND, Milk Consumption and Prostate Cancer, Physicians Committee for Responsible Medicine

Greger M, Organic Milk and Prostate Cancer, Nutrition Facts, 7 Febbraio 2015

Danby FW, Re: Endogenous Sex Hormones and Prostate Cancer: A Collaborative Analysis of 18 Prospective Studies, JNCI J Natl Cancer Inst (2008); 100 (19): 1412-1413.
doi: 10.1093/jnci/djn287

Prostate Cancer Risk Factors, American Cancer Society, 2016

 
 

Potrebbe interessarti anche...

  • L’equipe al servizio del paziente

    Il tumore alla prostata richiede un approccio multidisciplinare, mantenendo al centro l’interesse e la specificità del paziente. Approfondiamo il ruolo e le competenze delle varie figure cliniche coinvolte nella cura.

  • Gestire lo stress del malato oncologico

    Convivere con un tumore è fonte di profondo stress per il paziente: ecco alcuni consigli per migliorare la propria qualità di vita.

  • Consigli per un’alimentazione ricca di fibre

    Le fibre sono nutrienti essenziali nella dieta e assumono un ruolo chiave nell’alimentazione dei malati oncologici. Vi proponiamo alcuni consigli per aumentarne l’assunzione giornaliera.

  • I benefici del consumo di pomodori

    Una revisione dei precedenti studi sul tema sembra confermare l’esistenza di una relazione tra consumo di pomodori e riduzione del rischio di tumore alla prostata, grazie alla presenza di una sostanza nota come licopene.

  • Sessualità, tumore ed effetti collaterali delle terapie

    Le terapie per contrastare il tumore alla prostata possono determinare effetti collaterali che hanno un impatto negativo sulla sessualità del paziente. Ma davvero il sesso deve passare in secondo piano?

  • Le emozioni del paziente: dopo la diagnosi

    Esploriamo le diverse emozioni che una diagnosi di tumore alla prostata può scatenare nel paziente. Partiamo da una certezza: parlarne con gli altri è la strategia migliore per superare le emozioni negative.

  • Le domande da porre al medico: malattia e stile di vita

    Dopo una diagnosi di tumore alla prostata, è importante instaurare un dialogo costruttivo con il proprio medico curante. Ecco alcune domande da porre.

  • Le domande da porre al medico: terapia

    Vi proponiamo una lista di domande da porre al medico curante per chiarire ogni dubbio sulle terapie a disposizione dei pazienti con tumore alla prostata.

  • Atteggiamento mentale e tumore

    Mantenere un atteggiamento positivo nei confronti della vita può ridurre il rischio di tumore o influenzare gli esiti della malattia?

  • Il medico di Medicina Generale nella gestione del tumore alla prostata

    Come si inserisce il medico di Medicina generale nella gestione del paziente oncologico? Il suo ruolo è molto più complesso rispetto alla semplice prescrizione di farmaci ed esami e la vera sfida sarà quella di integrarlo nella Prostate Cancer Unit.

 
 

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok