Consumo di alcol e rischio di cancro alla prostata: nuovi dati

Consumo di alcol e rischio di cancro alla prostata: nuovi dati

8 Gennaio 2020

I risultati di uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Oncology sembrano mostrare come il consumo moderato di alcol, in particolare il vino rosso, sia associato a una minore mortalità rispetto all'astensione in pazienti con una diagnosi di cancro alla prostata.

Consumo alcol e rischio cancro prostata

La relazione tra il consumo di alcol e il rischio di cancro alla prostata non è chiara. Come non è chiaro se l'assunzione di alcol sia associata al rischio di cancro alla prostata letale (metastatico o fatale). Sappiamo che l'American Cancer Society non indica l'alcol tra i fattori di rischio noti per il cancro alla prostata. Allo stesso modo, per la Prostate Cancer Foundation non esiste un legame diretto tra il consumo di alcolici e un aumentato rischio di cancro alla prostata.
Se guardiamo i dati provenienti da una revisione sistematica del 2016 vediamo che gli uomini che consumano alcolici potrebbero avere un rischio maggiore di sviluppare la malattia rispetto a quelli che si astengono, con il rischio che aumenta proporzionalmente all'assunzione di alcol. Ma va detto che la revisione ha incluso dati provenienti da studi in cui erano gli uomini a fare autodichiarazioni sul proprio consumo di alcol, che potrebbero non essere affidabili. Infine, i risultati di uno studio del 2018 hanno indicato come sembri esistere un legame tra il consumo di alcol in giovane età [link a https://prostatanonseisolo.it/le-nostre-notizie/alcol-e-cancro-alla-prostata-iniziare-a-bere-presto-fa-male/339] e il rischio di sviluppare il cancro alla prostata in un seguito nella vita. Anche questo studio, seppure fornisca dati molto importanti, presenta alcuni limiti, come ad esempio la dipendenza da informazioni auto-riportate, che potrebbero essere soggette a errore. Inoltre, a questo si aggiunge che i forti bevitori all'interno dello studio erano spesso anche forti fumatori e che chi ha dichiarato di aver consumato molto alcol precocemente nella vita in genere ha continuato a bere molto durante tutta la vita.

 

Seppure nell’incertezza del dato, gli autori di queste ricerche hanno evidenziato la necessità di ulteriori indagini sugli effetti dell'alcool sul rischio di cancro alla prostata. Una sfida che è stata raccolta dai ricercatori statunitensi della Harvard T.H. Chan School of Public Health, del Brigham and Women’s Hospital e della Harvard Medical School di Boston, e della University of California di San Francisco. Gli studiosi hanno indagato se l'assunzione di alcol tra gli uomini a rischio di cancro alla prostata fosse associata alla diagnosi di cancro alla prostata letale e se il consumo di alcol tra gli uomini con carcinoma prostatico non metastatico fosse associata a metastasi o mortalità. In particolare, hanno condotto uno studio prospettico ha osservato una coorte di 47.568 uomini senza una diagnosi di cancro, chiedendosi se l'assunzione di alcol tra gli uomini a rischio di cancro alla prostata fosse associata ad una diagnosi di cancro alla prostata letale e se il consumo di alcol tra gli uomini con carcinoma prostatico non metastatico fosse associata a metastasi o mortalità.

Consumo di alcol e rischio di cancro alla prostata: i nuovi dati

 

Questo studio di coorte prospettico è stato realizzato a partire dai dati raccolti dal 1986 al 2012 dallo Health Professionals Follow-Up Study. L’analisi relativa all'assunzione di alcol tra gli uomini con carcinoma della prostata è stata limitata ai 5.182 uomini che hanno ricevuto una diagnosi di carcinoma prostatico non metastatico durante il follow-up. È stata esaminata l'associazione totale tra alcol, vino rosso e bianco, birra e liquore con il cancro alla prostata letale e mortalità.

 

In particolare, gli autori hanno scoperto che i bevitori di alcool senza cancro avevano un rischio leggermente inferiore di cancro alla prostata letale rispetto agli astemi. Inoltre, lo studio ha scoperto come a seguito di una diagnosi di cancro, consumare da 15 a 30 g/die di alcol totale fosse associato a un minor rischio di morte rispetto all'astensione. In particolare, tra gli uomini con carcinoma della prostata, il vino rosso fosse associato ad un minor rischio di progressione verso la malattia letale.

 

Le associazioni osservate meritano ulteriori studi, ma, stando alle conclusioni riportate dagli autori dello studio, il consumo moderato di alcol - da 3 a 6-7 bicchieri la settimana per intenderci - sembra essere sicuro e può essere associato a un ridotto rischio di mortalità tra gli uomini con carcinoma della prostata.

 

Consumo di alcol e rischio di cancro alla prostata: il messaggio da portare a casa

 

«I nostri risultati indicano che l'assunzione moderata di alcol tra gli uomini con carcinoma della prostata non è associato un maggior rischio di progressione verso la malattia letale o la mortalità complessiva», spiegano gli autori della ricerca. «Soprattutto, il vino rosso sembra avere un potenziale beneficio per gli uomini con cancro alla prostata che merita ulteriori ricerche».

 

Allo stesso modo anche i potenziali legami tra il consumo di alcol e il rischio di cancro alla prostata, prima di arrivare a conclusioni affrettate, vanno indagati meglio, ma possiamo dire che per le persone con cancro alla prostata, bere con moderazione è generalmente sicuro. Tuttavia, l'alcol può interagire con i farmaci o altri trattamenti, quindi è sempre meglio consultare un medico per verificare che bere alcolici non sia dannoso per loro. Più in generale, è bene però sottolineare come mettere in conto alcuni cambiamenti nello stile di vita possa aiutare una persona a vivere bene durante le terapie per il cancro alla prostata. Questi cambiamenti possono includere il ridurre l'assunzione di alcol, l’aumentare l’attività fisica e il seguire una dieta salutare. Ed è da qui che dovrebbe partire la conversazione con il proprio medico.

 

Fonte:

Mary K. Downer MK, Kenfield SA, Stampfer MJ, et al. Alcohol Intake and Risk of Lethal Prostate Cancer in the Health Professionals Follow-Up Study. Journal of Clinical Oncology 2019; 37(17): 1499-1511. doi: 10.1200/JCO.18.02462. (ABSTRACT)

 

American Cancer Society. Prostate Cancer Risk Factors(Ultimo accesso 22 Luglio 2019).

 

LoConte NK, Brewster AM, Kaur JS, Merrill JK, Alberg AJ. Alcohol and cancer: a statement of the American Society of Clinical Oncology. J Clin Oncol. 2018; 36(1): 83-93. doi: 10.1200/JCO.2017.76.1155. (ABSTRACT)

 

Prostate Cancer Risk Factors, Prostate Cancer Foundation (Ultimo accesso 19 Luglio 2019).

 

Zhao J, Stockwell T, Roemer A, Chikritzhs T. Is alcohol consumption a risk factor for prostate cancer? A systematic review and meta–analysis. BMC Cancer 2016; 16: 845. doi: 10.1186/s12885-016-2891-z.

 

Michael J, Howard LE, Markt SC, et al. Early-Life Alcohol Intake and High-Grade Prostate Cancer: Results from an Equal-Access, Racially Diverse Biopsy Cohort. Cancer Prev Res. 2018; 11(10): 621-628. doi: 10.1158/1940-6207.CAPR-18-0057. (ABSTRACT)

 
 

Potrebbe interessarti anche...

  • Consumo di latticini, cibi ricchi di calcio e prostata

    Il consumo eccessivo di latte, formaggi, yogurt e altri alimenti ricchi di calcio potrebbe influenzare l’incidenza e la mortalità per tumore alla prostata, ma non esistono ancora evidenze scientifiche universalmente riconosciute.

  • Tumore della prostata: più a rischio gli alti e gli obesi

    Altezza e obesità sono associati ad un aumentato rischio di cancro alla prostata aggressivo: sono i risultati dallo studio di coorte EPIC, pubblicato sulla rivista BMC Medicine.

  • Cancro alla prostata: gli step della prevenzione

    Il cancro alla prostata può essere prevenuto? Se è vero che molti fattori di rischio come età, razza e storia familiare non possono essere controllati, è vero anche che è possibile provare a ridurre il rischio di contrarlo facendo scelte salutari, come praticare un esercizio fisico costante e seguire una dieta sana. Vediamo cosa significa fare prevenzione.